24 ott 2019

Linea 2 della metro, Conte promette 1 miliardo e cantieri al via nel 2021


Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, in visita a Torino, ha annunciato l’intenzione del governo di stanziare un miliardo di euro per realizzare nuove infrastruuture, e tra queste è compresa la seconda linea della metropolitana, con i cantieri al via nel 2021.

Il tracciato definitivo della nuova linea 2 avrà trentatre fermate lungo un tracciato di 26 chilometri e mezzo. 

La linea 2 fermerà in piazza Santa Rita, toccherà lo stabilimento Fca di Mirafiori, il Politecnico e si incrocerà con la linea 1 a Porta Nuova. La fermata del centro storico sarà sotto piazza Carlo Alberto, poi la metro proseguirà lungo i Giardini Reali e punterà verso il Campus Einaudi.

La galleria correrà quindi sotto via Bologna e imboccherà l’ex trincerone  raggiungendo il vicino ospedale San Giovanni Bosco. Dal bivio Cimarosa Tabacchi partirà la deviazione verso l’area industriale di Pescarito e San Mauro.

Gli interscambi con il Servizio Ferroviario Metropolitano sono previsti a Zappata, Porta Nuova e Rebaudengo, mentre i parcheggi di interscambio presso le stazioni di Orbassano (circa 1000 posti auto), Anselmetti (circa 650 posti), San Mauro Aosta (circa 250 posti auto), San Mauro Piemonte/Pescarito (circa 2000 posti auto) e Rebaudengo.Il progetto preliminare della tratta Anselmetti – Rebaudengo sarà consegnato entro il 12 dicembre.

Ti potrebbero interessare:

linea 2metropolitananuova lineanuovo tracciato

4 commenti per “Linea 2 della metro, Conte promette 1 miliardo e cantieri al via nel 2021
  • zavardino 8
    26 ott 2019 alle 21:51

    pena che abitavo in corso de nicola e lavoravo in corso vinzaglio, con due minuti di treno avrei risolto ogni problema…

    • lazarus 1
      01 lug 2020 alle 22:26

      La previsione era giusta. E inoltre con l’attuale numero di 152 senatori senza SVP, ogni volta dovranno raccattare voti per cercare di approvare dlele leggi e per lui la vedo dura. Speriamo che se ne vada a casa; poi forse arriverà un governo tecnico o ci saranno elezioni, ma mi pare difficile poichè mattarellum vorrebbe far arrivare questa legislatura fino al 2022 minimo, per far si che siano i sinistroidi ad eleggere il nuovo capo di Stato. I soliti inciuci dei padrini insomma. Le solite cialtronaggini.


Lascia un Commento