Articolo
17 gen 2018

REGIONE PIEMONTE | Approvato il nuovo Piano regionale della mobilità e dei trasporti

di Mobilita Torino

Nella seduta del 16 Gennaio, il Consiglio Regionale del Piemonte ha dato il via libera al nuovo Piano regionale della mobilità e dei trasporti.  Con la sua approvazione, finalmente il Piemonte dispone di un rinnovato strumento per indirizzare lo sviluppo della mobilità sostenibile ad ogni livello istituzionale e colmare un vuoto di indirizzi dal 1979, data di approvazione del precedente Piano dei trasporti. La mobilità è in continua trasformazione grazie all’evoluzione delle tecnologie, alla crescente sensibilità ambientale e al cambiamento delle abitudini degli utenti stessi: questo Piano ha il compito di fornire alla pubblica amministrazione gli strumenti adeguati per innovare le modalità di funzionamento del sistema trasporti e un modello di governance capace di coniugare lo sviluppo nella triplice dimensione della sostenibilità, ambientale, sociale ed economica con una visione di ampio respiro in una logica di anticipazione. Il PRMT è un piano strategico che ragiona in un orizzonte temporale a lungo termine fissando gli obiettivi al 2020, 2030 e 2050 e le linee guida per lo sviluppo nel settore della mobilità. La Tabella di Marcia verso il 2050 dovrà essere, di qui ai prossimi anni, il punto di riferimento anche degli interventi infrastrutturali che saranno realizzati nella nostra regione per perseguire: la sicurezza di cittadini e imprese (protezione e incolumità), l’accessibilità (disponibilità di reti, fruibilità di servizi, accessibilità alle informazioni, integrazione dei sistemi), l’efficacia (utilità del sistema, qualità dell’offerta) e l’efficienza (razionalizzazione della spesa, internalizzazione) del sistema; l’attenzione agli impatti energetici e ambientali(riqualificazione energetica, uso razionale del suolo, limitazione delle emissioni, contenimento della produzione di rifiuti); il sostegno alle imprese (competitività, occupazione), la vivibilità del territorio e la qualità della vita (salvaguardia, recupero). Il Piano trova attuazione in piani di settore, che lo completano adeguando le politiche di breve-medio termine ad un contesto di lungo periodo in continua evoluzione, e nelle politiche integrate, riconoscendo che le strette relazioni tra mobilità e territorio inducono ad operare in settori e a livelli istituzionali diversi per raggiungere comuni obiettivi di coesione economica e sociale, di salvaguardia del patrimonio naturale e culturale e per una più bilanciata competitività. Il Piano è il frutto di un percorso partecipato che ha visto il coinvolgimento degli stakeholder, delle Istituzioni, delle Associazioni e del Consiglio Regionale, ed è stato redatto con collaborazione di SITI, grazie ad un contributo della Compagnia di Sanpaolo, del supporto di esperti qualificati, del contributo dell’Agenzia per la Mobilità Piemontese, di IRES, di 5T e del lavoro dei funzionari del settore trasporti e degli altri settori della Regione.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 gen 2018

Salvataggio di GTT all’orizzonte?

di Alberto Garbin

  Il salvataggio di Gtt è quasi cosa fatta. Nell’assemblea dei soci è stato autorizzato il piano industriale che da qui al 2021 potrebbe salvare l’azienda. Con il rinnovo di metà della flotta degli autobus, la riduzione dei costi e delle tariffe, accompagnando alla pensione 500 lavoratori e gestendo 260 esuberi. Dovrebbero essere stanziati 65 milioni di euro. Divisi tra Regione, Comune di Torino e Gtt. Proprio su quanto debba mettere il comune di Torino e Gtt che sembra si siano arenate le trattative, fino alla giornata di ieri dove sembra si sia trovato un accordo.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 nov 2017

Regione Piemonte. Aggiunti 600 milioni per passare le strade dalle Province ad Anas

di Mobilita Torino

Investimenti aggiuntivi per 600 milioni di euro nel contratto di programma Anas con orizzonte temporale fino al 2022 e la certezza della rimodulazione dei finanziamenti per la Masserano-Ghemme sulle annualità 2018-2019 sono i principali risultati di un incontro che una delegazione piemontese composta dall’assessore regionale ai Trasporti e Infrastrutture, Francesco Balocco, e dai presidenti o rappresentanti delle Province (assente la sola Vercelli) e della Città metropolitana di Torino ha avuto il 6 novembre presso il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti. Al centro della discussione c’era infatti la complessa partita della riclassificazione delle strade provinciali, che ha visto Regione e Province impegnate in una lunga trattativa con il Ministero e Anas, secondo la quale il passaggio di una parte della rete oggi in capo alle Province ad Anas doveva essere accompagnata dall’impegno di realizzare una serie di investimenti sui 1100 km di strade trasferite. Con le nuove risorse, che portano ad oltre 900 milioni l’importo del contratto di programma Anas 2016-2020, sarà possibile realizzare i necessari interventi di manutenzione straordinaria (messa in sicurezza di ponti e strade) ed opere importanti e attese da anni. Il passaggio di competenze sarà ufficializzato con un decreto già in fase di perfezionamento dal Ministero. Per quanto riguarda la Masserano-Ghemme, la preoccupazione riguardava il ritardo accumulato da Anas nella progettazione del tracciato della cosiddetta “Pedemontina”, che rischiava di compromettere il finanziamento di 80 milioni previsto nel decreto Sblocca Italia del 2014 e vincolato alla presentazione del progetto entro la fine di quest’anno. Un apposito decreto del Governo, già approvato dalla Corte dei Conti ma non ancora pubblicato, ha prorogato la scadenza, riprogrammando gli 80 milioni sulle annualità 2018 (75,08 milioni) e 2019 (i restanti 4,54), scongiurandone la perdita. “Un buon risultato - ha commentato l’assessore Balocco - frutto della collaborazione tra istituzioni, che consentirà di sgravare le Province dagli oneri di manutenzione delle strade riclassificate e di realizzare importanti investimenti che altrimenti sarebbe stato difficile ottenere”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 nov 2017

Free ART Shuttle, la prima navetta gratuita per ContemporaryArt

di Mobilita Torino

ContemporaryArt Torino Piemonte, il programma di comunicazione del sistema Arti Contemporanee che da dieci anni suscita l’interesse di cittadini piemontesi e turisti e trova la sua massima espressione a novembre, il mese delle arti contemporanee con lo Speciale Autunno Arte, è fatto di mostre, luci, musica, teatro, danza, cinema, notti bianche e workshop. L’edizione 2017 che vede coincidere i dieci anni di ContemporaryArt con il ventennale delle luminose installazioni di Luci d’Artista, conferma consolidati appuntamenti come Luci d'artista, che illuminerà le piazze e le vie del centro città e delle circoscrizioni; Artissima, la più importante fiera d’arte contemporanea in Italia ospitata all’Oval – Lingotto Fiere; Paratissima, per la prima volta alla ex Caserma La Marmora in via Asti 22; The Others, all’ex Ospedale Maria Adelaide; Club to Club, festival di musica elettronica; Torino Film Festival, importante rassegna cinematografica e il consueto appuntamento con la Notte delle arti contemporanee di sabato 4 novembre, con l’apertura straordinaria di musei, spazi per l’arte e gallerie. Per la prima volta sarà a disposizione gratuitamente la Free ART Shuttle, una navetta del gruppo GTT che permetterà di spostarsi tra le maggiori fiere e i musei di arte contemporanea di Torino. Due linee speciali con capolinea al Lingotto , nei giorni in cui Torino sarà capitale dell’arte, saranno attive da venerdì 3 a domenica 5 novembre dalle ore 11 alle ore 18, con partenze ogni 30 minuti dalla fermata Lingotto Expo, all’altezza di Lingotto Fiere, e ci saranno   passaggi nelle fermate GTT più vicine non solo alle fiere di arte contemporanea (Artissima, The Others, Paratissima, Flashback, FLAT e altre) ma anche ai musei, proprio per permettere ai visitatori di scoprire tutte le esposizioni e le sedi dedicate alla contemporaneità. Questi i luoghi d’interesse toccati dalle due linee: Percorso 1: Artissima, Operae, PAV Parco Arte Vivente, Flashback, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Fondazione Merz, OGR Officine Grandi Riparazioni, GAM Percorso 2: Artissima, Operae, Palazzo Madama, FLAT Fiera Libro Arte Torino, Camera, Paratissima, The Others, MEF Museo Ettore Fico. “Questa iniziativa conferma ancora una volta il nostro impegno per la valorizzazione e la promozione del ricco sistema regionale delle arti contemporanee, anche come elemento attrattivo per il turismo – commenta Antonella Parigi, assessora alla Cultura e al Turismo della Regione Piemonte - La navetta che abbiamo predisposto insieme a GTT permetterà una fruizione migliore e sostenibile delle numerose fiere e musei attivi nel week-end di inizio novembre, fornendo un ulteriore servizio per i tanti visitatori e appassionati che saranno a Torino in quei giorni”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 ott 2017

Da oggi info personalizzate real time anche per i pendolari del Piemonte

di Mobilita Torino

Da oggi grazie alle nuove funzioni infopush dell’App gratuita Trenitalia anche i pendolari del Piemonte saranno informati dal loro device mobile sulle cause di un eventuale ritardo, sulle previsioni di ripristino della normalità e sulle soluzioni alternative disponibili. È così possibile per tutti i passeggeri dei circa 800 treni regionali gestiti ogni giorno da Trenitalia in Piemonte, essere informati automaticamente, all’ora richiesta, sull’andamento del proprio treno e ricevere le informazioni sulle condizioni delle linee prescelte, permettendo di sapere, con un anticipo fissato dal cliente, se la circolazione è interrotta o perturbata. Inoltre, con la nuova funzione dell’App, ogni singolo evento che determini ritardi superiori ai 15 minuti o stop alla circolazione dei treni che si è chiesto di monitorare (fino a quattro) verrà subito segnalato e motivato. Le novità digitali di Trenitalia sono state presentate questa mattina a Torino da Maria Annunziata Giaconia, Direttore Divisione Passeggeri Regionale, insieme al Direttore Regionale Piemonte di Trenitalia, Francesca Raciti. Ha partecipato l’Assessore Infrastrutture e Trasporti della Regione Piemonte, Francesco Balocco. Lo sviluppo di attività di smart caring si inserisce all’interno del Piano Industriale 2017 - 2026 del Gruppo FS Italiane, costruito su cinque grandi pilastri fra i quali la Digital Travel Experience, basata sull’offerta di comodi strumenti che accompagnino i clienti in tutto il viaggio. Non c’è solo la tecnologia alla base del nuovo approccio di smart caring di Trenitalia. Fondamentale è la control room regionale integrata dove la presenza di operatori di tutti i principali settori - gestione equipaggi, manutenzione dei convogli e rapporti con i clienti - consente la condivisione immediata delle informazioni per anticipare eventuali criticità e ridurre i tempi di intervento in caso di eventi imprevedibili, fornendo inoltre comunicazione al cliente in tempo reale. CONTROL ROOM REGIONALE INTEGRATA DI TORINO LINGOTTO La control room regionale integrata di Torino segue ogni giorno circa 800 treni ed è presenziata 24 ore su 24. Al suo interno attualmente ci sono 16 postazioni operative: una per il coordinatore di sala, due per il monitoraggio dei  convogli in viaggio e  tre per l’informazione a bordo e le attività di smart caring e assistenza ai clienti, quattro per la composizione degli equipaggi e la predisposizione dei documenti di bordo, cinque per la gestione del parco mezzi e come interfaccia con le officine di manutenzione e una per la verifica e l’analisi dei dati di circolazione. La control room è collocata all’interno della sala di comando e controllo del traffico ferroviario di Rete Ferroviaria Italiana, per una funzionale ed efficace interazione anche con il gestore dell’infrastruttura.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 set 2017

Regione Piemonte, nuove risorse per le piste ciclabili

di Mobilita Torino

Il 25 settembre la Giunta regionale del Piemonte ha approvato, per il Piano annuale per la sicurezza stradale, nuovi fondi per le piste ciclabili e per i progetti rivolti agli studenti. Per quanto riguarda le piste ciclabili, i criteri individuati per l’assegnazione dei fondi, che saranno oggetto di un bando specifico, definiscono interventi con interesse sovra-comunale, percorsi funzionali alla mobilità sistematica, al pendolarismo o a servizio di nodi di interesse collettivo, nonchè percorsi che mettano in collegamento le stazioni e le fermate del trasporto pubblico locale con la rete ciclabile. La Regione interverrà con 10 milioni di euro per assegnare un cofinanziamento fissato nella misura massima del 60% del costo dei progetti presentati da Comuni con popolazione inferiore a 10.000 abitanti, Unioni di Comuni e da Comuni in forma associata e del 50% per i progetti presentati da Comuni oltre i 10.000 abitanti, Città metropolitana e Province. Gli interventi dovranno richiedere un importo complessivo superiore a 200.000 euro e fino ad un tetto di contributo regionale massimo di 1,5 milioni. I percorsi dovranno garantire la messa in sicurezza del traffico ciclistico, privilegiando di norma soluzioni che comportino il disimpegno della sede stradale da parte dei ciclisti. Come ricorda l’assessore regionale ai Trasporti, Francesco Balocco, “queste risorse si aggiungono agli 800.000 euro assegnati quest’anno per le piste ciclabili e ai 2 milioni già a bilancio, a testimonianza degli sforzi compiuti per una rete ciclabile realmente fruibile ed integrata”. "Questa delibera - ha aggiunge l’assessora al Turismo, Antonella Parigi -consentirà di finanziare nuovi tratti di percorsi ciclabili e/o ciclopedonali, sulla base degli studi di fattiblità finanziati nel 2015, permettendo di aumentare le possibilità di fruizione del territorio in bicicletta, in particolare da parte di turisti e visitatori”. Nella stessa delibera sono stati stanziati 162.000 euro per l’avvio di un programma di promozione della mobilità sicura casa-scuola, alternative all’automobile, e per la realizzazione di iniziative di bicibus e pedibus. Il finanziamento sarà pari al 100% delle spese ritenute ammissbili con un minimo di 2000 euro ed un massimo di 7000. “Sono soluzioni - puntualizza l’assessora all’Istruzione, Gianna Pentenero - semplici e razionali per l’educazione dei ragazzi verso scelte di mobilità più sostenibili, favorendo una riduzione del traffico in prossimità dei plessi scolastici e dei fattori di rischio correlati, tra cui l’incidentalità”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 set 2017

Sagre ed eventi a Torino e dintorni nel fine settimana

di Alberto Garbin

Di seguito un riassunto sui principali eventi che caratterizzeranno il fine settimana (16-17 settembre) a Torino e Provincia. Due grandi eventi per gli amanti degli animali domestici si terranno all'Oval Lingotto, "Atuttacoda", e il "Miciogatto Day" . Al Palavela si terrà per gli appassionati di tatuaggi la Torino Tattoo Convention. A Giaveno "Tutto zucche in festa" e due grandi appuntamenti per quanto riguarda i mercatini dell’usato: quello dell'artigianato a Rivoli o quello dell'Antiquariato a Pinerolo. In Torinosi terrà il Festival Graphic Days e Lov Story in Borgo Vanchiglia. A Cuminana invece l'Etno&Folk Festival. A Sauze d'Oulx si tiene la Sagra della Patata di Montagna e dei prodotti tipici, a Chiusa San Michele Gusto di Meliga e ad Avigliana c'è l'XI° edizione di Valdimiele. A Sangano si tiene la 2° edizione dello Street Food Festival. E’ tempo di vendemmie e in tutto il Piemonte si celebra con feste e sagre. In via Nicola Fabrizi a Torino infatti è in programma la Festa dell'uva così come a Bricherasio e a Caluso. Alla Reggia di Venaria c'è Area Area con la Danza di primavera e d'autunno e poi ancora Teatri a partire dal 16 settembre 2017 fino al 17 settembre 2017 a Torino "Lève un peu les bras". Al teatro Gobetti sono protagoniste invece l'energia e la gestualità di "Von". Al Circolo di Magia si apre la stagione con un eccezionale spettacolo di Close Up e per chi ama la musica, in zona Mirafiori, ci sono i concerti di "Adotta un pianista". Al Museo del Cinema ci sarà una serata dedicata al grande all’indimenticato Totò . Ai Giardini Reali va in scena, per i più piccoli, la Festa di fine estate.

Leggi tutto    Commenti 0