01 mar 2017

ZTL: si studiano altre città per un futuro migliore


Le ultime due tappe sono Firenze e Pisa per studiare i sistemi e le Ztl che vengono usate nelle due città toscane. Tra fine marzo e inizio aprile il progetto di massima della nuova Ztl di Torino, da condividere poi con le circoscrizioni, i cittadini e le associazioni di categoria, sarà pronto. I capisaldi: orario lungo, fino alle 18 o 19, un numero minimo di ingressi a pagamento al mese, prezzi che variano a seconda dell’Isee o del tipo di motore secondo il principio che più inquini più paghi. L’assessore ai Trasporti e Viabilità della giunta Appendino, Maria Lapietra, ha già visitato Bologna e conosce il sistema dell’Area C adottato a Milano. «Quella di Torino non sarà un’Area C», sottolinea Lapietra.

L’assessora non vuole che passi l’idea che basta pagare per poter entrare nella Ztl di Torino. E vuole estendere l’orario. Oggi il divieto di accesso in centro è in vigore dalle 7.30 alle 10.30. «Troppo poco, non ha senso. Per tenere una Ztl così meglio non averla», ha più volte ribadito l’assessora alla Viabilià. Un concetto che è in linea con la petizione promossa da Legambiente e dalle associazioni ecologiste, dove si chiede l’ampliamento orario e geografico della Ztl, oltre all’inserimento di un ticket per finanziare interventi di mobilità dolce e per il trasporto pubblico. Secondo il presidente di Legambiente, Federico Vozza, si potrebbe arrivare a incassare tra i dieci e i venti milioni. Un dato troppo alto partendo dal presupposto che Torino non è Milano e che l’area delimitata dalle telecamere è differente.

Il Comune, per ora, lascerà immutati i confini. Cambiarli vorrebbe dire acquistare nuove telecamere o spostare le esistenti. Si allungheranno gli orari, dalle 7 fino alle 19 o alle 18.
«Il sistema dei permessi verrà rivisto — dice l’assessora — ma si manterrà il sistema di diritto di accesso per categorie e necessità». Non solo chi ha il permesso potrà entrare. Oggi chi non ha uno dei talloncini da esporre e la targa registrata nella lista, può entrare, lasciare la macchina in uno dei parcheggi in struttura e ottenere un’esenzione a posteriori.

Esenzioni che rimarranno anche nella nuova formula, dove l’assessore pensa di adottare correttivi per fornire un numero di accessi al centro in auto a tutti i torinesi. Un ingresso che non si baserà sul solo pagamentodel ticket. «A Bologna c’è un numero massimo di ticket che si possono acquistare al mese per ciascun veicolo», sottolinea Lapietra. Diverso rispetto ad un ingresso basato solo sul pagamento del biglietto come per l’Area C. Dopo tutte le visite l’assessore tirerà una riga e, mettendo insieme i pezzi e gli obiettivi, studierà il modello torinese.
«Stavamo pensando di calibrare il costo degli ingressi basandoci sull’Isee o sulla motorizzazione dell’auto — spiega Lapietra — secondo il concetto che più si inquina e più si paga. Stiamo però valutando i pro e i contro, non abbiamo ancora deciso».

Tra fine marzo e inizio aprile il progetto organico della nuova Ztl. Il debutto potrebbe scattare già in estate.


area cbolognafirenzeinquinamentomobilita torinotorinoztl

Articolo precedente


Lascia un Commento