Articolo
21 apr 2017

Ecco il nuovo parcheggio a raso di Corso Galileo Ferraris

di Alessandro Graziano

Inaugurato oggi il nuovo parcheggio a raso lungo corso Galileo Ferraris all'altezza della via Meucci. Il parcheggio suddiviso in 100 posti auto sarà a pagamento, quindi zona blu, e i tagliandi non saranno quelli di GTT ma dell'azienda che sta costruendo il limitrofo parcheggio sotterraneo poco più in là, ovvero la società “parcheggio Galileo Ferraris". È prevista per il prossimo autunno, invece, l’inaugurazione del parcheggio sotterraneo del quale prosegue la costruzione insieme ai lavori per la sistemazione dell’area al di sopra dello stesso. Sono in corso di realizzazione le rampe di accesso al parcheggio interrato e la sistemazione del passaggio pedonale in corrispondenza di corso Matteotti, mentre è stata quasi completata la pista ciclabile.. La sistemazione a parcheggio fa parte della riqualificazione del corso, già terminata sul lato via Cernaia e che trasformerà questa parte del Corso sino l'incrocio su corso Matteotti in un boulevard pedonale. Dalle foto si può notare anche il lato della nuova area pedonale lungo corso Matteotti da cui vi saranno le rampe di accesso al parcheggio Ferraris, le torrette degli ascensori e le nuove aree pedonali.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 mar 2017

Via Monferrato pedonale: presto realtà!

di Alessandro Graziano

Un progetto che rivoluzionerà una zona turistica come quella zona della chiesa Gran Madre Via Monferrato parallela di corso Casale, verrà interessata da un progetto di pedonalizzazione in cantiere da diversi anni (i primi studi risalgonoal 1986). Non contemplata dunque la volontà dei commercianti, che con forza esprimono il proprio dissenso verso un progetto che, secondo loro, rischia di far chiudere le serrande dei propri negozi, per la mancanza di passaggio di auto.  Il progetto, reso sostenibile economicamente da un finanziamento europeo, riguarda tutta l’asse di via Monferrato: una via lunga 260 metri, molto stretta e caratteristica, a due passi da Parco Michelotti. La pedonalizzazione terrà conto del contesto urbano e storico della zona: marciapiedi a raso con lastre di pietra, pavimentazione centrale con binderi di pietra, acciottolato e panchine di granito. I materiali provenivano dalle cave piemontesi, proprio per rispettare ancora di più il contesto storico. I lavori, suddivisi a lotti per non dar vita a cantieri impattanti, dovrebbero durare nove mesi circa con un importo di 700.000 euro. Un progetto capace di mettere d’accordo tutta la classe politica torinese: dalla Giunta attuale al PD, tutti sembrano apprezzare la pedonalizzazione di via Monferrato, richiesta anche dai residenti. La perdita di 60 posti d’auto in via Monferrato verrebbe infatti in parte compensata da un incremento di 25 stalli nel tratto corrispettivo di corso Casale grazie ai nuovi parcheggi a lisca di pesce. Queste  le parole degli assessori Maria Lapietra (Trasporti) e Alberto Sacco (Commercio): «Con la riqualificazione di Parco Michelotti la zona avrà nuova vita, nuovi flussi pedonali». Il riferimento, nemmeno un po’ velato, è al progetto vicino di Parco Michelotti, che con l’arrivo di Zoom verrà completamente riqualificato. Quali misure nel concreto per i commercianti? Anche su questo, le idee della Giunta sono piuttosto chiare: «Organizzeremo feste di pedonalizzazione ad hoc per i commercianti, con bancarelle esposte nella via».  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 ott 2016

Via Sacchi: novitá a Porta Nuova

di Alessandro Graziano

Sono alla fase finale i lavori di ammodernamento e restauro all'esterno della Stazione di Porta Nuova. In particolare sul lato di via Sacchi prende forma la piazzetta pedonale sotto cui vi è il parcheggio sotterraneo. Sono stati montati gli ascensori e le coperture cubiche in vetro. Inoltre è in via di installazione la nuova pensilina per i mezzi GTT che sostituisce quella vecchia ricalcando le linee di quella su corso Vittorio Emanuele.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 set 2016

Torino: ecco la nuova stagione delle domeniche a piedi

di Alessandro Graziano

Dalle 10 alle 19 chiusa la Ztl centrale in occasione della Settimana della mobilità sostenibile. Asse di via Roma off limits già dalle 8 del mattino Il 18 settembre sarà chiusa al traffico l’area della Ztl dalle ore 10 alle ore 19. La Città invita le categorie di veicoli che potranno entrare nella zona off-limits al rispetto del limite di velocità: massimo 20 chilometri all’ora. Solo nel tratto di via Roma da piazza Carlo Felice a piazza Cln la chiusura al traffico inizierà alle ore 8 per consentire l’allestimento degli spazi dedicati alle attività in programma. Domenica, infatti, nell’area chiusa al traffico di via Roma, nel tratto tra piazza Cln e piazza Carlo Felice saranno allestiti stand informativi e organizzati tour a piedi o in bicicletta . Anche quest’anno la Città aderisce alla Settimana Europea della Mobilità sostenibile, dal 16 al 22 settembre, con un ampio programma di eventi ed iniziative in collaborazione con la Città Metropolitana, enti ed associazioni. Domenica 18 la ZTL Centrale sarà chiusa al traffico motorizzato dalle ore 10 alle 19 per lasciare spazio ai pedoni, ciclisti e trasporto pubblico. ( clicca qui per maggiori dettagli http://www.comune.torino.it/ambiente/bm~doc/european-week-2016.pdf ) Il 22 settembre, giorno di chiusura della settimana della mobilità, si terrà poi il “Car free day”: i cittadini sono invitati a partecipare ad una biciclettata assieme agli assessori e ai tecnici del Comune per testare una delle “direttrici” individuate nel Biciplan. Il Mobilty Week scatta il 16 settembre con la proiezione di Bikes vs Cars. Il 19 settembre al Campus Luigi Einaudi alle 9,30 conferenza sul tema bike economy, mentre il 21 appuntamento con il classico Giretto d’Italia.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 lug 2016

Foto| Via Lagrange avanzano i restauri del patrimonio storico

di Alessandro Graziano

Nuovi restauri nella centrale e pedonale via Lagrange. Per un  restauro appena concluso nell'edificio ad angolo con la via Giolitti, al civico 12 un altro è in via di restauro all'inizio della stessa strada nell'isolato ad angolo con corso Vittorio Emanuele e piazza Carlo Felice. Sul fondo di via Lagrange al numero 42 è in corso un restauro e risanamento conservativo dell'edificio prospicente piazza Carlo Felice, quasi di fronte la stazione di Porta nuova,d ad opera della ditta Federico Fiammengo S.r.l . Restauro ultimato invece per l'edificio ad angolo tra la Via Lagrange e Giolitti ribattezzato Lagrange 12 è un palazzo seicentesco che è stato completamente rimesso a nuovo dall'azienda edile, che ha speso 12 milioni per acquistarlo dal Comune e altri 20 milioni per restauro e ammodernamento funzionale, in collaborazione anche con Pininfarina.  3.500 metri quadri in tutto, per sette alloggi (già tutti venduti per cifre che oscillano tra i 7 mila e i 10 mila euro al metro quadro, per una media di 8 mila euro circa), un grande negozio (che vende abbigliamento di lusso, da Christian Dior a Fendi, da Ferragamo a Stella McCartney) e due attici che verranno affittati. Sul tetto di Lagrange 12, da cui si gode un panorama eccellente, c'è  un nuovo cavaliere di Ferrero, chiamato "Equinox", visibile anche da via Lagrange. La scultura luminosa si aggiunge a quelle che l'artista ha già installato sui tetti di due edifici in corso Matteotti e in corso Massimo D'Azeglio.

Leggi tutto    Commenti 0