26 mar 2018

Strade colabrodo e buche: a che punto siamo?


Quanti e quante di voi quest’anno si sono accorti delle molte buche e avvallamenti sul manto stradale?

E’ stata pubblicata qualche giorno fa una mappa sul sito chiaraappendino.it che evidenzia con dei simboli di lavori i n  corso le prossime opere i manutenzione al manto stradale.

In verità mancano molte strade e piazze il cui decoro e manto stradale sono un colabrodo.

Untitled-1

Su tutti ad esempio nel quartiere Aurora la via Cigna e la piazza Monumentale di Maria Ausiliatrice dove ci starebbe bene un campo da golf!

E’ vero che la stagione invernale tra neve, gelo e pioggia ha rovinato il manto bituminoso ma è pur vero chela manutenzione ha riguardato poche strade e piazze in una disorganizzazione generale degli interventi.

Inoltre laCittà di Torino si è aggiudicata i 18 milioni stanziati dal Governo, per un totale di 45 milioni da destinare alla riqualificazione delle periferie nel progetto AxTo. 

Molti di queste risorse saranno utilizzate proprio per risistemare marciapiedi e corsie stradali malandate con opere di manutenzione ordinaria e straordinaria!

Questa mappa speriamo sia solo un inizio perché le aree bisognose di manutenzione sono molte di più.

In più vi indichiamo link e contatti per segnalare tali disservizi:

L’Amministrazione è impegnata ad ascoltare, accettare e registrare eventuali suggerimenti e/o reclami riguardanti disservizi o il mancato rispetto degli impegni fissati nella “Carta della qualità” – Manutenzione del suolo pubblico

I reclami, suggerimenti, e/o segnalazioni possono essere effettuati per mezzo:
-  e-mail,  all’indirizzo di posta elettronica:  info.viabilitaetrasporti@comune.torino.it
-  posta ordinaria, all’indirizzo postale Città di Torino – Direzione Infrastrutture e mobilità – Servizio Suolo e parcheggi – Piazza San Giovanni 5 – 10122 Torino
-  telefono, ai numeri 011.011.33103 – 23569 della Segreteria del Servizio Suolo e Parcheggi

 

 


asfaltoaxtobuchechiaraappendinocittàManutenzionemobilitàmobilita torinoprogrammazionetorino


Lascia un Commento