Segnalazione
19 mar 2018

Degrado e uso “alternativo” di corso Venezia

di stefano schiavi

Buona giornata mi permetto di segnalarvi che il tratto del passante ferroviario di Torino da Piazza baldissera a via bregio , in attesa di completamento , e' usato per altri scopi ... A) spaccio B) sgambatura cani C) lancio bottiglie e altri rifiuti Il tutto con un numero discreto di persone che ci passeggiano sopra. Inutile dire che le apparecchiature- materiale - piante abbandonate li' da tempo hanno bisogno di essere sostituite causa vandalismi. Essendo un cantiere e' altamente probabile farsi del male. Lascio perdere comunque la situazione terribile della viabilita' delle vie limitrofe ( sporcizia, posteggio non consentito , inquinamento ,traffico , pericolo solo ad attraversar la strada ) per cui oramai moralmente si ho messo una pietra sopra. --- Noi di mobilitatorino aggiungiamo che la polizia locale in sinergia con il comune dovrebbero vigilare su queste aree attualmente non utilizzate per il loro scopo. E se il passeggi odi persone e animali non risulta un problema, lo risulta invece la non gestione degli spazi urbani, senza servizio di vigilanza o pulizia. Aree diventati spazi a perdere in balia dell'incuria. Sappiamo di prossimo riavvio dei cantieri ma nel frattempo il degrado andrebbe gestito ed evitato.

Leggi tutto    Commenti 2    Proposte 0
Articolo
12 mar 2018

Via Nizza: nuovi cantieri di riqualificazione e teleriscaldamento

di Alessandro Graziano

I lavori di riqualificazione trasformeranno via Nizza in viale moderno e funzionale Una particolare attenzione verrà data all'abbattimento delle barriere architettoniche che, unito ai lavori di rifacimento dei marciapiedi, contribuirà a migliorare la mobilità e vivibilità dell’asse viario, in particolare delle persone anziane e con disabilità, enfatizzata anche grazie all’utilizzo di materiali di alta qualità lungo tutto l’intervento inseriti come miglioria dall’azienda vincitrice dell’appalto. Ma in generale ogni accortezza è stata studiata per rendere più sicuro tutto l’asse stradale per pedoni e ciclisti: dagli incroci rialzati in corrispondenza delle via traverse fino al colore rosso in asfalto drenante delle piste ciclabili per garantire una migliore visibilità della strada. Lungo la via verranno create alcune aree per la sosta attrezzate con panchine e rastrelliere che, insieme alla posa di fioriere e alla realizzazione di opere di street art, renderanno tutto l’ambiente più gradevole e attraente. Nel tratto da corso Vittorio Emanuele II e fino a corso Marconi ci sarà spazio anche per oltre 70 alberi di media grandezza e verrà inoltre integrata l’illuminazione pubblica con nuovi punti luce a led per garantire maggiore visibilità e sicurezza. Il posizionamento e l’eventuale temporanea rimozione dei dehors durante la fase di cantiere verrà concordata a partire dalle prossime settimane al fine di ridurre al minimo i disagi per gli esercizi commerciali e, contestualmente, garantire un corretto svolgimento dei lavori. I lavori, che sono stati appaltati con una base d’asta di 2milioni e350mila euro ottenendo un ribasso di gara pari al 13,5%, si concluderanno entro l’autunno del 2019. In anticipo sul cantiere per la riqualificazione di via Nizza, dal primo marzo sono in corso i lavori, che termineranno a settembre 2018, per la realizzazione della rete di teleriscaldamento eseguiti da Iren. I lavori Iren proseguiranno per lotti successivi fino a piazza Nizza  e sono coordinati con l’inizio del cantiere per la riqualificazione di via Nizza. Lungo via Nizza gli scavi di IREN per la realizzazione della rete di teleriscaldamento stanno iniziando a partire da via Galliari  e procederanno verso sud fino a piazza Nizza. Fino al 14 aprile resterà chiuso al traffico il tratto a nord della rotatoria di largo Marconi (che collega il controviale di corso Marconi con via Nizza), il tratto di via Galliari tra via Nizza e via Saluzzo e dal 19 marzo al 30 aprile sarà chiuso al traffico il tratto di via Berthollet, sempre tra via Nizza e via Saluzzo. Via Nizza resterà comunque sempre percorribile.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 feb 2018

Torino: capitale europea del Verde nel 2021?

di Alessandro Graziano

Torino si candida a diventare la Capitale verde europea del 2021, riconoscimento della Commissione Europea per città di almeno 100 mila abitanti con standard ambientali di qualità certificati, impegnate in ambiziosi obiettivi di sviluppo sostenibile e pianificazione territoriale. Per questo la giunta comunale ha approvato oggi la costituzione di un tavolo di lavoro per la predisposizione della candidatura al titolo che finora non ha mai visto una città italiana tra le finaliste. Dalla sua istituzione nel 2008, nessuna città italiana è mai arrivata tra le finaliste della selezione. La classifica delle città che hanno vinto il premio fino ad ora è la seguente: • Stoccolma, Svezia 2010 • Amburgo, Germania 2011 • Vitoria-Gasteiz, Spagna 2012 • Nantes, Francia 2013 • Copenaghen, Danimarca 2014 • Bristol, Inghilterra 2015 • Lubiana, Slovenia 2016 • Essen, Germania 2017 • Nimega, Olanda 2018 e per il 2019 Oslo • Norvegia. Non è solo la quantità di verde pubblico presente nei parchi l’indicatore che determina il vincitore. La giuria (composta da rappresentanti della Commissione europea, del Parlamento europeo, del Comitato delle regioni, dell’Agenzia europea dell’ambiente, dell’ICLEI - Governi Locali per la Sostenibilità, dell’Ufficio del Patto dei Sindaci e dell’Ufficio europeo dell’Ambiente) valuta le candidature sulla base di ben 12 indicatori: - cambiamenti climatici e interventi di mitigazione/adattamento; - trasporti locali; - aree urbane verdi e uso sostenibile del territorio; - natura e biodiversità; - qualità dell’aria; - inquinamento acustico; - produzione e gestione dei rifiuti; - gestione delle risorse idriche; - trattamento delle acque reflue; - ecoinnovazione e occupazione sostenibile; - rendimento energetico; - gestione ambientale integrata. Tra i numerosi vantaggi del diventare 'Capitale Verde', l'aumento dei turisti e della visibilità sui media internazionali oltre a investimenti esteri e maggiori risorse per i progetti ambientali. Per la creazione del dossier di candidatura verrà dunque costituito un gruppo di lavoro formato dalle aree e servizi Ambiente, Mobilità, Verde e Urbanistica, Sistema informativo, Energy management.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 feb 2018

Gran Madre: prende forma via Monferrato

di Alessandro Graziano

Continua il cantiere per la pedonalizzazione di via Monferrato  Qualche aggiornamento fotografico sui lavori di riqualificazione e pedonalizzazione di via Monferrato, in Borgo Po. Attualmente è stata ripavimentata la metà della strada con pietre lastricate ai bordi e con pietrisco al centro lungo la gronda per le acqua piovane. Secondo quanto riportato nei cartelli del cantiere i lavori si dovrebbero concludere a Maggio 2018. La via sarà dotata, a lavori conclusi, di nuovo arredo urbano, tra cui panchine, fioriere, cestini getta carta e pannelli pubblicitari. I lavori di riqualificazione per un importo di 700.000 euro fanno parte del Pon Metro 2020.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 feb 2018

Iron Valley: il parco Industriale di Torino

di Alessandro Graziano

Nuovo progetto di riqualificazione per il Parco Dora con un allestimento a parco culturale Nell’ambito del programma “AxTo” , programma diretto a riqualificare le periferie torinesi,  la Città di Torino ha indetto un concorso di idee, aperto a gruppi di progettazione, finalizzato ad acquisire una proposta per l’allestimento del Parco Culturale della Torino Industriale denominato Iron Valley,nell’area urbana a verde di Parco Dora. Con il concorso si intendono acquisire quindi idee progettuali per un innovativo museo a cielo aperto che attraverso allestimenti materiali e immateriali possa valorizzare le risorse storico-culturali, architettoniche e paesaggistiche passate e presenti del Parco. Il percorso museale pubblico, valorizzando le emergenze architettoniche post-industriali, dovrà mettere in luce l’identità del luogo, narrarne la sua storia, le sue memorie e il suo presente ripresentando ai fruitori in maniera dinamica e interattiva la realtà lontana e recente di uno dei contesti industriali più significativi della Città di Torino e dovrà, al contempo, stimolare le riflessione sui temi della salvaguardia dell’ambiente evidenziando i grandi passi avanti fatti ad oggi in merito al suo recupero e alla sua tutela. Il parco, uno dei più grandi di Torino, sarà quindi ancor più tematizzato e caratterizzato mettendo in valore la sua storia e i suoi ampi spazi. Una cerniera tra natura ritrovata e edifici industriali!  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 gen 2018

La Rinascente: prossimo restyling in via Lagrange

di Alessandro Graziano

Rinascente investe 61 milioni di euro per ristrutturare lo storico store  in via Lagrange, dove sono previste circa 50 nuove assunzioni. I lavori - ha spiegato l'amministratore delegato Pierluigi Cocchini, in un incontro in Comune - inizieranno entro questo mese con il piano -1 e coinvolgeranno progressivamente tutti gli altri piani, per terminare completamente a settembre 2019. Lo store rimarrà sempre aperto e ogni due o tre mesi verrà presentato un nuovo reparto. L'operazione porterà a un notevole aumento degli spazi: dagli attuali tre piani e 4.300 metri quadri si passerà a sei piani e 7.500 metri quadri. Saranno investiti 33,5 milioni per l'acquisto dell'immobile e 19,1 milioni di ristrutturazione, di cui 1 milione al Comune di Torino per oneri relativi alla monetizzazione dei parcheggi, alle compensazioni ambientali e oneri di urbanizzazione. A questi si aggiungono i circa 8 milioni di euro che i brand partner impiegheranno per i loro spazi all'interno dello store. Tra le novità, al piano terra verrà creato un ristorante di qualità, mentre il reparto profumeria raddoppierà. Al piano interrato sono in arrivo un altro punto ristoro e probabilmente una palestra (si parla della catena McFit).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 gen 2018

Attenzione: disagi al traffico per voragine in corso Regina!

di Alessandro Graziano

LINEE 3 - 16 circolare sinistra e  16 circolare destra, 52 DEVIATE nel  tratto Corso REGINA MARGHERITA- Forca Causa cedimento manto stradale e chiusura al transito di c. Regina Margherita / Consolata, dalle ore 04,30 la linea 3 entrambe direzioni - 16S - 16D e linea 52 dir. Scialoia sono deviate. In particolare risulta ancora  chiusa al traffico veicolare e ai bus e tram il tratto di corso Regina tra via della Consolata e Rondò della Forca nella sola corsia centrale del viale. Dai dati della rete Arpa Piemonte nelle ultime 30 ore sono già caduti 120-150 mm di pioggia sulle zone montane e pedemontane tra le Valli di Lanzio, il Canavese e la Valsesia (fino a 250 mm a Corio-Piano Audi), 50-80 mm dal Pinerolese alla Bassa Valle di Susa e sul Verbano, 20-40 mm sulla pianura torinese (26 a Torino). In montagna nelle vallate del Torinese 60-80 cm di neve fresca tra i 1500 e i 2000 metri, con punte fino a un metro oltre i 2500 metri. Mezzo metro di neve fresca sui 2000 metri anche nelle valli del Rosa, 20-40 cm in Ossola e sul Cuneese. Nelle località sciistiche: 30 cm a Bardonecchia (ma in paese ora piove, 70 cm in quota), 60-70 cm a Pragelato e Sestriere, punte fino a 80 cm sulle piste, 50-60 cm in quota tra Alagna e Macugnaga, 20-30 cm in quota a Limone PIemonte. Per ulteriori informazioni, visita www.gtt.to.it

Leggi tutto    Commenti 0