Articolo
29 gen 2020

Nuova convenzione per la navigazione sul Po

di Mobilita Torino

L’approvazione del disegno di legge che ratifica l’intesa e la nuova convenzione tra le Regioni Emilia Romagna, Lombardia, Veneto e Piemonte per la navigazione interna sul fiume Po e idrovie collegate, avvenuta il 28 gennaio in Consiglio regionale, è stata accolta con soddisfazione dall’assessore alle Infrastrutture e Trasporti, Marco Gabusi. In Piemonte il percorso comprende il tratto che va da Casale Monferrato fino alla Conca di Cremona. “Si è ritenuto necessario ed opportuno - puntualizza l’assessore Gabusi - modificare i contenuti della convenzione esistente per attualizzarla e renderla compatibile alle esigenze di programmazione e sviluppo delle reti di navigazione interna, alla disponibilità di finanziamenti e ai diversi tempi di attuazione delle opere, nonché ad un diverso riparto degli oneri per il funzionamento. Dalla data in cui è stato dichiarato di interesse nazionale, il sistema idroviario padano-veneto non è stato realizzato nella sua interezza, non sono pervenuti i finanziamenti previsti e sono intervenute, nel contempo, importanti riforme amministrative che hanno modificato la normativa in materia”. La nuova convenzione individua gli obiettivi, gli organismi di gestione, di rappresentanza e di consultazione, nonché la ripartizione delle spese. A questo proposito, la Regione Piemonte consegue un notevole risparmio, in quanto vede ridotta la propria quota all’1% della somma complessiva e transitoriamente, sino a quando il tracciato della via di navigazione in territorio piemontese non sarà reso conforme ai requisiti previsti dalle norme europee (Regolamento UE n.1315/2013), parteciperà con una quota simbolica dello 0,1% (44.000 euro per il 2020, comprensivi delle quote per gli anni 2017, 2018 e 2019, 13.000 per il 2021 e 13.000 per il 2022). La parte rimanente viene proporzionalmente ripartita fra le altre Regioni, la cui aliquota diventa del 33,3%. Alla data della sottoscrizione del documento verrà abrogata la l.r. n.28/1995 sullo stesso argomento.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 lug 2017

Myriophyllum Acquaticum, inizia oggi l’intervento di rimozione delle piante

di Mobilita Torino

Oggi è iniziata l’operazione di ripulitura del Po dal Myriophyllum aquaticum. Un intervento circoscritto all’area a ridosso del ponte Umberto I e dei Murazzi, ben diverso da quello della scorsa estate, quando era stata registrata una diffusa presenza della pianta esotica nelle acque del fiume.Dalla primavera, dopo gli interventi di eradicazione di agosto e ottobre e a seguito della costituzione di un tavolo tecnico con i rappresentanti di enti, istituzioni e associazioni, che è stato convocato più volte durante l'inverno, il Po è stato soggetto a un costante controllo per verificare l'eventuale nuova comparsa della specie infestante lungo il fiume e poter intervenire tempestivamente. Durante uno di questi sopralluoghi, lo scorso 11 luglio, i tecnici di Arpa Piemonte hanno rilevato la presenza di nuovi esemplari della pianta nell’area dei Murazzi del Po, sulla sponda sinistra poco più a valle del ponte di corso Vittorio Emanuele II. Si tratta di una presenza molto contenuta sulla quale il Gruppo Piante Esotiche potrà agire con un intervento ordinario, grazie alla collaborazione della Polizia Municipale di Torino.I monitoraggi, che hanno rilevato la presenza di diverse macrofite acquatiche a testimoniare un buono stato di salute del Po, proseguiranno nelle prossime settimane. Per queste piante, non pericolose, ma che possono ostacolare l’attività sportiva che tradizionalmente si svolge sul fiume, si procederà successivamente e solo con la certezza dell’ assenza di esemplari di millefoglio acquatico Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Torino i nostri canali:  Sito internet: http://torino.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaTO/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/1884182511904360/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaTO

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 dic 2016

Comune di Torino: approvati interventi su ponti e corsi d’acqua

di Alessandro Graziano

Sono stati approvati dalla Giunta comunale alcuni progetti esecutivi per effettuare interventi di rinforzo strutturale e di risanamento conservativo su alcuni ponti cittadini e per la salvaguardia di infrastrutture presenti lungo i corsi d’acqua. E' di 1 milione di euro la spesa prevista dalla delibera per i lavori che interesseranno i ponti di corso regina Margherita sul Po e sulla Dora – per i quali è prevista la sostituzione dei giunti di dilatazione degli impalcati per garantire adeguate condizioni di sicurezza, il sottopasso dei Giardini Reali e le passerelle lungo strada vicinale Tetti Bertoglio, sul Po di piazza Chiaves, del B.I.T. e del C.T.O. su corso Unità d’Italia. Un altro provvedimento approvato  prevede interventi su fiumi, rivi collinari e canali irrigui del territorio cittadino. Tra i principali, il ripristino dell’accesso all’alveo del fiume Po in corrispondenza dello sfocio del rio Mongreno, la rimozione della vegetazione nel letto della Dora a valle del ponte di via Rossini, la rimozione dei detriti accumulati a ridosso dei ponti, il taglio della vegetazione spontanea sui rivi della collina, il ripristino di parapetti sui canali irrigui e interventi minori sulla bealera del Portone. L’importo complessivo per questi lavori è di 300mila euro.

Leggi tutto    Commenti 0