Articolo
30 dic 2017

Dal 3 gennaio chiuso il sottopasso Lingotto

di Alberto Garbin

Da mercoledì 3 gennaio 2018 il sottopasso “Lingotto” rimarrà chiuso al traffico per alcuni giorni.Dopo la pausa per le festività natalizie riprenderà infatti lo scavo della galleria della metropolitana in direzione di piazza Bengasi che comporterà la chiusura del sottopasso Lingotto. La durata dei lavori dovrebbe essere intorno ai 3-5 giorni.La chiusura riguarderà tutte le rampe di accesso al sottopasso (corsi Giambone e Unità d’Italia e via Ventimiglia) ed entrambe le carreggiate, nel tratto compreso tra i corsi Corsica e Unità d’Italia.Dopo il passaggio della scavatrice, la circolazione sarà riattivata su due corsie di marcia in carreggiata nord e su una corsia di marcia in carreggiata sud.   FONTE: Comunicati Stampa Città di Torino

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 dic 2017

Tram in piazza Baldissera: approvato il progetto definitivo

di Fabio Nicolosi

La Giunta Comunale ha approvato questa mattina il progetto definitivo redatto dalla società Infratrasporti.To per la realizzazione dell’impianto tranviario in piazza Baldissera. L’intervento, che consentirà di ripristinare il percorso originario della linea 10, tra le vie Settembrini e Massari, rientra nell’ambito della sistemazione superficiale del viale della Spina, nel tratto compreso tra piazza Baldissera e corso Grosseto. Il tratto del collegamento in progetto, tra i binari esistenti di via Cecchi e quelli di via Chiesa della Salute, avrà una lunghezza complessiva di circa 400 metri. Il ripristino della linea 10, che tornerà così a essere interamente servita da tram, sarà realizzato con una lieve variazione del tracciato rispetto al percorso preesistente per le modifiche di superficie derivanti ai lavori sul viale, ma senza variazioni sostanziali di sviluppo. “Una volta posati i binari, la linea 10 tornerà a essere un fondamentale asse della mobilità cittadina e un importante tassello per un sistema di trasporto pubblico efficiente ed ecosostenibile”, commenta l’assessora ai Trasporti e alla Viabilità Maria Lapietra. La spesa per l’esecuzione delle opere è di quasi 2 milioni e 900mila euro.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 nov 2017

Inaugurato ieri mattina il nuovo parcheggio sotterraneo di Corso Galileo Ferraris

di Alberto Garbin

Con l’inaugurazione del nuovo parcheggio interrato - tra corso Matteotti e via De Sonnaz - si chiude l’intervento di riqualificazione di corso Galileo Ferraris, iniziato negli anni scorsi. Da oggi è possibile accedere – 1 euro e 50 centesimi la tariffa oraria prevista - ai 290 posti dei quattro piani interrati, dove sono stati inoltre realizzati anche 15 box privati.In superficie un lungo viale centrale in pietra e una serie di aiuole, con ai lati le piste ciclabili, hanno preso il posto degli spazi una volta occupati dalle automobili in sosta.Gli incroci con le vie Revel, Valfrè/Bertolotti e Promis/Meucci sono stati rialzati per garantire ai pedoni l’attraversamento del corso in sicurezza, rallentare il passaggio dei veicoli ed eliminare le barriere architettoniche. Tutti i nuovi tratti pedonali sono adeguati non solo al transito dei disabili motori, ma anche di quelli visivi, grazie all’installazione di percorsi tattili loges. Inizialmente il progetto prevedeva la realizzazione di un viale centrale pedonale continuo da corso Matteotti a via Cernaia e una autorimessa da 496 posti. Dopo i rinvenimenti archeologici legati alla Cittadella di Torino, le esigenze della loro conservazione hanno richiesto un ridimensionamento del parcheggio sotterraneo. Conseguentemente è stata necessaria una modifica al progetto che garantisse l’equilibrio economico dell’operazione.I posteggi sono stati recuperati in superficie nel tratto tra via Meucci e via Bertolotti con la realizzazione di un parcheggio a barriera, in funzione dallo scorso mese di aprile.Nel contempo, per mantenere la stessa quantità di aree verdi attrezzate previste nel progetto originario, si è provveduto anche alla riqualificazione di via Meucci attraverso la creazione di un percorso pedonale alberato nella parte centrale della strada, analogo a quello esistente in via Bertolotti - e con le stesse caratteristiche tipologiche (materiali, illuminazione pubblica, ecc.) di corso Galileo Ferraris.L’intervento ha riguardato altresì l’area giochi di via Bertolotti, dove sono stati realizzati due nuovi attraversamenti pedonali e sono in corso i lavori per la messa a norma la recinzione e la sostituzione di uno dei tre scivoli con una giostrina. Al fine di salvaguardare i rinvenimenti archeologici e renderli visitabili, è stato realizzato un ampio vano sotterraneo adiacente al parcheggio, dotato di un accesso autonomo, all’interno del quale sono conservati i resti del fronte del Rivellino degli invalidi rivolto verso la Cittadella, dell’annessa polveriera delle mine, un breve segmento delle mura del primo ampliamento seicentesco della città, le rampe curvilinee di accesso al terrapieno e la galleria di collegamento con la polveriera e la cittadella. Il sito è attrezzato con una serie di pannelli illustrativi della Cittadella di Torino e dei suoi elementi costruttivi. All’interno del parcheggio sono invece conservate porzioni del muro del rivellino rivolto verso l’esterno della cittadella ed in corrispondenza della rampa di accesso uno spazio espositivo posto al primo piano interrato, anch’esso attrezzato con pannelli riportanti la documentazione storica - fotografica della Cittadella e del sistema delle gallerie di contromina. Il costo complessivo dell’opera è di circa 14 milioni e 800mila euro finanziati per 3 milioni di euro dalla Regione e per i restanti 11 milioni e 800mila euro dalla società “parcheggio Galileo Ferraris”, concessionaria del parking interrato e dell’area di sosta tra le vie Meucci e Bertolotti. “La riqualificazione di corso Galileo Ferraris, nel tratto più vicino al centro cittadino, rappresenta il primo tassello di un più ampio progetto finalizzato all’abbellimento degli spazi pubblici urbani e alla loro più ampia fruizione da parte dei cittadini – commenta l’assessora alla Viabilità, Maria Lapietra -. Gli interventi – spiega Lapietra - proseguiranno lungo l’asse di corso Siccardi, fino a piazza Arbarello, e contribuiranno a valorizzare un contesto ambientale e architettonico di valore storico, nel cuore di Torino. L’obiettivo – sottolinea l’Assessora - è quello di determinare un collegamento tra la passeggiata pedonale e il percorso ciclabile lungo corso Galileo Ferraris con l’asse ciclopedonale di via Garibaldi”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 nov 2017

Lunedì 20 novembre partono i lavori di demolizione del cavalcavia di Corso Grosseto

di Alberto Garbin

  A partire da Lunedì 20 novembre verrà demolito il cavalcavia di Corso Grosseto. I lavori saranno oggetto di un procedimento molto particolare. La struttura sarà infatti suddivisa in più parti con l’utilizzo di un filo diamantato. Un’attrezzatura che si impiega nell’edilizia per tagliare il cemento armato. I blocchi saranno poi compressi in parti da settanta tonnellate. Le operazioni comunque non dovrebbero durare non più di due o tre mesi. Sono state chiuse già due delle tre aree di sosta sotto il cavalcavia, mentre diventerà ancora più difficile raggiungere Barriera di Lanzo per cui bisognerà utilizzare via Casteldelfino e via Lucento. I lavori per il cavalcavia di corso Grosseto saranno poi seguiti dalla realizzazione del collegamento Torino-Ceres.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 ott 2017

Ecco le modifiche alla viabilità per il cantiere di Corso Grosseto

di Alberto Garbin

Finalmente dopo molto tempo entrano nel vivo i lavori per l’abbattimento del cavalcavia di corso Grosseto, e contemporaneamente, di realizzazione del collegamento ferroviario della linea Torino Ceres.Da Lunedì 9 ottobre infatti, verranno modificate le banchine spartitraffico. Un intervento preliminare per consentire lo spostamento delle carreggiate, in seguito all'apertura dell'area di cantiere per la demolizione delle strutture durante la realizzazione del collegamento Torino-Ceres. Per il momento non ci saranno grossi cambiamenti alla circolazione con l’unica eccezione di via Stradella, dove, come già avvenuto nello scorso mese di luglio, le auto non potranno percorrere il tratto tra i corsi Grosseto e Potenza. I veicoli che percorrono via Stradella, diretti oltre il nodo di corso Grosseto, potranno utilizzare le vie Casteldelfino o Lucento.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 giu 2017

Lavori tram 4 zona piazzale Caio Mario

di Alessandro Graziano

Dal 12 al 23 giugno saranno effettuati alcuni lavori di rinnovo dell’incrocio tranviario e di rifacimento della pavimentazione in corso Unione Sovietica angolo piazzale Caio Mario. La linea 4 da corso Unione Sovietica sarà deviata in entrambe le direzioni in corso Tazzoli ed in corso Agnelli. I lavori comporteranno il restringimento della carreggiata in corso Unione Sovietica in direzione Mirafiori sud durante le fasi di carico e scarico. Sempre nello stesso periodo, tra il 12 ed il 30 giugno, saranno eseguiti lavori di ripristino del manto stradale nell’area interessata dai binari e revisione dell’impianto tranviario in via Madama Cristina, tra corso Vittorio Emanuele II e via Berthollet: sarà istituito il divieto di sosta nel tratto interessato dai lavori e ci sarà un restringimento della carreggiata. Non saranno previste deviazioni dei mezzi pubblici.   Fonte: GTT

Leggi tutto    Commenti 0