Articolo
09 mar 2018

Ad aprile partiranno i lavori di riqualificazione di Via Nizza

di Alberto Garbin

Partirà nel mese di aprile l’intervento di riqualificazione dell’asse di via Nizza che lo trasformerà in un viale moderno e funzionale, una sorta di centro commerciale naturale, gradevole da percorrere e più sicuro per tutti gli utenti della strada. Una particolare attenzione verrà data all'abbattimento delle barriere architettoniche che, unito ai lavori di rifacimento dei marciapiedi, contribuirà a migliorare la mobilità e vivibilità dell’asse viario, in particolare delle persone anziane e con disabilità, enfatizzata anche grazie all’utilizzo di materiali di alta qualità lungo tutto l’intervento inseriti come miglioria dall’azienda vincitrice dell’appalto. Ma in generale ogni accortezza è stata studiata per rendere più sicuro tutto l’asse stradale per pedoni e ciclisti: dagli incroci rialzati in corrispondenza delle via traverse fino al colore rosso in asfalto drenante delle piste ciclabili per garantire una migliore visibilità della strada. Lungo la via verranno create alcune aree per la sosta attrezzate con panchine e rastrelliere che, insieme alla posa di fioriere e alla realizzazione di opere di street art, renderanno tutto l’ambiente più gradevole e attraente. Nel tratto da corso Vittorio Emanuele II e fino a corso Marconi ci sarà spazio anche per oltre 70 alberi di media grandezza e verrà inoltre integrata l’illuminazione pubblica con nuovi punti luce a led per garantire maggiore visibilità e sicurezza. Il posizionamento e l’eventuale temporanea rimozione dei dehors durante la fase di cantiere verrà concordata a partire dalle prossime settimane al fine di ridurre al minimo i disagi per gli esercizi commerciali e, contestualmente, garantire un corretto svolgimento dei lavori. “Le linee guida seguite nella progettazione – spiega l’assessora alla Viabilità, Maria Lapietra - mirano al raggiungimento dell’obiettivo di una graduale ridefinizione dello spazio urbano viario, con un riequilibrio delle diverse modalità di trasporto e una riqualificazione della strada con l’obiettivo di realizzare un centro commerciale naturale dagli elementi innovativi, realizzando una via smart dotata di sensori per incentivare la connettività tra utenti e gli esercizi commerciali. I lavori, che sono stati appaltati con una base d’asta di 2milioni e350mila euro ottenendo un ribasso di gara pari al 13,5%, si concluderanno entro l’autunno del 2019. FONTE: Comunicati Stampa Città di Torino

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 feb 2018

Domenica 25 febbraio ZTL chiusa al traffico

di Alberto Garbin

Tornano le “Domeniche per la sostenibilità”, un’occasione per promuovere la cittadinanza attiva e far crescere la coscienza ambientale. Domenica 25 febbraio sarà la prima di queste giornate, una al mese da febbraio a novembre con uno stop ad agosto: ogni ultima domenica del mese e dalle ore 10 alle ore 18, il centro storico di Torino (entro i confini della Ztl centrale) sarà chiuso al traffico veicolare per diventare uno spazio aperto e vivibile, occasione per riflettere sul rapporto tra salute delle persone e salute dell’ambiente, e come questo rapporto sia indivisibile. Domenica prossima dunque centro storico chiuso al traffico entro i confini della Ztl centrale dalle ore 10 alle ore 18. Esenti veicoli funzionati a motore elettrico o a idrogeno, mezzi pubblici, taxi, noleggio e car sharing e altre categorie elencate nell’ordinanza, che indica anche i limiti della Ztl centrale. Il testo dell’ordinanza n. 09/AA è pubblicata oggi all’albo pretorio del Comune. In occasione della Domenica per la Sostenibilità, Amiat spa parteciperà allestendo in via Roma angolo via Battisti il proprio centro ambientale mobile, un punto di informazione e di sensibilizzazione rivolto alla cittadinanza, per tutta la durata della chiusura al traffico del centro. In quel tratto di strada il personale del Centro Scienza Onlus svolgerà attività di animazione e di educazione rivolta a bambini e adulti. FONTE: Comunicati Stampa Città di Torino

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 feb 2018

Gobee bike dice addio a Torino?

di Alessandro Graziano

Dopo gli abbandoni in alcune città francesi Gobee Bike, il colosso di Hong Kong  ha lasciato anche Torino, la città italiana scelta per sondare il mercato nel nostro Paese. Ufficialmente non sono state date ragioni di questo abbandono, dall'azienda promettono che presto sarà diramato un comunicato ufficiale, ma intanto la maggior parte delle bici è già stata ritirata e ne restano solo una trentina a disposizione. In Francia, la roccaforte europea di Go.bee, sta accadendo lo stesso con Lille e Reims che sono rimaste senza servizio, e anche Bruxelles in Belgio le bici verdi sono sparite, ma dovrebbe accadere lo stesso nelle altre città, da Parigi a Lione dove formalmente è ancora attivo. Le ragioni del forfait sarebbero legate ai problemi tecnici del pannello solare installato sui mezzi per alimentare il servizio di sblocco della ruota e ai troppi episodi di vandalismo. Secondo quanto riportato da Le Figaro, ad esempio a Reims 380 biciclette delle 400 messe a disposizione in città non erano più utilizzabili dopo due mesi di servizio. Ma il problema che rende difficile l'utilizzo in tutta Europa e favorisce però i furti, sarebbe proprio il piccolo pannello solare che non riuscirebbe ad accumulare abbastanza energia a causa della diversa esposizione ai raggi del sole che si ha nel Vecchio Continente rispetto all'Asia dove non si sono mai registrati inconvenienti. Si tratta del primo grande flop del bike sharing di modello asiatico in Europa. Un business su cui molti avanzano dubbi ma che oggi ha una aspettativa di ricavi da 5,8 miliardi di dollari da qui al 2020. Sono almeno 600 i servizi di questo tipo, sparsi in 50 Paesi dove ci sarebbero quasi un milione di bici. Quindi anche da Torino go.bee bike è destinata a sparire, facendo le valigie bici in spalla!  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 gen 2018

Ecco le immagini della rinnovata stazione di Settimo Torinese

di Alberto Garbin

Dalla pagina facebook del Servizio Ferroviario Metropolitano di Torino ecco alcune immagini della rinnovata stazione ferroviaria di Settimo, servita appunto dalle linee 1 e 2 del SFM. Ecco alcune caratteristiche: nuovi marciapiedi ad altezza 55 centimetri (specifico per i convogli SFM) restyling del fabbricato sia della parte esterna sia dei locali interni - biglietteria e sala d’attesa restyling del sottopassaggio, di tutte le pensiline e dei servizi igienici nuovo sistema di informazioni ai viaggiatori e servizio Wi-Fi Station.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 gen 2018

Riattivati impianti semaforici di Via Roma

di Alberto Garbin

Saranno riattivati i semafori all’angolo tra le vie Roma e Gramsci e quelli tra corso De Gasperi e via Caboto. I due impianti, che necessitano di un intervento di manutenzione straordinaria a seguito di guasti legati anche alla vetustà, nelle ultime settimane sono rimasti spenti per verificarne l’effettiva utilità sulla regolazione del traffico.Al termine del primo mese di sperimentazione, in base alle risultanze del monitoraggio effettuato dal Corpo di Polizia Municipale e delle segnalazioni ricevute dai cittadini, si è deciso di ripristinare il funzionamento dei semafori agli incroci adeguandoli alle disposizioni del nuovo Codice della strada.A effettuare i lavori sarà IREN Energia S.p.A., gestore per la parte impiantistica del sistema semaforico cittadino.Si prevede che l’intervento per la riattivazione provvisoria degli impianti possa concludersi nell’arco di 60 giorni, mentre per il completo rinnovo tecnologico sarà necessario un periodo supplementare.   FONTE: Comunicati Stampa Città di Torino

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 gen 2018

Ricomincia lo stop ai diesel fino euro4

di Alberto Garbin

A partire da oggi, 16 gennaio, le autovetture private ad alimentazione diesel con classe emissiva inferiore e uguale ad euro4 non potranno circolare in città dalle ore 8 alle ore 19 tutti i giorni, festivi compresi. Anche per i mezzi commerciali ad alimentazione diesel il blocco è confermato fino alla classe euro4, ma con orario 8,30-14 e 16-19 dal lunedì al venerdì, 8.30-15 e 17-19 il sabato e nei giorni festivi.Il ritorno alla normalità sarà possibile soltanto con il rientro del valore delle micropolveri presenti nell’aria cittadina al di sotto della soglia di 50 microgrammi al metro cubo, tetto previsto dalle norme europee.Il provvedimento si è reso necessario a causa del perdurare dell’elevata presenza di polveri sottili (oltre i quattro giorni consecutivi). Esenzioni per particolari categorie di persone e di veicoli e territorio interessato sono indicate alla pagina http://www.comune.torino.it/ambiente/aria/limitazioni-del-traffico-a-torino.shtml. È prevista la possibilità di circolare per i mezzi che trasportano almeno tre persone (car pooling). FONTE: Comunicati Stampa Città di Torino

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 gen 2018

Arrivano i soldi per il prolungamento verso Cascine Vica della M1

di Alberto Garbin

E’ arrivata finalmente la tanto attesa notizia della firma del decreto da parte del Ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, con il quale si dà corso al finanziamento del completamento della linea 1 della metropolitana di Torino, con l'estensione fino a Cascine Vica per un importo complessivo di 233 milioni di euro.Soddisfazione è stata espressa da Palazzo Civico nei confronti dei responsabili del Ministero e della sua Struttura Tecnica di Missione sia per l’impegno assunto nello sviluppo del trasporto rapido di massa sia per l'acquisto di nuovi mezzi sul territorio: ”Infatti oltre al prolungamento della tratta della metropolitana, che si attendeva da vent’anni, con il dispositivo ministeriale – sottolinea Maria Lapietra, assessora comunale ai trasporti - saranno acquistati nuovi tram per un importo di circa 75 milioni di euro, che GTT potrà inserire nel proprio piano industriale”. FONTE: Comunicati Stampa Città di Torino

Leggi tutto    Commenti 0