Articolo
12 set 2017

Festa dei vicini 2017: per una Torino vicina!

di Alessandro Graziano

Per l’undicesimo anno consecutivo la Città di Torino e l’Agenzia Territoriale per la Casa aderiscono alla rete dei partecipanti alla Giornata Europea dei Vicini: l’appuntamento torinese è fissato per sabato 16 e domenica 17 settembre. Nata nel 1999 nel 17° Arrondissement di Parigi, su iniziativa di Atanase Périfan e dell’associazione Paris d’Amis, la Giornata Europea dei Vicini è promossa dall’associazione European Neighbour’s Day ed è un appuntamento ormai consolidato, che si prefigge di contrastare l’isolamento e l’individualismo che troppo spesso caratterizzano i quartieri e i condomini delle grandi città. I numeri sono importanti: 20 milioni di partecipanti, distribuiti in 36 Paesi, 1400 partner. In Italia, la Festa è patrocinata da ANCI e Federcasa, l’associazione nazionale degli enti di edilizia sociale. L’obiettivo è quello di promuovere le buone relazioni di vicinato e rinforzare i legami di prossimità e di solidarietà sociale. Partecipare è gratuito e molto semplice: chiunque può aderire, basta compilare la scheda di adesione e inviarla seguendo le indicazioni. Compilando la scheda di iscrizione, l’evento sarà inserito nel calendario degli appuntamenti della Festa dei Vicini edizione 2017. I partecipanti avranno il compito di organizzare un momento di convivialità per coinvolgere i propri vicini di casa. Chi porta una torta, chi una bottiglia di vino per il brindisi; l’importante è stare insieme. Sono sempre tantissimi i torinesi che raccolgono l’invito e decidono di scendere in strada o in cortile per brindare ai rapporti di buon vicinato. Nelle case popolari, poi, la festa è particolarmente sentita: da Mirafiori a Barriera di Milano, gli inquilini danno vita ai banchetti più affollati della giornata. A Torino quest’anno la Festa dei Vicini sarà collocata all’interno del programma di eventi della Settimana europea della Mobilità Sostenibile. Facile associare l’appuntamento, pensato per promuovere la solidarietà di vicinato in un’epoca caratterizzata dall’isolamento sociale ai temi della mobilità condivisa che saranno parte della manifestazione – lo slogan della quale è, appunto, “Condividere ti porta lontano” – in programma anche quest’anno dal 16 al 22 settembre.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 set 2017

Iniziative per valorizzare l’area Parri con un’area gioco e orti urbani

di Mobilita Torino

L'area Parri, nella Circoscrizione 8 - zona delimitata da corso Massimo d’Azeglio, le vie Tiziano Vecelio, Ormea, Petitti e Pietro Giuria -, da molto tempo è scarsamente frequentata dai cittadini anche per le problematiche legate alla legalità. Gli Assessorati all' Ambiente e ai Diritti, su richiesta della Sindaca, insieme alle Forze dell'ordine hanno posto in essere una serie di azioni per contrastare lo spaccio e il degrado. "La partecipazione attiva dei residenti al progetto Parri è imprescindibile per restituire lo spazio all'uso collettività - afferma l'Assessore all' Ambiente Alberto Unia -: il coinvolgimento dei cittadini nelle attività sarà fondamentale per contrastare il degrado e per far rivivere la zona".  E’ prevista la valorizzazione dei giardini della scuola d'infanzia con la ristrutturazione dell’area gioco inutilizzata da anni e la predisposizione di orti in pallet di recupero nella zona ex area pattinaggio. Nel giardino di piazzale Parri si prevede un’area cani, mentre due stanze dell’ex scuola ospiteranno un presidio delle associazioni impegnate nella valorizzazione del quartiere.Oggi sono partiti i lavori di pulitura dei giardini Parri grazie alla collaborazione di un gruppo di richiedenti asilo sotto la regia della cooperativa Il Campanile e del progetto Torino Spazio Pubblico.L’iniziativa nella zona Parri concretizza una forte integrazione sociale. I richiedenti asilo hanno seguito un corso di prima sicurezza condotto da Iren su iniziativa del Comune. E sono entrati a far parte di Torino Spazio pubblico, operando insieme al centinaio di cittadini volontari, impegnati nella cura del verde pubblico.Il primo momento di socialità sarà il pranzo della Festa dei Vicini, domenica 17 settembre. In questa occasione sarà firmato un protocollo d’intesa tra Città di Torino, Circoscrizione 8 e associazioni del territorio per il rilancio dell’area quale punto di incontro e socialità per i cittadini e le cittadine del quartiere, e presentato il piano di lavoro dell’Amministrazione per questo importante obiettivo. Per quanto riguarda il vecchio circolo Garibaldi, infine, è prevista l’indizione di una manifestazione d’interesse per un progetto di pubblica utilitàDomenica 17 settembreProgramma di massima, area Parri: ore 11,00: presentazione della giornata da parte dei rappresentanti istituzionali della Città e della Circoscrizione; ore 11,15: presentazione del progetto “orti alla Parri” a cura dell’Associazione Terra Mia e percorso agli orti ad opera di Naturart; ore 11,30: apertura della mostra “WS urban micro-landscape, proposte di riqualificazione dell’area Parri” a cura del Politecnico di Torino, e degli – nell’area si potranno visitare stand delle associazioni che vorranno presentare al territorio le loro attività; ore 12,30: firma del protocollo di “Torino camminabile”; ore 12,45: Festa dei vicini e pranzo in collaborazione con Asili notturni Umberto I e Casa del Quartiere, servizio di pubblica utilità per il territorio da parte della Circoscrizione 8.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 set 2017

Officine Grandi Riparazioni: riapre il distretto di creatività e innovazione

di Alessandro Graziano

Con 90 milioni di euro per il restauro e la rinascita dello storico e imponente edificio a forma di H (circa 20.000 mq di superficie per 16 metri di altezza su un’area complessiva di 35.000 mq), le OGR rappresentano il più grande investimento diretto della Fondazione CRT su un unico progetto. Le imponenti opere di riqualificazione hanno coinvolto aziende locali e impiegato più di 100 persone, per circa 300.000 ore complessive di lavoro. Una volta a regime, le OGR creeranno nuova occupazione per oltre 150 posti. Le officine, furono stabilimento di manutenzione di veicoli ferroviari, dapprima delle Strade Ferrate dell'Alta Italia (SFAI), poi della Rete Mediterranea (RM) e infine delle Ferrovie dello Stato. All'inizio del XX secolo, furono soprannominate Officine Nuove, per distinguerle dalle già esistenti di Stazione Porta Nuova; si eseguivano qui le grandi riparazioni delle locomotive a vapore e delle locomotive elettriche a corrente alternata trifase. Nel secondo dopoguerra, cessate le attività sui due precedenti tipi di motrici, furono adibite alla manutenzione delle automotrici. Con l’apertura sabato 30 settembre delle nuove OGR, riqualificate e restituite alla città da Fondazione CRT, nasce a Torino il Distretto della Creatività e dell’Innovazione, punto d’incontro di mostre, spettacoli, concerti, eventi di teatro e danza, laboratori, start up e imprese innovative. Un luogo che diventa progetto, unico esempio di riconversione industriale in Europa finalizzato a far convivere al proprio interno due anime, quella della ricerca artistica, in tutte le sue declinazioni, e quella della ricerca in ambito tecnologico. L’architettura industriale delle OGR, oggi posizionata nel cuore di Torino (in corso Castelfidardo, a pochi metri da Porta Susa e a 50 minuti da Milano con l’alta velocità) ospiterà, in continua rotazione, mostre, spettacoli, concerti – dalla musica classica a quella elettronica – eventi di teatro, danza e arti performative, laboratori, start up, imprese innovative – dai Big Data al gaming – unendo le idee e i valori della creatività con gli strumenti e i linguaggi delle nuove tecnologie digitali. Ad arricchire ulteriormente il quadro, vi sarà un’ampia area dedicata al gusto con un forte legame con la filiera enogastronomica piemontese, pensata per accompagnare i visitatori dalla prima colazione fino al dopo cena. Centro per le arti visive e performative e, insieme, centro per la ricerca scientifica, tecnologica, industriale, le OGR funzioneranno da vera e propria “cassa di risonanza” per il ricco tessuto delle realtà culturali e produttive del territorio: queste ultime saranno messe in connessione con le eccellenze internazionali, in un processo di scambio e trasferimento di competenze attraverso importanti collaborazioni con i player dell’arte e dell’innovazione. Il riordino urbanistico di questa parte di città – per la cui attuazione la Fondazione CRT ha affiancato il Comune di Torino – vede anche la creazione ex novo di due piazze pubbliche, vere e proprie agorà connesse funzionalmente alle Officine, ma liberamente fruibili da tutti come luoghi di relax, riflessione, incontro e socializzazione nell’arco della giornata: la Corte Est, affacciata su corso Castelfidardo, con opere d’arte a cielo aperto – la prima installazione pubblica e site-specific sarà “Procession of Reparationists”, realizzata da William Kentridge, tra i massimi esponenti dell’arte contemporanea a livello mondiale – e l’inserimento nella trama della pavimentazione di elementi sia artistici, quali, ad esempio, i profili metallici a simboleggiare le vecchie rotaie ferroviarie, sia di arredo urbano, come le collinette e le panchine ispirate nel design alle locomotive dei treni; la Corte Ovest, su via Borsellino, con un giardino caratterizzato dall’antica torre dell’acqua e da un palco, posto ideale per eventi, spettacoli, esposizioni, ristorazione e aperitivi en plein air. Il cortile antistante le OGR ospiterà un’importante opera d’arte contemporanea fortemente significativa e simbolica, appositamente realizzata per il luogo e ispirata alla sua vocazione industriale e operaia. L’opera, che entrerà formalmente a far parte della collezione di proprietà della Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT, è stata commissionata a un celebre artista di fama internazionale individuato dalla Direttrice del Castello di Rivoli e della GAM insieme al Comitato Scientifico della Fondazione per l’Arte, e intende essere un dono non solo per le OGR, ma per l’intera città. Sabato 30 settembre avrà inizio il Big Bang: due settimane di festa, fino a sabato 14 ottobre, durante le quali le OGR saranno a ingresso libero e gratuito per tutti, con concerti unici accanto a mostre e laboratori dove i protagonisti saranno i bambini insieme agli artisti.   info e contatti su http://www.fondazionecrt.it/

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 set 2017

La via del design, un bando per l’organizzazione dei mercatini tematici

di Mobilita Torino

Durante la settimana internazionale del Design a Torino (10-16 Ottobre) via Sacchi sarà coinvolta da una serie di eventi indirizzati a evidenziare le potenzialità di un asse porticato lungo un chilometro, mille metri di nobili architetture edificate tra fine Ottocento e primi del Novecento, contigue allo scalo della stazione ferroviaria di Porta Nuova. La Città di Torino, con il coordinamento della Fondazione Contrada Torino ONLUS, ha in programma, dal 10 al 30 ottobre, alcune azioni finalizzate alla rigenerazione urbana della zona che - grazie alla partecipazione attiva dei cittadini, dei commercianti, dei proprietari, degli operatori culturali e delle associazioni – proseguiranno anche negli anni a venire. All’interno del calendario di eventi che coinvolgeranno lo spazio pubblico, locali commerciali e privati, durante i tre week end di ottobre (nei giorni 14/15, 21/22 e 28/29), il comune intende promuovere dei mercatini tematici sul design e più in generale sulla creatività collocati sotto i portici dei sei isolati compresi tra corso Stati Uniti e corso Sommeiller per costituire un'attrattiva capace di riportare in via Sacchi numerosi visitatori. L’individuazione del soggetto che organizzerà e realizzerà l'allestimento dei mercatini avverrà tramite pubblico avviso. Il bando è visibile a questo link . Potranno presentare domanda le associazioni non aventi scopo di lucro le cui finalità siano coerenti con i temi proposti, le associazioni di categoria relative al settore del commercio e quelle relative al commercio su area pubblica, le cooperative sociali con finalità relative ai temi proposti e le associazioni temporanee dei soggetti sopra individuati.  La scadenza per la partecipazione è prevista per il giorno 20 settembre 2017.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 set 2017

Il programma delle domeniche ecologiche del 2017. Nel 2018 sarà la prima domenica di ogni mese

di Mobilita Torino

Domenica 17 settembre, in occasione della Settimana europea della mobilità sostenibile, la città sarà chiusa al traffico per una nuova domenica ecologica, la terza del 2017. Al fine di promuovere la mobilità dolce e diffondere l’uso parsimonioso della propria auto, ne seguiranno altre due, l’8 ottobre e il 5 novembre, arricchite da un nutrito programma di eventi culturali e a tema ambientale. Come nelle precedenti occasioni, il blocco si terrà su tutto il territorio cittadino, tranne alcune vie di accesso alla città, dalle ore 10 alle ore 18. Sono esclusi i mezzi ad alimentazione elettrica e a idrogeno, oltre ai mezzi di particolari categorie di persone il cui elenco sarà definito da un’ordinanza presto pubblicata dall’area Ambiente della Città di Torino. A partire dal 2018, le domeniche ecologiche saranno cadenzate ogni prima domenica del mese, tranne nei mesi di agosto e dicembre. In queste date si concentreranno eventi e iniziative culturali.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
06 set 2017

Aree gioco, gli interventi in atto e in programma

di Mobilita Torino

I tecnici del Verde del Comune continuano ad intervenire sulle situazioni più critiche con progetti mirati e nell’ambito di manutenzioni straordinarie del Verde. Sono tante le segnalazioni di cittadini che lamentano l’usura e, spesso, il danneggiamento delle strutture riservate al gioco dei bambini, cui la Città risponde con un massiccio impegno per la riqualificazione e il rinnovo di tali spazi. “La Città ha avviato un importante programma di cura delle aree gioco –spiega l’assessore all’Ambiente e al Verde Alberto Unia-. Abbiamo a cuore il benessere dei nostri cittadini più piccoli, per i quali la presenza di aree gioco efficienti ed accoglienti è una presenza essenziale nel territorio quale da essi percepito, un punto di riferimento per le occasioni di socialità e di costruzione della propria personalità. I nostri tecnici sono al lavoro in tutte le Circoscrizioni perché è dalle periferie che la qualità urbana deve ritrovare un percorso virtuoso nelle strade della nostra città”.  Progetto AxTOIl Progetto AxTO – azioni per le periferie torinesi - (intervento 1.18), finanziato nell’ambito delle azioni per le periferie con fondi governativi, prevede la realizzazione di dieci aree gioco secondo due principali tipologie: con arredi ludici inclusivi per bimbi da 1 a 8 anni (per un importo di 50mila euro ad area) e per ragazzini da 5 a 14 anni (per un importo di 70mila euro ad area). Gli interventi di AxTo consistono nella posa dei nuovi giochi non prima di smantellare quelli esistenti e di creare una pavimentazione antitrauma, nuovi vialetti e un arredo verde adeguato.La gara d’appalto sarà calendarizzata entro dicembre, con avvio dei cantieri nel 2018 e restituzione ai cittadini entro marzo 2019.I siti interessati dal progetto: corso Toscana – v. Verolengo, piazza Bonghi, piazzale don Pollarolo, via Scialoja, via Mascagni, via Perosi, via Fattorelli, piazza Sofia, strada delle Cacce, via Morandi – via Farinelli , parco Di Vittorio. L’importo totale degli interventi di AxTO è pari a 680mila euro.La manutenzione straordinariaGli interventi di manutenzione straordinaria sono diffusi su tutto il territorio cittadino e si occupano di riqualificare parzialmente o in toto, aree verdi o zone di parchi particolarmente usurate o vandalizzate.Nell’ambito delle manutenzioni straordinarie sono 12 quelle attualmente in corso di realizzazione.  Circoscriz. 1 - Giardino Cristoforo Colombo: messa in sicurezza dell’area giochi con sostituzione della recinzione e della pavimentazione antitrauma, la revisione e/o riparazione delle attrezzature ludiche esistenti, la fornitura di nuovi giochi di tipo inclusivo, il ripristino delle superfici in stabilizzato, riparazione e verniciatura delle panchine e cestini porta rifiuti esistenti; spesa prevista: € 83.813,03 Circoscriz. 2 - Giardino Corso C. Correnti: fornitura e posa di gioco a rotazione in luogo del gioco già rimosso, ripristino recinzione area giochi sul lato verso il corso, sostituzione canestri rotti con porte da calcio con canestri; spesa prevista: € 105.186,63 Circoscriz. 2 - Area giochi di Via Monastir: messa in sicurezza dell’area giochi con sostituzione della pavimentazione antitrauma, ripristino delle pavimentazioni sconnesse in marmette di cls e dei manti erbosi circostanti; spesa prevista: € 13.940,74 Circoscriz. 3 - Parco Ruffini: riqualificazione dell’area gioco con realizzazione di recinzione previo spostamento e riparazione del gioco combinato esistente, realizzazione di relativa piastra e pavimentazione antitrauma; spesa prevista: € 94.091,27 Circoscr. 3 - Via C. Beaumont: ampliamento dell’area giochi esistente con fornitura e posa di nuove attrezzature ludiche, sostituzione della staccionata esistente con una recinzione in grigliato metallico, messa a dimora di alberi, implementazione di elementi di arredo urbano; spesa prevista: € 70.246,26 Circoscriz. 5 - Via Parenzo: rifacimento completo dell’area giochi con sostituzione della staccionata esistente con una recinzione in grigliato metallico, fornitura e posa di nuove attrezzature ludiche, sostituzione della pavimentazione antitrauma ammalorata, riparazione e verniciatura delle panchine esistenti; spesa prevista: € 59.635,43 Circoscriz. 5 - Area giochi Via Stradella / Piazzetta M. F. Rubatto: riqualificazione dell’area giochi esistente con sostituzione delle attrezzature ludiche vetuste; sostituzione delle pavimentazioni antitrauma ammalorate; ripristino delle pavimentazioni circostanti i giochi in marmette di cls a seguito delle modifiche alle piastre giochi; verniciatura delle panchine esistenti; ripristino della recinzione in metallo; rimpiazzo della pianta recentemente abbattuta; spesa prevista: € 69.075,80 Circoscriz. 5 – Area giochi Mortara: completamento dell’area gioco definita nell’ambito della realizzazione del parco Dora; fornitura e posa di attrezzature ludiche su idoneo sottofondo; spesa prevista: € 31.113,26 Circoscriz. 6 - Giardini Via Bologna / Via Benaco: messa in sicurezza delle strutture ludiche ammalorate con rimozione dell’arrampicata in adiacenza alle murature dei bassi fabbricati privati confinanti; demolizione delle pavimentazioni antitrauma e della sottostante fondazione; realizzazione di aiuola con siepi in luogo della precedente area gioco rimossa; spesa prevista: € 9.745,02 Circoscriz. 7 – Area giochi piazza Toti: riqualificazione della piazza con l’ampliamento dell’area verde centrale e il piantamento di nuove specie arboree, rifacimento dell’area gioco esistente con sostituzione dei giochi, delle pavimentazioni e la posa di recinzione; integrazione, recupero e ricollocamento di cestini portarifiuti e panchine; spesa prevista: € 180.000,00 Circoscriz. 8 - Area giochi Via Monte Pasubio / Via Casana: messa in sicurezza e riqualificazione dell’area giochi esistente con rimozione delle pavimentazioni in marmette di cls sollevatesi a causa di radici affioranti; ampliamento delle fasce di rispetto degli alberi; fornitura e posa di nuove attrezzature ludiche; realizzazione di pavimentazioni attorno alle piastre giochi; revisione e/o riparazione di cancelli, panchine e cestini porta rifiuti; spesa prevista: € 92.355,91 Circoscriz. 8 – Area giochi Parco d’Arte Vivente: realizzazione zona gioco nell’ambito del PAV con posa di attrezzatura ludica su vasca di contenimento di ghiaia; spesa prevista: € 50.000,00 L’importo totale degli interventi di manutenzione straordinaria è pari a 859.212,35 euro. Ti potrebbe interessare: Al via il piano di manutenzione straordinaria del verde

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 set 2017

Al via il piano di manutenzione straordinaria del verde

di Alessandro Graziano

La prossima settimana verrà deciso il piano di manutenzione straordinaria di molti spazi verdi di Torino. Secondo Alberto Unia, assessore all’Ambiente, il piano prevede una spesa di 740 mila euro, distribuiti in ogni circoscrizione. Si partirà dall’area di via Revello, dove prima si trovava il centro sociale Gabrio. Verrà riqualificata e nascerà un nuovo giardino, con il rifacimento della pavimentazione e dell’illuminazione. panchine. Importante sarà il confronto con le associazioni e i residenti del territorio». A seguire la sostituzione di scivoli e altalene per bambini nei giardini Napoleoni, in via Troya, e la realizzazione di una nuova pavimentazione in piazza d’Armi, con la riparazione dei giochi. Nei giardini di via Stradella, nella Spina Reale, è poi necessaria la sistemazione dei muretti e degli arredi». Dopo le polemiche di questa estate e primavera, l’erba in diversi punti è ancora alta. Il taglio dell’erba nella circoscrizione Cinque inizierà lunedì, e il lavoro sarà finito in tutta la città entro la fine di ottobre. Infatti in maniera assurda il bando degli sfalci è partito con un mese di ritardo. Ma la scelta delle circoscrizioni di utilizzare gli oneri di urbanizzazione per pagare le ditte appaltatrici ha causato un ulteriore ritardo nei tempi del taglio dell’erba. Vi sarà anche in programma la piantumazione di nuovi alberi. Secondo le parole dell'assessore: «Vorrei che i torinesi ci aiutassero nella cura degli spazi verdi, creando una sorta di comunità attorno a un’area. Non vogliamo delegare un nostro compito ai residenti, ma facilitarli a riappropriarsi di uno spazio vicino a casa. Per questo promuoveremo l’iscrizione a “Torino Spazio Pubblico”, oggi ha un centinaio di volontari che si offrono nel fare piccoli lavori di manutenzione. Oppure assegneremo spazi verdi secondo il regolamento dei “beni comuni”, che consente di dare un’area a una associazione o gruppo di cittadini a fronte di un progetto di riqualificazione». I volontari per gestire e curare la città.  Infatti «I cittadini avranno meno vincoli per poter intervenire per i piccoli lavori di manutenzione come il taglio dell’erba in un’area cani, o la riverniciatura di una panchina. Per la manutenzione straordinaria servirà invece il parere positivo del Comune. Stiamo anche progettando di migliorare i servizi nelle aree». Infine verranno installati nuovi chioschi in molti parchi e giardini che ne sono sprovvisti, insieme ai servizi igienici, che verranno gestiti dai titolari dell’attività.

Leggi tutto    Commenti 0