Articolo
21 set 2020

Prossimi i cantieri al Palazzo del Lavoro

di Alessandro Graziano

Il grande edificio tra i corsi Unità e Maroncelli potrebbe rinascere presto Opera dell'architetto Pier Paolo Nervi, come l'edificio di Torino Esposizioni anch'esso in abbandono, dopo un incendio e l'incuria rappresenta da un lato il periodo d'oro delle Esposizioni torinesi , dall'altro l'incapacità di gestire il bene pubblico. Sostanzialmente invaso da vegetazione, con le vetrate distrutte , il palazzo è da tempo in cerca di una nuova vita e di una massiccia riqualificazione. E nell'anno del sessantennio da quella Expo di Italia '61 il palazzo potrebbe vedere la sua nuova vita. Infatti tramite la Cassa Depositi e Prestiti (CDP), sua attuale proprietaria che ha inaugurato in questi giorni la sua sede torinese, è previsto l'avvio entro la stagione invernale di un corposo restauro degli spazi vetrati e delle facciate dal costo di 25 milioni di euro.  Come riassume l'assessore all'urbanistica Iaria, l'edificio avrà una destinazione interna mista sia commerciale che di servizi, non un nuovo centro commerciale ma più un centro di quartiere e di aggregazione. Proprio CDP Immobiliare si sta già occupando di vendere gli spazi immobiliari che risulteranno da questa operazione di trasformazione e riqualificazione dell'enorme edificio: almeno 45.000 metri quadrati calpestabili interni. Gli spazi propriamente commerciali sarebbero 18.000 mq, mentre 5.000 sarebbero dedicati alle eccellenze Tecnologiche del Piemonte, come una vetrina permanente delle Regione.  L'area legata ai servizi sarebbe di circa 28.000 mq. Mentre 1500 saranno i parcheggi sotterranei a disposizione. Nelle vicinanze ci sarà fra l'altro la nuova stazione di Italia '61 della linea 1 della metro. Il progetto parte da quello del 2012 del famoso studio Rolla, allora commissionato dalla giunta Fassino. Gli spazi potrebbero già essere venduti dalla primavera del 2021. La riqualificazione e rifunzionalizzazione totale del Palazzo avrebbe un costo totale di 150 milioni di euro, mentre un ritorno come oneri al comune di circa 20 milioni.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 nov 2018

Rifacimento via Nizza: nuovi lavori fino corso Marconi

di Alessandro Graziano

Continuano i lavori di risistemazione e rifacimento di spazi pedonali lungo via Nizza Abbiamo visitato il cantiere che sta interessando i l tratto di via Nizza da via Canova circa fino corso Marconi. Sono infatti in realizzazione nuovi marciapiedi , più ampi di quelli preesistenti, fermate del bus nel nuovo spartitraffico centrale e aiuole per la piantumazione di alberi. Il cantiere che non coprirà tutta la strada ma solo fino  piazza Carducci, mira a riqualificare la strada a partire dagli spazi pubblici, con nuova pista ciclabile, arredo urbano e alberature.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 lug 2017

Viabilità | Corso Galileo Ferraris: al via i lavori per realizzare gli incroci rialzati

di Mobilita Torino

Nel mese di luglio verranno avviati i lavori per realizzare gli incroci rialzati e le asfaltaure del tratto di corso Galileo Ferraris tra via Cernaia e corso Matteotti. I passaggi pedonali su c.so Galileo in prossimità delle intersezioni con via Revel, Valfrè / Bertolotti, Promis / Meucci, saranno rialzati, in modo da raccordarli con le quote del viale parco centrale e dei marciapiedi esistenti ed al fine di garantire l'attraversamento in sicurezza dei pedoni e rallentare le auto. Tali opere consentono l'abbattimento delle barriere architettoniche sia per i disabili motori, che per ciechi e ipovedenti, realizzando attraversamenti stradali allo stesso livello dei marciapiedi, in modo che l'utente non trovi ostacoli lungo il suo percorso. Si procederà inoltre alla completa riasfaltatura delle due carreggiate stradali che costituiscono i controviali. I lavori comporteranno la chiusura delle carreggiate di corso Galileo Ferraris, secondo il seguente programma: FASE 1: dal 03 luglio al 23 luglio 2017 compresi: divieto di transito veicolare in Corso Galileo Ferraris tra Via Cernaia e Corso Matteotti carreggiata lato ovest (direzione sud) FASE 2: dal 24 luglio all'11 agosto 2017 compresi divieto di transito veicolare in Corso Galileo Ferraris tra Corso Matteotti e Via Giannone carreggiata lato est (direzione centro); Poiché si interverrà sulla pavimentazione degli incroci, verranno interessati dalla chiusura anche i tratti terminali delle vie Promis, Valfrè, Montecuccoli De Sonnaz, Revel, Bertolotti, Meucci e Giannone in corrispondenza dell'intersezione con il corso G. Ferraris, con conseguente istituzione di divieto di sosta e senso unico alternato a vista, per consentire l'accesso ai residenti. Sia la Fase 1 che la fase 2 sono a loro volta suddivise in sottofasi che permetteranno di lavorare per tratti con chiusure e aperture parziali, in modo da ridurre il più possibile il disagio. Si consiglia di utilizzare i percorsi alternativi degli assi di corso Re Umberto – piazza Solferino e Corso Vinzaglio. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Torino i nostri canali:  Sito internet: http://torino.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaTO/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/1884182511904360/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaTO

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
22 dic 2016

Via delle Orfane: restauro in corso

di Alessandro Graziano

Vi ricordate un articolo di qualche tempo fa su un nuovo restauro in piazzetta della Visitazione?   Bene a distanza di due mesi siamo andati a fare un giro in Quadrilatero. ( http://torino.mobilita.org/2016/10/07/piazzetta-della-visitazione-lavori-in-corso/ ) Il cantiere risulta in avanzato stato operativo. Si lavora sia sul prospetto principale che su ugelli secondari e quindi nel cortile. In particolare nel cortile del palazzo c'è la base operativa del cantiere edile, mentre sulla piazza macchinari e mezzi edili sono stati camuffati da grandi vasi piantumati a rampicanti. Ciò crea un gradevole effetto estetico e scherma la restante parte della piazza.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 set 2016

Corso Gamba: nasce una nuova strada

di Alessandro Graziano

Ne avevamo parlato qualche settimana fa, procedono spediti i cantieri per collegare corso Cirié a corso Gamba attraverso il ricongiungimento che incrocia il nuovo Corso Principe Oddone. Come si vede dalle foto sono stati realizzati lo spartitraffico e le corsie che risultano già asfaltate. In via di definizione anche i marciapiedi e gli impianti di illuminazione. Una volta terminato l'asse Cirié-Gamba costituirà un collegamento trasversale tra il quartiere Valdocco- San Donato, nonché un importante strada per raggiungere la zona commerciale Dora e i quartieri a Nord del fiume.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 ago 2016

Foto | corso Oddone: come ricucire la città

di Alessandro Graziano

Dopo la recente inaugurazione di corso Principe Oddone si avvia l'ultimazione del cantiere del grande asse viario. Ciò che prima la trincea ferroviaria separava adesso la strada unisce. Ma ad essere ricucite e riconnesse saranno presto due importanti strade che trasversalmente taglieranno corso Oddone.  Infatti Corso Ciriè sarà unita a corso Gamba, mentre  strada del Fortino si riconnetterà a via Ottone Rosai. Attualmente ruspe ed escavatori stanno lavorando proprio a queste connessioni. Un ricucitura del tessuto urbano che migliorerà i percorsi viari, ciclabili e pedonali.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 ago 2016

Foto | Cantiere parcheggio Galileo Ferraris: eppur si muove!

di Alessandro Graziano

Il parcheggio di corso Ferrarisi, a rilento per il ritrovamento di manufatti storici, comincia ad entrare nel pieno dell'attività. Operai a lavoro e gru in movimento.  Come avevamo riportato qualche settimana fa, ( http://torino.mobilita.org/2016/06/20/galileo-ferraris-un-parcheggio-a-rilento/ )  riprendono i lavori di realizzazione nel cantiere per la realizzazione di un parcheggio interrato in corso Galileo Ferraris. Oltre la gru intenta a spostare materiali pesanti, all'interno erano presenti parecchi operai specializzati. Il cantiere ha avuto un lungo stop a causa del ritrovamento di parti di mura urbiche e cuniculi sotterranei, che saranno integrati nella struttura stessa e messi in valore. Ricordiamo che a cantiere finito questa parte di corso Galileo Ferraris acquisirà la somiglianza di piazza Solferino, diventando una promenade pedonale. In relazione al cantiere stesso nel tratto del corso tra via Cernaia e  via D. Bertolotti sta avvenendo invece la posa e il rifacimento di alcuni sottoservizi e l'ampliamento dei marciapiedi nello spartitraffico centrale.

Leggi tutto    Commenti 0