Articolo
30 apr 2018

Università: avanzano i lavori del complesso Aldo Moro

di Alessandro Graziano

Qualche aggiornamento sul complesso edilizio e la futura piazza Aldo Moro La riqualificazione dell’area comprende la completa bonifica e progettazione degli spazi di Palazzo Nuovo, e il progetto dei nuovi edifici dell’area del piazzale Aldo Moro (oltre 50 mila mq di nuovi insediamenti su una superficie di 10.500 mq) come modello di insediamento “campus urbano", in cui gli edifici universitari diventano strutture aperte, integrate e diffuse nel tessuto cittadino. Il complesso prevede per l’Università di Torino circa 10 mila mq dedicati a: uffici spazi per gli studenti (per un totale di 6 nuove aule con oltre 800 nuovi posti stimati) residenze universitarie 5 mila mq invece sono destinati a servizi commerciali convenzionati. Il progetto prevede anche un parcheggio pluripiano interrato su 3 livelli in parte ad uso convenzionato con l’Università, in parte a uso pubblico e a box privati. Il costo delle nuove opere, affidato secondo le modalità di Project Financing alla società di progetto concessionaria U.S.P. University Service Project, che si occupa della progettazione definitiva, dell’esecuzione lavori e della gestione dell’opera per 29 anni dal termine dei lavori, è di oltre 50 milioni di euro. Il nuovo complesso edilizio è organizzato in 3 fabbricati principali, ciascuno con una propria connotazione caratteristica, ma con elementi in dialogo con Palazzo Nuovo e la Mole che armonizzano l’intera area. Il progetto prevede copertura dei tetti a giardino, una modalità costruttiva sostenibile e utile al risparmio energetico (assorbimento dell’acqua, normalizzazione degli sbalzi di temperatura e ottimo potere termo e fono isolante) e aree fruibili ai cittadini con corti interne tra gli edifici al fine di integrarsi nel centro storico della Città di Torino per l’organizzazione di eventi culturali e occasioni di incontro. Il collegamento al gruppo di trigenerazione installato inoltre a Palazzo Nuovo permetterà di sfruttare una centrale elettrica già esistente. altre news sul sito di unito https://www.unito.it/gallerie/complesso-edilizio-aldo-moro

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 set 2017

Festa dei vicini 2017: per una Torino vicina!

di Alessandro Graziano

Per l’undicesimo anno consecutivo la Città di Torino e l’Agenzia Territoriale per la Casa aderiscono alla rete dei partecipanti alla Giornata Europea dei Vicini: l’appuntamento torinese è fissato per sabato 16 e domenica 17 settembre. Nata nel 1999 nel 17° Arrondissement di Parigi, su iniziativa di Atanase Périfan e dell’associazione Paris d’Amis, la Giornata Europea dei Vicini è promossa dall’associazione European Neighbour’s Day ed è un appuntamento ormai consolidato, che si prefigge di contrastare l’isolamento e l’individualismo che troppo spesso caratterizzano i quartieri e i condomini delle grandi città. I numeri sono importanti: 20 milioni di partecipanti, distribuiti in 36 Paesi, 1400 partner. In Italia, la Festa è patrocinata da ANCI e Federcasa, l’associazione nazionale degli enti di edilizia sociale. L’obiettivo è quello di promuovere le buone relazioni di vicinato e rinforzare i legami di prossimità e di solidarietà sociale. Partecipare è gratuito e molto semplice: chiunque può aderire, basta compilare la scheda di adesione e inviarla seguendo le indicazioni. Compilando la scheda di iscrizione, l’evento sarà inserito nel calendario degli appuntamenti della Festa dei Vicini edizione 2017. I partecipanti avranno il compito di organizzare un momento di convivialità per coinvolgere i propri vicini di casa. Chi porta una torta, chi una bottiglia di vino per il brindisi; l’importante è stare insieme. Sono sempre tantissimi i torinesi che raccolgono l’invito e decidono di scendere in strada o in cortile per brindare ai rapporti di buon vicinato. Nelle case popolari, poi, la festa è particolarmente sentita: da Mirafiori a Barriera di Milano, gli inquilini danno vita ai banchetti più affollati della giornata. A Torino quest’anno la Festa dei Vicini sarà collocata all’interno del programma di eventi della Settimana europea della Mobilità Sostenibile. Facile associare l’appuntamento, pensato per promuovere la solidarietà di vicinato in un’epoca caratterizzata dall’isolamento sociale ai temi della mobilità condivisa che saranno parte della manifestazione – lo slogan della quale è, appunto, “Condividere ti porta lontano” – in programma anche quest’anno dal 16 al 22 settembre.

Leggi tutto    Commenti 0