Articolo
21 dic 2016

Il futuro della Clessidra nelle mani dei cittadini: oggi si chiude la sessione di voto per scegliere tra area verde ed area sportiva

di Ludovico Ragonesi

E’ la Clessidra – lo spazio verde tra i corsi Galileo Ferraris ed Enrico De Nicola, via Tirreno e largo Orbassano – l’area scelta per essere riqualificata utilizzando i 500mila euro che Palazzo Civico, attraverso il progetto “bilancio deliberativo”, destina annualmente a una delle Circoscrizioni allo scopo di finanziare un’opera o un intervento di riqualificazione proposto direttamente dai cittadini. A settembre ha preso il via un percorso di “progettazione partecipata” in quattro tappe: incontri pubblici per discutere opportunità e criticità dell’area oggetto di intervento; predisposizione di due o più progetti; dall’1 al 21 dicembre (data odierna) i cittadini sono stati invitati a votare per scegliere il progetto da presentare al Consiglio comunale, al fine di essere inserito nel bilancio deliberativo 2017; dal mese di gennaio, i residenti della Circoscrizione 1 continueranno ad essere coinvolti nella fase di realizzazione delle opere, verificando stato e andamento generale dei lavori e contribuendo a trovare soluzioni per aspetti progettuali secondari. La scelta è tra due progetti: 1. la Clessidra verde. Natura, incontro, movimento, gioco e relax per tutti; 2. la Clessidra sportiva. Sport, energia, salute e divertimento a due passi da casa. Si segnala che è ancora possibile votare fino alle 23:59 di quest'oggi (21 dicembre 2016) registrandosi con codice fiscale e carta d’identità. Oppure è possibile votare di persona nei seguenti luoghi e orari: Informa 1, via Bertolotti 10 - dal lunedì al giovedì 9 – 12.30 e 14 – 16. Venerdì 9 – 12.30; Centro Fab Lab Pavone, via Bellezia 19 - dal lunedì al venerdì ore 15 – 18; Centro Polifunzionale via Dego, via Dego 6 - dal lunedì al venerdì ore 18 – 21; Associazione Spazio Nuova Arquata, via Rapallo 20 - dal lunedì al venerdì ore 15 – 18. Per maggiori informazioni, si rimanda al sito web ufficiale della Città di Torino: http://www.comune.torino.it/circ1/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/2423 http://www.comune.torino.it/verdepubblico/2016/parchigiardini16/vota-il-progetto-il-futuro-della-clessidra.shtml

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 giu 2016

Sostenibilità e partecipazione: parola del nuovo assessore Montanari

di Alessandro Graziano

Si è da poco insediata la nuova giunta guidata dalla sindaca Chiara Appendino e importanti sono le parole del neo assessore all'urbanistica Guido Montanari. Montanari, docente di storia dell'architettura contemporanea presso il Politecnico torinese, si pone critico rispetto il lavoro svolto dal suo predecessore su vari progetti futuri per la città. Innanzitutto forte è la critica sui nuovi isolati edificati nella Spina 3 con edilizia a torre. Si criticano gli alti indici edificatori e la mancanza di attenzione al verde e ai servizi urbani. In realtà lungo la sopracitata Spina 3  è stato creato il parco Dora che costituisce l'opera di maggior rilievo nell'ambito della trasformazione urbanistica e, con i suoi 45 ettari di superficie, rappresenta uno dei più vasti polmoni verdi della città, dopo il Parco della Pellerina.  Inoltre nel progetto Spina 3 è stato detombato il fiume Dora, per almeno un cinquantennio ridotto quasi a fognatura dalle fabbriche della zona. Insomma da un'intervista rilasciata alla Stampa definisce "Ho detto a loro che l’urbanistica applicata in città è da Anni 60 fatta di palazzoni, supermercati e una viabilità che non tiene conto della viabilità dolce e sostenibile." Nell'intervista si rivolge all'unione dei costruttori edili (ANCE) che a Torino come nel resto d'Italia soffrono di un calo del settore. I punti chiave dello sviluppo del settore secondo il nuovo assessore sono gli investimenti sull'efficienza energetica, sulla sostenibilità ambientale e sulla riqualificazione di ampie aree urbane. Argomento caldo è poi il trasporto pubblico e in particolare le nuove infrastrutture di mobilità di massa: la linea 2 di Val di cui avevano già trattato qualche giorno fa. http://torino.mobilita.org/2016/06/20/la-metro-che-verra-tutti-i-dettagli-della-linea-2/ù Montanari definisce il progetto preliminare della linea 2 come «il grande bluff: hanno calato dall’alto il progetto, come hanno sempre fatto limitando il controllo pubblico e facendosi guidare dai promotori dei progetti stessi. L’idea è quella di sfruttare il trincerone della ferrovia già esistente e sfruttare le aree attorno per costruire ancora. Personalmente sono convinto che la soluzione migliore sarebbe quella di puntare direttamente su San Mauro e utilizzare la Torino-Ceres per il collegamento da Caselle e arrivare in centro». Propone sostanzialmente un incrocio ad X ( nella foto in alto) con interscambio tra le due linee nel centro ma l'arrivo a Nord della linea non a Rebaudengo, con interscambio con il passante ferroviario,  ma a San Mauro Torinese, mentre a sud il percorso arriverebbe a Orbassano come già previsto dallo schema di massima. Quindi risulta contrario al riutilizzo della trincea ferroviaria dismessa e alla riqualificazione delle aree circostanti tra cui svariati isolati sfrangiati, ex aree industriali. Facendo una valutazione, il nuovo assessore ha ragione a chiedere uno sviluppo sostenibile e una città a misura di pedone, ma ciò non esula dal portare avanti delle strategie e progetti già in atto in città. La critica alla Spina 3 dovrebbe far i conti con i grandi oneri di urbanizzazione che le imprese hanno pagato per costruire e quindi i servizi che il comune ha potuto creare grazie a questi fondi economici. Inoltre il cambio di percorso alla linea 2, di cui tra poche settimane verrà affidata la progettazione preliminare, sembra quasi in controtendenza rispetto la volontà di Montanari di recuperare le aree dismesse, evitare nuove edificazioni e creare un città sostenibile. Infine il tema della partecipazione risulta molto importante ed auspichiamo che in futuro il comune coinvolga i quartieri e le zone in cui verranno realizzati nuovi progetti, secondo una prassi esistente almeno da sessanta anni nei paesi del nord Europa.  

Leggi tutto    Commenti 0