Articolo
23 ott 2017

Prende forma l’Headquarter Lavazza

di Alessandro Graziano

Prende forma il quartiere Lavazza, ovvero la sede centrale dell'azienda italiana leader nel settore del caffè e delle macchine per caffè Ecco un aggiornamento fotografico della sede Lavazza. Da notare le rifiniture della piazza che unisce via Pisa a via Bologna. Un particolare molto interessante sono i cancelli di chiusura a forma di panca con lo schienale molto alto che fa da chiusura dei giardini. Panche che scorrono su dei binati come un normale cancello a chiusura automatica. Di gran pregio poi l'area archeologia valorizzata e messa in luce su corso Palermo, dove una vetrata a spicchio emerge dal pavimento mostrando i resti archeologici della nostra città. Un parte del plesso risulta comunque già adibita ad uffici e con un gran via vai di persone.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 mag 2017

Nuovi marciapiedi e piste ciclabili: prende forma corso Venezia

di Alessandro Graziano

Avanzano i lavori di realizzazione del nuovo corso Venezia In questi ultimi giorni di maggio il nuovo corso, la rotatoria di piazza Baldissera e gli innesti delle altre strade stanno prendendo forma. Si sta procedendo a finire le nuove pavimentazioni, le aree ad uso pedonale, le piste ciclabili e le alberature. Inoltre di fronte la stazione Dora sono in via di installazione le nuove fermate bus Gtt. Inoltre sul lato dell'ex concessionaria Citroen , angolo corso Vigevano via Stradella, sembra che verrà realizzato un piccolo giardino alberato.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 ott 2016

Parco Michelotti: quale futuro?

di Alessandro Graziano

Il progetto prevede la realizzazione nel cuore di Torino, in circa 3 ettari sulla riva del fiume, di una  Zoom City con ambientazioni tematiche ed esotiche, tra cui un villaggio Inca con lama e alpaca, un villaggio Dayak con maiali vietnamiti, zebù nano, capre e galline, e una fattoria per il gioco dei bambini. L’intera area del Parco Michelotti verrà assegnata alla Zoom Torino SpA per trent’anni per la riqualifica e la costruzione di un bioparco. Nel progetto presentato da Zoom si parla di tre aree di cui una con accesso gratuito ed altre due a pagamento. La prima verrà riqualificata dalla società e destinata a tutta la civitas torinese; nella seconda sarà costruita una Children Farm in cui saranno presenti animali di fattoria in uno spazio all’aria aperta; nella terza una biosfera al chiuso riprodurrà un ecosistema in stile Rio delle Amazzoni, con tanto di anfibi, rettili, uccelli e foresta pluviale. Il progetto prevede in sintesi: Aree pubbliche ad ingresso libero che saranno costantemente prese in manutenzione da Zoom, tra cui il percorso lungo il Po. Una children farm ovvero un percorso didattico sulle varie fattorie esistenti al mondo Una biosfera ovvero zona indoor composta da una zona Marcopolo e una Amazonia, due ambienti al coperto e climatizzati. Secondo le stime effettuate dal Politecnico di Torino si prevedono 300mila visite l’anno, una ricaduta economica di cinque milioni di euro e un 15% di utenti composti da famiglie dell'area Metropolitana torinese.  Il costo del ticket d'ingresso potrebbe essere dai quattro ai sedici euro, grazie ai quali la zoom nel 2024 inizierebbe a guadagnare dall’investimento, che si aggira tra i quindici ed i venti milioni di euro con la creazione di 100 posti di lavoro. Sempre secondo le previsioni del Politecnico aumenterà, del 35%, il fatturato delle attività commerciali  di Borgo Po. Sarà altresì riqualificato il percorso ciclopedonale, creata un’area bimbi e diversi percorsi per il jogging. Nonostante l'interessante progetto di riqualificazione, l’assegnazione del parco, tramite il bando del Comune di Torino, ha suscitato alcune polemiche. Da una parte ad alzare la voce sono stati i comitati di quartiere delusi dalla giunta pentastellata che non accettava l’idea, prima di essere eletta, di cedere una zona pubblica ad un privato, salvo poi il mantenimento del piano della precedente giunta PD. Dall’altra gli stessi Cinquestelle per i quali ha parlato il vicesindaco Guido Montanari “Non riesco a condividere entusiasmo per questo progetto di uno Zoom al Parco Michelotti, perché avremmo preferito ridare l’area verde ai cittadini. Ma non ce la sentiamo di buttar via tutto il lavoro fatto fin qui”. Giustificazione non accettata dai comitati di quartiere che tenteranno di osteggiare tale progetto. Sicuramente la giunta  ha dovuto fare dietrofront a causa delle penali monetarie che dovrebbe pagare il Comune e quindi la collettività in caso di recesso del contratto con Zoom. Ma nell'economia contemporanea grossi progetti di riqualificazione non possono che essere portati avanti dai privati in sinergia con il pubblico. L'uno non esclude l'altro e il nostro assessore Montanari dovrebbe saperlo. Ciò che è privato se ben governato da norme e regolamenti non è il male per la città anzi una svolta per molte questioni urbane.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 ott 2016

Giardino Clessidra: uno spazio partecipato

di Alessandro Graziano

Qualche tempo fa, vi avevamo parlato del progetto “bilancio deliberativo” della precedente giunta Fassino e della riqualificazione di varie aree verdi della Circoscrizione 7. Quest’anno, con un budget dedicato di 500.000 euro , è stata scelta la riqualificazione dell’area verde “Clessidra”, tra corso Turati e largo Orbassano, corso De Nicola e via Tirreno. A breve partirà il percorso di progettazione condivisa che, com’era avvenuto per la Circoscrizione 7, prevede vari passaggi: incontri pubblici di studio sulle criticità e potenzialità del territorio in oggetto; quindi, i cittadini lavoreranno con i tecnici comunali per la stesura di due o più progetti che saranno votati nei primi dieci giorni di dicembre e quindi presentato al Comune. Infine, dal gennaio 2017 inizieranno i lavori che saranno sotto gli occhi attenti dei cittadini coinvolti. Buon lavoro, dunque, a tutti quei cittadini che vorranno mettere a disposizione della collettività le proprie competenze, la passione e il tempo libero dimostrando come sia possibile un nuovo modello di partecipazione nell’amministrazione pubblica e come questa preveda impegno, dialogo e responsabilità. Un qualcosa di cui abbiamo bisogno come l’aria e che ci ricorda che la partecipazione democratica della cittadinanza attiva non si potrà mai ridurre ad alcuni click su internet. Neppure per una “piccola” cosa come la riqualificazione di un’area verde.  

Leggi tutto    Commenti 0