Articolo
06 apr 2018

Uno studio di fattibilità per la nuova ZTL

di Alberto Garbin

La Città di Torino affida alla società 5T Srl il compito di elaborare uno studio di fattibilità della Nuova Ztl che individui diversi possibili scenari di sviluppo e di gestione dei permessi di circolazione. Lo studio dovrà, a partire da un’analisi sulla attuale conformazione della Ztl Centrale e sulla base del modello di Nuova ZTL proposto dall'Amministrazione, definire alcuni scenari progettuali e i relativi modelli economici; inoltre, 5T avrà il compito di progettare il processo di registrazione, pagamento della sosta e controlli dei diritti d’accesso, nonché l’intera infrastruttura tecnologica che dovrà gestire la sosta con particolare attenzione ai sistemi di compensazione dei pagamenti. La deliberazione proposta oggi dalla sindaca e dall’assessora Lapietra identifica 5T Srl quale supporto specialistico in virtù del fatto che da molti anni la società svolge attività nel supporto al trasporto pubblico e nel monitoraggio dei flussi di traffico, grazie al supporto di avanzata tecnologia: sensoristica stradale, telecamere, controllo a distanza dei semafori e dei tabelloni informativi posti agli accessi principali della città. La società, inoltre, ha stipulato con l’Amministrazione comunale un contratto di servizio quinquennale, nel cui ambito viene inserito questo nuovo incarico. Lo studio di fattibilità è la fase di analisi di dettaglio di un percorso che prevede successivamente la sua condivisione con l’Amministrazione e la realizzazione e implementazione della piattaforma software che metterà in funzione il sistema risultato più adeguato alle aspettative. Dallo studio emergeranno anche le indicazioni riguardo le modalità di affidamento della realizzazione del sistema. “Questo incarico è parte di un percorso trasparente e partecipato che ci permetterà di scegliere il modello realizzativo più adeguato tra diversi possibili scenari alternativi - afferma l’assessora Maria Lapietra – che oltre a tutelare le esigenze dei residenti consenta una procedura semplice per chi si recherà in Ztl per lavoro, per acquisti o per piacere. Un modello che privilegerà modalità di spostamento sostenibili e un utilizzo ordinato degli spazi di sosta, valorizzando il tessuto economico e sociale del Centro cittadino e la sua attrattività”. Il percorso di studio della Nuova Ztl si inserisce nel progetto PonMetro 2014/2020, il Piano operativo nazionale per le Città metropolitane finanziato da fondi strutturali e di investimento europei (fondi Sie) che prevede un ambito d’intervento interamente dedicato alla mobilità sostenibile (Asse 2).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 mar 2018

Riapre il cantiere di Corso Venezia

di Alberto Garbin

Nel 2019 la linea 10 dovrebbe ritornare ad essere esclusivamente operata tramite tram. Questo perchè nella giornata di ieri è stato riaperto il cantiere di Corso Venezia dopo uno stop di 6 mesi dovuto a problemi finanziari. Nel caso in cui venga rispettato il cronoprogramma, che prevede interventi nel tratto centrale davanti all'ostello della gioventù fino alla rotonda di via Breglio, il corso dovrebbe essere riaperto al traffico per la prossima estate. Tra gli altri interventi, ci sarà il ripristino totale della linea 10 del tram. L'attuale capolinea del Rondò della Forca verrà spostato fino a via Massari, attualmente gestito con bus lunghi. Gli interventi di scavo e posa dei binari in piazza Baldissera, che passeranno nel centro della grossa rotonda, avranno un costo pari a 2 milioni e 895 mila euro. La fine dei lavori per il rispristino della linea 10 sono previsti il 2019.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 mar 2018

Manutenzione del verde storico

di Alberto Garbin

La prossima settimana inizieranno alcuni interventi delle imprese appaltatrici sugli alberi dei Giardini Reali inferiori, compresi tra viale Partigiani e viale Primo Maggio. Sulla base dei controlli effettuali a febbraio da consulenti agronomi e forestali con la tecnica Vta su oltre 360 alberi - oltre la metà di essi sono stati oggetto anche di approfondimenti strumentali (tomografia, resistograph) – si è appurato che solo 17 alberi (il 4,6 per cento) hanno manifestato problemi di stabilità. Nove saranno abbattuti: un acero, un platano, due ippocastani e due faggi; per due faggi sarà sufficiente procedere con tecniche di consolidamento, in questo caso con dei tiranti. I nove rimanenti - un acero, un ippocastano, un bagolaro, tre tigli, una gledischia, un platano e una zelkova – subiranno una decisa potatura per riequilibrarli ed evitare il cedimento. Gli interventi sranno condotti con la supervisione dei tecnici del Servizio Verde pubblico del Comune di Torino. Buone notizie le porta un‘altra zelkova dei Giardini Reali, un albero monumentale: sta bene e non necessita di interventi. Dove possibile e opportuno dal punto di vista tecnico, sarà programmata la sostituzione delle piante rimosse, anche con l'inserimento nella lista del progetto Regala un albero alla tua città. Le analisi di stabilità sono documenti disponibili presso il Servizio Verde Pubblico e consultabili dai cittadini con richiesta di accesso agli atti. FONTE: Comunicati Stampa Città di Torino

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 mar 2018

Più di mille le richieste per la nuova SMART CARD BIP nel primo giorno

di Alberto Garbin

Sono più di mille e 100 le smart card Bip richieste online o rilasciate dai centri servizio al cliente di Gtt nella sola giornata d’avvio della campagna per promuovere la tessera elettronica che, dal prossimo mese di luglio, sostituirà il biglietto cartaceo. A renderlo noto è stata questa mattina l’assessora ai Trasporti, Maria Lapietra, nel corso di una riunione con i Mobility Manager di numerose aziende pubbliche e private. Per la responsabile delle politiche cittadine per la mobilità “si tratta di un risposta positiva all’operazione di dematerializzazione dei titoli viaggio che, da luglio, porterà all’abbandono progressivo del biglietto cartaceo”. Lapietra - che ha ricordato poi che le card verranno distribuite gratuitamente con un biglietto in omaggio fino al 30 aprile presso i centri servizio al cliente e, solo online, fino al 30 giugno - ha reso noto che già in 500 si sono iscritti al concorso che mette in palio 100 abbonamenti a Gtt. Dopo l’incontro dello scorso novembre nel quale era stata presentata “Smart Mobility”, la nuova convenzione per la mobilità intermodale riservata alla aziende, studiata, messa a punto e proposta da GTT, To Bike e Car2Go, questa mattina è toccato a Moovit, l'applicazione gratuita per il trasporto pubblico presente in più di 80 Paesi e in oltre 2mila città. La start up, che ha stretto un accordo con Città di Torino e Gtt - ha spiegato Samuel Sed Piazza, Country manager di Moovit Italia - “coniuga i dati forniti dalle aziende di trasporto pubblico locale con le informazioni in tempo reale degli utenti, permettendo di trovare la soluzione migliore negli spostamenti quotidiani”. Per migliorare la mobilità dei dipendenti, Moovit offre anche una serie di servizi gratuiti - integrabili nel sito web o pubblicabili su schermi dislocati in luoghi aperti al pubblico (es. ospedali, università) - che consentono di conoscere sempre la dislocazione dei mezzi e organizzare meglio il proprio tempo. Durante l’incontro l’assessora Lapietra ha poi rinnovato la richiesta di collaborazione ai rappresentanti delle aziende intervenuti in funzione della riorganizzazione della rete del trasporto pubblico cittadino, che risale ai primi anni ’80. “L’acquisizione dei dati sulla mobilità casa - lavoro, come il conoscere con anticipo la decisione dell’apertura di nuove sedi aziendali o del riposizionamento delle attuali è utile in tal senso: le grandi aziende – ha sottolineato l’assessora – rappresentano infatti una grande parte della mobilità sistematica della città”. FONTE: Comunicati Stampa Città di Torino

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 mar 2018

Strisce blu nella zona ospedali: incontro con i sindacati

di Alberto Garbin

L’assessora alla Viabilità, Maria Lapietra, e i vertici del Gruppo Torinese Trasporti hanno incontrato questo pomeriggio, all’ospedale Molinette, i rappresentanti sindacali dei lavoratori della Città della Salute di Torino, per presentare e discutere il progetto di ampliamento della sosta a pagamento nella zona degli ospedali. Le parti si incontreranno nuovamente, coinvolgendo anche il presidente e il consiglio della Circoscrizione 8, per individuare una soluzione al problema della sosta e della viabilità nell’area, che possa rispondere al meglio alle diverse necessità di residenti, lavoratori delle strutture ospedaliere, pazienti in cura presso i nosocomi e loro accompagnatori. Questo quanto è stato deciso al termine della riunione. “Le politiche della mobilità – ha sottolineato l’assessora Lapietra – sono difficili da attuare perché, non di rado, le soluzioni proposte incontrano resistenze di tipo pregiudiziale. Però – ha aggiunto Lapietra – sono convinta che - attraverso la disponibilità di tutti al confronto, abbassando i toni e tenendo durante le discussioni un atteggiamento civile e di rispetto verso gli interlocutori - si possa raggiungere un’intesa positiva per tutte le categorie di cittadini che vivono, lavorano o, comunque, fruiscono dei servizi, pubblici e non, presenti nella zona degli ospedali.” FONTE: Comunicati Stampa Città di Torino

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 mar 2018

Ad aprile partiranno i lavori di riqualificazione di Via Nizza

di Alberto Garbin

Partirà nel mese di aprile l’intervento di riqualificazione dell’asse di via Nizza che lo trasformerà in un viale moderno e funzionale, una sorta di centro commerciale naturale, gradevole da percorrere e più sicuro per tutti gli utenti della strada. Una particolare attenzione verrà data all'abbattimento delle barriere architettoniche che, unito ai lavori di rifacimento dei marciapiedi, contribuirà a migliorare la mobilità e vivibilità dell’asse viario, in particolare delle persone anziane e con disabilità, enfatizzata anche grazie all’utilizzo di materiali di alta qualità lungo tutto l’intervento inseriti come miglioria dall’azienda vincitrice dell’appalto. Ma in generale ogni accortezza è stata studiata per rendere più sicuro tutto l’asse stradale per pedoni e ciclisti: dagli incroci rialzati in corrispondenza delle via traverse fino al colore rosso in asfalto drenante delle piste ciclabili per garantire una migliore visibilità della strada. Lungo la via verranno create alcune aree per la sosta attrezzate con panchine e rastrelliere che, insieme alla posa di fioriere e alla realizzazione di opere di street art, renderanno tutto l’ambiente più gradevole e attraente. Nel tratto da corso Vittorio Emanuele II e fino a corso Marconi ci sarà spazio anche per oltre 70 alberi di media grandezza e verrà inoltre integrata l’illuminazione pubblica con nuovi punti luce a led per garantire maggiore visibilità e sicurezza. Il posizionamento e l’eventuale temporanea rimozione dei dehors durante la fase di cantiere verrà concordata a partire dalle prossime settimane al fine di ridurre al minimo i disagi per gli esercizi commerciali e, contestualmente, garantire un corretto svolgimento dei lavori. “Le linee guida seguite nella progettazione – spiega l’assessora alla Viabilità, Maria Lapietra - mirano al raggiungimento dell’obiettivo di una graduale ridefinizione dello spazio urbano viario, con un riequilibrio delle diverse modalità di trasporto e una riqualificazione della strada con l’obiettivo di realizzare un centro commerciale naturale dagli elementi innovativi, realizzando una via smart dotata di sensori per incentivare la connettività tra utenti e gli esercizi commerciali. I lavori, che sono stati appaltati con una base d’asta di 2milioni e350mila euro ottenendo un ribasso di gara pari al 13,5%, si concluderanno entro l’autunno del 2019. FONTE: Comunicati Stampa Città di Torino

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 feb 2018

Domenica 25 febbraio ZTL chiusa al traffico

di Alberto Garbin

Tornano le “Domeniche per la sostenibilità”, un’occasione per promuovere la cittadinanza attiva e far crescere la coscienza ambientale. Domenica 25 febbraio sarà la prima di queste giornate, una al mese da febbraio a novembre con uno stop ad agosto: ogni ultima domenica del mese e dalle ore 10 alle ore 18, il centro storico di Torino (entro i confini della Ztl centrale) sarà chiuso al traffico veicolare per diventare uno spazio aperto e vivibile, occasione per riflettere sul rapporto tra salute delle persone e salute dell’ambiente, e come questo rapporto sia indivisibile. Domenica prossima dunque centro storico chiuso al traffico entro i confini della Ztl centrale dalle ore 10 alle ore 18. Esenti veicoli funzionati a motore elettrico o a idrogeno, mezzi pubblici, taxi, noleggio e car sharing e altre categorie elencate nell’ordinanza, che indica anche i limiti della Ztl centrale. Il testo dell’ordinanza n. 09/AA è pubblicata oggi all’albo pretorio del Comune. In occasione della Domenica per la Sostenibilità, Amiat spa parteciperà allestendo in via Roma angolo via Battisti il proprio centro ambientale mobile, un punto di informazione e di sensibilizzazione rivolto alla cittadinanza, per tutta la durata della chiusura al traffico del centro. In quel tratto di strada il personale del Centro Scienza Onlus svolgerà attività di animazione e di educazione rivolta a bambini e adulti. FONTE: Comunicati Stampa Città di Torino

Leggi tutto    Commenti 0