Articolo
15 set 2017

Sagre ed eventi a Torino e dintorni nel fine settimana

di Alberto Garbin

Di seguito un riassunto sui principali eventi che caratterizzeranno il fine settimana (16-17 settembre) a Torino e Provincia. Due grandi eventi per gli amanti degli animali domestici si terranno all'Oval Lingotto, "Atuttacoda", e il "Miciogatto Day" . Al Palavela si terrà per gli appassionati di tatuaggi la Torino Tattoo Convention. A Giaveno "Tutto zucche in festa" e due grandi appuntamenti per quanto riguarda i mercatini dell’usato: quello dell'artigianato a Rivoli o quello dell'Antiquariato a Pinerolo. In Torinosi terrà il Festival Graphic Days e Lov Story in Borgo Vanchiglia. A Cuminana invece l'Etno&Folk Festival. A Sauze d'Oulx si tiene la Sagra della Patata di Montagna e dei prodotti tipici, a Chiusa San Michele Gusto di Meliga e ad Avigliana c'è l'XI° edizione di Valdimiele. A Sangano si tiene la 2° edizione dello Street Food Festival. E’ tempo di vendemmie e in tutto il Piemonte si celebra con feste e sagre. In via Nicola Fabrizi a Torino infatti è in programma la Festa dell'uva così come a Bricherasio e a Caluso. Alla Reggia di Venaria c'è Area Area con la Danza di primavera e d'autunno e poi ancora Teatri a partire dal 16 settembre 2017 fino al 17 settembre 2017 a Torino "Lève un peu les bras". Al teatro Gobetti sono protagoniste invece l'energia e la gestualità di "Von". Al Circolo di Magia si apre la stagione con un eccezionale spettacolo di Close Up e per chi ama la musica, in zona Mirafiori, ci sono i concerti di "Adotta un pianista". Al Museo del Cinema ci sarà una serata dedicata al grande all’indimenticato Totò . Ai Giardini Reali va in scena, per i più piccoli, la Festa di fine estate.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 set 2017

“Cheese – Le forme del latte”: 22 treni straordinari per raggiungere Bra

di Mobilita Torino

Ventidue treni straordinari sull’SFM4 Torino e tra Bra per la Ventesima edizione di “Cheese – Le forme del latte”, la manifestazione a ingresso libero tra le vie e le piazze del centro storico di Bra, realizzata dal presidio Slow Food e dal Comune di Bra. Da venerdì 18 a domenica 20 settembre Trenitalia, in collaborazione con la Regione Piemonte, effettuerà sei corse in più il venerdì, 6 il sabato e dieci la domenica. Le nuove corse rafforzano i collegamenti serali e partiranno da Torino Stura alle 21:27, alle 22:27 e alle 23:27 e da Bra alle 21:39, alle 22:39 e 23:39. A queste si aggiungono, nella giornata di domenica, quattro collegamenti con partenza alle 11:28 e 15:28 da Torino Stura e alle 13:31 e 17:31 da Bra. Questi ultimi quattro provengono e proseguono per Alba. I treni fermeranno a Torino Rebaudengo, Torino Porta Susa, Torino Lingotto, Moncalieri, Trofarello, Villastellone, Carmagnola, Sommariva Bosco, Sanfré, Bandito. Tra Alba e Bra fermano a Santa Vittoria, Monticello d’Alba e Mussotto. Salgono così a 41 i treni che venerdì collegheranno Bra a Torino e viceversa, 38 quelli di sabato e 26 quelli di domenica. Prime partenze alle 5:27 da Torino Stura e ritorni assicurati fino alle 23:39 per potersi godere la festa fino a tarda sera.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 ago 2017

Al via i collegamenti diretti Torino-Modane

di Mobilita Torino

Dal 10 Settembre, la domenica, partiranno i nuovi collegamenti diretti da Torino Porta Nuova a Modane, dopo che Trenitalia e RFI nelle scorse settimane hanno effettuato i test per verificarne la fattibilità tecnica. Sette coppie di treni, con cadenzamento biorario, circoleranno la domenica. La sperimentazione sarà funzionale alla valutazione di un ulteriore potenziamento del servizio. Sarà dunque possibile raggiungere Modane da Torino  via Bardonecchia (e viceversa), senza cambiare treno, che effettuerà le fermate nelle stazioni di  Grugliasco, Collegno, Alpignano, Rosta, Avigliana S. Antonino Vaie, Bussoleno, P.C. Meana, Chiomonte, Salbertrand, Oulx Ce.Cl.Ses., Beaulard, Bardonecchia. «Un risultato importante – ha sottolineato l’assessore ai Trasporti della Regione Piemonte Francesco Balocco ­– ottenuto anche grazie al lavoro dei consiglieri di maggioranza che lo hanno fortemente voluto, segno di attenzione della Regione per questa linea interessata dai lavori per la realizzazione dell’Alta Velocità»

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 ago 2017

Regione Piemonte, da ottobre sconto del 10% a chi effettua un abbonamento al treno

di Mobilita Torino

Partirà ad ottobre in via sperimentale l’applicazione di uno sconto del 10% ai piemontesi che, utilizzando il treno per i loro spostamenti, acquisteranno un abbonamento annuale e non avranno compiuto 26 anni.  L’iniziativa ha lo scopo di verificare se la riduzione tariffaria potrà portare ad un incremento degli utenti che utilizzano il treno, compensando così i minori introiti. A tal fine, l’Agenzia della mobilità piemontese ha concordato con Trenitalia che sia applicata fino al raggiungimento della somma di 350.000 euro stanziata dal Consiglio regionale nella legge di bilancio 2017. Le agevolazioni si applicheranno esclusivamente agli abbonamenti annuali sui treni Sfm, regionali e regionali veloci nel solo ambito dei confini tariffari del Piemonte (escluse pertanto le tratte sovraregionali). Sono esclusi gli abbonamenti Formula. L’assessore regionale ai Trasporti, Francesco Balocco, fa presente che si stratta “di un’iniziativa che confidiamo di stabilizzare per i prossimi anni, introducendola anche sugli abbonamenti trimestrali, attualmente non previsti da Trenitalia, o comunque con forme di rateizzazione”.  La tariffa agevolata sarà cumulabile con lo sconto del 5% che si potrà ottenere con il cosiddetto “Bonus Pendolari”.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 lug 2017

Trenitalia, corse regionali Piemonte: puntualità 90,4%, regolarità 99,2 %

di Mobilita Torino

Una puntualità reale (arrivo entro i 5 minuti dall’orario previsto) del 90,4% e un indice di regolarità (corse effettuate rispetto alle programmate) del 99,2%. Indici che, considerando le sole cancellazioni (0,3%) e ritardi (3,5%) imputabili direttamente a Trenitalia salgono al 99,7% come regolarità e 96,5% di puntualità. Migliora anche il giudizio dei clienti: a maggio l’89,3% si è dichiarato soddisfatto del viaggio nel suo complesso. Il bilancio del primo semestre 2017 si chiude per Trenitalia regionale Piemonte con un trend pressoché invariato rispetto ai livelli degli indici medi piemontesi del 2016. Risulta superiore alla media generale l’arrivo in orario dei treni in circolazione nelle ore di punta del mattino: nella fascia 6-10 è il 91,4% dei convogli ad arrivare puntuale, percentuale in leggera flessione rispetto allo scorso anno (-0,4%) ma per cause non imputabili a Trenitalia, che vede invece diminuire dello 0,8% i ritardi di sua diretta responsabilità. L’ultima indagine demoscopica, condotta a maggio in Piemonte da una società esterna al Gruppo FS, ha evidenziato un miglioramento nel giudizio che i clienti danno del servizio e dei vari momenti che lo compongono con un aumento dell’1,6% vs maggio 2016. Rispetto a maggio 2016 molti i fattori che registrato un miglioramento significativo: coincidenze con altri treni +13,3% (86,2% vs 72,9%), qualità delle informazioni a bordo treno +4,3% (93% vs 88,7%), pulizia +2,4% (67,6% vs 65,2%), disponibilità dei posti +6,6% (90,8% vs 84,2%), regolarità +5% (83% vs 78%),

Leggi tutto    Commenti 0
Segnalazione
10 lug 2017

Chiuso al transito il sottopasso Lingotto dal 14 luglio al 15 settembre 2017

di Roberto Lentini

Nell'ambito delle opere di urbanizzazione inerenti il Palazzo unico della Regione Piemonte, è prevista la realizzazione di un nuovo tratto di sottopasso veicolare di collegamento tra l'area su cui insiste il Palazzo ed il sottopasso del Lingotto. I lavori sono realizzati e gestiti dalla Regione Piemonte allo scopo di decongestionare e rendere più fluido il futuro incremento di traffico in tale area a seguito della presenza del nuovo edificio pubblico. A tale fine, dal 14 luglio al 15 settembre 2017 è prevista la chiusura al transito del sottopasso del Lingotto, per consentire l'esecuzione degli interventi di adeguamento delle reti di sottoservizi transitanti nel tratto di intersezione con la nuova galleria sotterranea (in particolare le reti di fognatura bianca e nera). Complessivamente i lavori di realizzazione del nuovo tratto di sottopasso dureranno 24 mesi e comporteranno, per circa 6 mesi, modifiche e parzializzazioni del traffico veicolare  al fine di limitare il più possibile i disagi ai cittadini; per l'intera durata dei lavori non sarà invece accessibile la rampa di collegamento tra il sottopasso e l'area dei parcheggi Lingotto.

Leggi tutto    Commenti 0    Proposte 0
Articolo
10 mag 2017

Grattacapi per il grattacielo della Regione?

di Alessandro Graziano

Problemi a 300 vetrate e cantiere,fermo da 18 mesi. E' una corsa contro il tempo quella della Regione per rispettarela data del 3 maggio, che era stata indicata come l'ultima scadenza possibile per siglare l'accordo per la ripartenza dei lavori del grattacielo di Fuksas.  Le gru sono ferme, i lavori bloccati e gli unici lavoratori che hanno messo piede nella torre sono stati i tecnici incaricati dei sopralluoghi per verificare lo stato dei lavori e i danni alle 300 finestre difettose. Intenso è stato invece il lavorio dei legali che per oltre un anno hanno cercato il modo di far proseguire l'appalto, senza indire una nuova gara. A marzo la svolta: dopo mesi di trattative ecco l'accordo tra Regione e Cmb, la cooperativa modenese che già faceva parte dell'Ati con Coopsette , con l'obiettivo di far ripartire i lavori nei 45 giorni successivi. Appena l'8 % dei lavori per completare i quali però serviranno 195 giorni: circa sette mesi, a cui ne vanno aggiunti altri due per collaudi. L'auspicio di Chiamparino è far ripartire i lavori già a fine mese, al massimo a metà giugno, per rendere verosimile il trasloco entro il prossimo anno. Con ben tre anni di ritardo rispetto al giugno 2015, data nella quale l'ex presidente della Regione Roberto Cota intendeva inaugurare la torre, festeggiando la sua rielezione alla guida dell'amministrazione. La storia è andata diversamente, per Cota e per il grattacielo, e ora le ambizioni di tutti si limitano a vederlo finito. E' anche una questione di denaro: ai 23 milioni che ancora servono per concludere la torre, si devono aggiungere i 2 milioni dell'intesa con Cmb e i mancati risparmi che sarebbero derivati dal trasloco fatto nei tempi corretti: i canoni di affitto delle sedi oggi occupate dalla Regione e le mancate vendite degli immobili di proprietà, a partire da piazza Castello.

Leggi tutto    Commenti 0