06 giu 2017

Atlante del cibo: la geografia torinese da gustare!


Atlante del Cibo di Torino | Primo Rapporto sul sistema del cibo di Torino
Università, Politecnico e Scienze Gastronomiche, in collaborazione con la Camera di Commercio di Torino, hanno dato vita all’Atlante del Cibo di Torino Metropolitana


Cosa fa?

Analizza, mappa e comunica il sistema del cibo di Torino Metropolitana.

Raccoglie e sistematizza i dati e le informazioni disponibili e li restituisce nella forma di un repertorio di rappresentazioni, info-grafiche, video, testi, mappe, ricerche, articoli, per metterli a disposizione del territorio e renderli funzionali alla progettazione e alla gestione del sistema del cibo di Torino e Provincia.

Il cibo viene affrontato con un approccio trasversale e di sistema, flessibile alle molteplici  dimensioni spaziali e tematiche attraverso cui si relaziona con la città e il territorio.

Qual è il suo obiettivo?

E’ uno strumento per riflettere e agire sul sistema territoriale del cibo, accrescendone il livello di consapevolezza attraverso la produzione di nuova conoscenza , aggregando quella esistente e proponendosi come strumento di sostegno alle decisioni e alle azioni:  può essere un supporto nella progettazione di nuovi prodotti e servizi, e più in generale, può attivare sul territorio un processo d’innovazione culturale, un terreno nel quale possono crescere nuove idee, modelli di business, orientati a una sostenibilità di sistema.

A cosa e a chi serve?

L’Atlante del Cibo è utile a chi interviene nella sua regolamentazione e valorizzazione, a chi indaga la sostenibilità dei sistemi territoriali del cibo, agli attori del sistema per creare nuove relazioni, a chi semplicemente è curioso di conoscere meglio il sistema del cibo torinese.

Infine, ma non per importanza si propone come strumento di progetto partecipativo e inclusivo d’ indagine, a sostegno delle future politiche del cibo di questo territorio.

 

per info http://atlantedelcibo.di.unito.it/atlante/


cibocittàculinariaculturagastronomiamobilita torinoprogettotorinounitoUniversità

Articolo precedente


Lascia un Commento