Articolo
20 lug 2021

Torino: nuova ZTL da settembre?

di Alessandro Graziano

Entro la fine dell’estate è prevista l’investitura dell’azienda incaricata di allestire la ZTL Il Comune, confermando gli annunci dei mesi scorsi, ha deciso di installare le telecamere per il controllo delle targhe anche intorno a piazza Vittorio Veneto, dove precedentemente non erano presenti. Il quest'area saranno 8 le nuove telecamere-varco. Una sarà montata su un lampione del ponte Vittorio Emanuele I, altre all’imbocco delle vie laterali. Novità anche per il Monte dei Cappuccini con l'entrata in funzione della futura Ztl dove non si potrà più salire con i mezzi privati, evitando l'effetto parcheggio da supermercato che abbiamo conosciuto sino ad oggi. Palazzo Civico ha intenzione di sistemare una nuova telecamera al fondo della Salita del Cai per preservare la balconata ai piedi del santuario. La parte più importante dei «nuovi impianti di rilevazione del traffico»,  sarà montata nelle porte di accesso di oggi che permetteranno di controllare e conoscere i flussi veicolari puntuali. Le nuove porte di accesso in costruzione dovranno assicurare un funzionamento di 24 ore su 24. L’obiettivo è estenderne l’orario di validità della ZTL.  La nuova Ztl funzionerà anche nelle ore notturne o dopo il tramonto.  Ogni varco di accesso potrà contare su due tipi di telecamere: una a infrarossi per il rilevamento targhe e il sanzionamento. e un’altra a colori per la rilevazione dell’immagine di contesto. Il nuovo sistema di videocontrollo  avrà molto in comune con quello dell’Area C di Milano apripista nel panorama italiano.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 giu 2021

Dal primo Luglio cambiano 11 linee GTT

di Alessandro Graziano

Da giovedì 1° luglio 11 linee saranno coinvolte nel progetto di revisione della rete GTT Avviato nel maggio scorso con l’apertura delle nuove stazioni di Italia 61 e Bengasi. Il prolungamento della linea metropolitana ha richiesto  un parziale ridisegno della rete di superficie, per garantire il necessario interscambio tra i vari modi di trasporto. I cambiamenti che vedranno la luce dal primo luglio fanno parte del progetto complessivo “Nuove Linee” che era stato presentato da GTT e dalla Città di Torino nel febbraio 2020 e che è stato “congelato” in seguito all’emergenza pandemica. Le linee guida del progetto rimangono valide: la crisi legata alla pandemia ha infatti ridotto i numero degli spostamenti ma non ha modificato le abitudini e le necessità di spostamento delle persone, aspetti questi ultimi che sono alla base delle logiche della revisione delle linee. Queste le novità che ci aspettano. 3 linee nuove La linea 8 Sostituirà la linea 18 in un tracciato che collega direttamente la zona ospedali di Torino con la città di San Mauro; si tratta di un asse di spostamento particolarmente importante sul quale si utilizzeranno vetture ad elevata capacità e che è stato individuato per la realizzazione futura della Busvia elettrica. Percorso linea 8. Direzione via Ventimiglia: dal capolinea di piazzale Mochino (San Mauro) presso la fermata n. 3330 prosegue per via Roma, strada San Mauro (Torino), strada Settimo, piazza Sofia, via Bologna, piazzale Croce Rossa, via Bologna, largo Brescia, via Bologna, ponte Bologna, corso XI Febbraio, corso Regina Margherita, via Rossini, via Accademia Albertina, via Madama Cristina, piazza Carducci, via Nizza, via Biglieri, via Ventimiglia (capolinea presso la fermata n. 3623 - “Ventimiglia cap.”). Direzione piazzale Mochino (San Mauro): dal capolinea di via Ventimiglia prosegue per corso Spezia, via Genova, piazza Bozzolo, via Genova, corso Bramante, piazza Carducci, via Madama Cristina, via Accademia Albertina, via Rossini, corso Regina Margherita, corso XI Febbraio, ponte Bologna, via Bologna, largo Brescia, via Bologna, piazzale Croce Rossa, via Bologna, piazza Sofia, strada Settimo, strada San Mauro, via Roma (San Mauro), piazzale Mochino (capolinea). Le linee SM1 e SM2 Vengono istituite due nuove linee per la mobilità di San Mauro e Settimo: la SM1 interna al Comune di San Mauro e la SM2 che collega San Mauro con Settimo. 5 linee con modifiche di percorso e che si collegano alla linea di metropolitana La linea 35 modificherà il percorso da Nichelino, su via Artom, via Onorato Vigliani fino a Bengasi, assorbendo il percorso della linea 1. La linea 34 collegherà la Città di Beinasco a Bengasi, la linea 63 da Mirafiori porterà fino a Italia 61, le linee 27 e la 57 entrambe con interscambio a Porta Susa si supporteranno a vicenda su di un percorso parallelo, garantendo insieme maggiore frequenza nei passaggi. 3 linee con più passaggi 3 linee verranno potenziate e garantiranno una maggiore frequenza di passaggi- Sono la linea 14, la linea 74 e la linea 81 che sul percorso Moncalieri-Bengasi estenderà il suo orario serale fino alle ore 21.00. Saranno gradualmente aggiornate tutte le paline di fermata con le informazioni sui nuovi percorsi e sulle nuove linee. L’informazione sarà presente anche sulle principali APP di mobilità, come il Bot GTT Telegram, Moovit e sul sito Muoversi a Torino.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 giu 2021

Da martedì 22 giugno chiuso al traffico svincolo corso Grosseto

di Alessandro Graziano

Per consentire l’avvio dei lavori per la connessione del Viale della Spina con la autostrada per Caselle, a partire dalle ore 10  di martedì 22 giugno 2021 sarà chiuso al traffico lo svincolo di immissione alla Torino-Caselle da Corso Grosseto. I veicoli provenienti da Corso Grosseto, diretti verso l'asse autostradale, dovranno quindi svoltare a sinistra su Via Ala di Stura e poi a destra su Via Reiss Romoli. Quelli provenienti da Via Fossata dovranno proseguire dritto su Via Ala di Stura e poi svoltare a destra su Via Reiss Romoli. Non cambierà nulla per i veicoli provenienti dall'autostrada e diretti a Torino e rimarrà sempre percorribile lo svincolo di Via Reiss Romoli.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
17 apr 2021

Metro Bengasi: 23 Aprile inaugurazione

di Alessandro Graziano

Il prossimo weekend sarà la volta definitiva della nuova tratta Lingotto-Bengasi Come si evince dal comunicato tramite la pagina instagram della sindaca: "Venerdì 23 aprile finalmente inauguriamo e apriamo il prolungamento della linea 1 della Metropolitana fino a Bengasi, un'opera strategica per la nostra mobilità attesa troppo a lungo." https://www.instagram.com/p/CNwUvADjdU8/?utm_source=ig_web_copy_link Il tratto di linea che si andrà finalmente ad aprire venerdì 23 aprile, dopo circa 10 anni di cantieri, sarà lungo 1,9 Km  prolungamento dalla linea 1 con le due nuove stazioni di Italia 61 e Bengasi la quale costituirà il nuovo capolinea sud (adiacente il comune di Moncalieri) rendendo Lingotto (stazione M1) fermata e non più capolinea. Da ricordare come la fermata Italia 61- Regione Piemonte sarà sotto la sede unica della Regione Piemonte, secondo grattacielo di Torino, edificio che potrebbe essere in uso e funzione dal 2022. Questa fermata è collegata con un tapis roullant coperto alla stazione ferroviaria di Torino Lingotto, che dovrebbe essere presto fruibile. Ciò integrerà i modi di trasporto aumentando i punti di interscambio metro-treno (finora solo con Porta Susa e Porta Nuova). Al di sopra piazza Bengasi si sta realizzando un parcheggio di interscambio con la M1 che per gli/le abbonati al TPL costerà 1 euro al giorno. Ricordiamo che la tratta ovest la metro è in via di prolungamento verso i confini di Rivoli con cantieri attivi da Fermi a Cascine Vica.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
25 mar 2021

Partito il restauro della stazione storica di Porta Susa

di Alessandro Graziano

Iniziati in questi ultimi giorni di marzo i lavori di restauro del corpo stazione del 1856 La storica stazione di Porta Susa sarà parte integrante del progetto dell'albergo della catena alberghiera Mariott acquistata dal gruppo Vastint, che porterà il brand Tribute (4 stelle) della catena statunitense. In particolare nei mesi passati erano stati fatti lavori di bonifica dell'area di cantiere. Il progetto andato a rilento per varie causa tra cui la pandemia ora sembra avere un'accelerazione.  Il nome dell'hotel sarà Scalo 1856 , dall'anno di costruzione della stazione originaria di Porta Susa. Al corpo stazione storico verrà affiancato un edificio contemporaneo con struttura prefabbricata da assemblare in loco. In foto due rendering dell'architettura del progetto. La prima è un'immagine che circolava tempo fa, l'altra è quella recente circolata nella stampa locale. A livello architettonico ricorda il palazzo della reale Mutua in corso Siccardi con queste grandi finestre. Le linee sono molto squadrate forse per un'intenzione di minimizzare l'inserimento nella piazza e accanto la stazione storica. Sarebbe stata interessante un'architettura contemporanea di impatto in grado di lasciare un segno nello skyline senza creare l'effetto muro di cemento. Diciamo un progetto interessante che potremo valutare quando verrà terminato. L'antica biglietteria e sala d'attesa avranno funzione di reception dell'hotel, mentre i restanti spazi ospiteranno il ristorante e una sala conferenze. Davanti la nuova stazione di Porta Susa  sorgerà invece una piazza pubblica di 2000 metri quadrati. A curare la progettazione del futuro albergo è lo studio  Lombardini 22. L'edificio affiancato avrà sette piani fuori terra (21 metri di altezza) e avrà una disponibilità di circa duecento camere. Nell'ambito del progetto la proprietà ha acquistato anche il mezzanino, l'infrastruttura interrata usata come galleria di servizio durante i lavori per l'alta velocità: uno spazio destinato a diventare un parcheggio pubblico. E nel complesso, si tratterà di un progetto decisamente ampio che andrà ad occupare 8.261 metri quadri, che si posizionerà in un polo strategico della mobilità regionale. Per la costruzione dell’albergo si aspetterà la conclusione dell’Iter amministrativo urbanistico, e seguendo la tempistica i  cantieri  della parte nuova dovrebbero iniziare tra maggio e giugno. L'Hotel potrebbe quindi essere inaugurato entro il 2022.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 mar 2021

Torino Sud-ovest: a giugno riorganizzazione TPL

di Alessandro Graziano

Con l'inaugurazione della tratta sud della metro 1novità per il tpl Dal 10 Aprile (data prevista) sarà attivata la nuova tratta Lingotto-Italia 61-Bengasi della metro automatica (VAL) questo comporterà una riorganizzazione dei trasporti locali anche nei comuni limitrofi in modo da concentrare il trasporto passeggeri verso Torino lungo la linea di forza della metro 1. Il bus 5 verrà quindi modificato e attivata la nuova linea 25 come linea circolare. Le novità sono previste per giugno 2021 nella mobilità  sui territori di  Orbassano e Beinasco. Agenzia per la Mobilità e Gtt stanno studiando un cambio radicale nei collegamenti pubblici per Torino dalla zona sud ovest della prima cintura urbana. La linea 5 avrà un nuovo  percorso che si snoderà tra via Bertani (Cimitero) - c.so Orbassano (Torino) - c.so Rosselli - c.so Ferraris - v. Cernaia - v. XX Settembre (rit. v. Milano) - c.so XI Febbraio (ritorno Lungo Dora Savona - c. Giulio Cesare). La linea  25 invece avrà questo percorso: p.za Dalla Chiesa (Orbassano) - str. Torino XI Febbraio (Orbassano e Beinasco) - c.so Orbassano (Torino) - c.so Settembrini - v. Vigliani - p.za Bengasi. la nuova stazione metro , snodo verso il centro di Torino e gli altri nodi della mobilità. Ad Orbassano sarà istituita una nuova navetta interna: la OB2 che farà rete con  la navetta n. 1 già esistente . La tratta sarà circolare: Ospedale San Luigi - str. San Luigi - Str. Provinciale raccordo stradale SP6–SP174 (Rivalta) – st. Torino - V. Di Nanni – V. Circonvallazione Interna – V. Dei Molini – V. Monte Grappa – V. Frejus – V. Gramsci – Str. Orbassano - V. Dei Fraschei – Str. Volvera – V. Giolitti – V. Frejus – V. Ascianghi - V. Neghelli – V. Circonvallazione interna – V. Di Nanni – V. De Gasperi – Str Torino. In futuro la prevista SFM5 ( Osp. San Luigi) e la metro 2 daranno un collegamento diretto, veloce ed efficiente con Orbassano, ma ancora su questi due progetti non ci sono date certe.

Leggi tutto    Commenti 0