Articolo
05 mar 2018

Circoscrizione 5: si parla di Corso Venezia e del tram 10

di Alessandro Graziano

Pubblichiamo un breve resoconto della riunione della Circoscrizione 5 grazie alle informazioni inviate da un nostro utente che ringraziamo Si è tenuta la settimana scorsa presso la Circoscrizione 5  la seduta della IV Commissione con le circoscrizioni 4 - 6 - 7 per la presentazione del progetto per la posa di binari di collegamento della Linea 10 da via Cecchi a via Chiesa della Salute. Era presente Maria LAPIETRA, Assessora alla Viabilità e Trasporti, insieme ai tecnici della Divisione Infrastrutture. Linea tranviaria 10 Collegamento binari della linea tranviaria 10 da via Cecchi a via Chiesa della Salute, è un tracciato di 400 mt e il costo dell’opera è di 2.900.000 €. Questi fondi sono stati ottenuti dal ribasso dei costi preventivati su altri progetti. Cittadini e consiglieri delle circoscrizioni presenti sono intervenuti preoccupati per la contemporaneità dei molti cantieri aperti nella zona: da Corso Venezia a Corso Grosseto. Lamentando inoltre la difficoltà di transito e residenziale di via Chiesa della Salute e via Bibiana e tutte le problematiche della zona. Altro tema discusso attraverso le domande di consiglieri e residenti l’ingorgo che crea la rotonda nella piazza e il sottopasso di Piazza Baldissera che dovrebbe collegare Corso Novara e Vigevano con Corso Mortara. Il progetto è sempre valido ma non ci sono i fondi per realizzare l’opera. Corso VENEZIA Al momento i lavori vanno a rilento, per non dire che sono fermi, in quanto una delle società facenti parte del Consorzio vincitore dell’appalto è fallita. Un curatore fallimentare sta inventariando crediti e debiti e quantificando il valore del materiale e i macchinari presenti in cantiere. È già stata individuata la ditta che sostituirà quella fallita, ma sino a che il curatore fallimentare non conclude il suo operato, il cantiere resterà sotto sequestro e la nuova ditta non potrà iniziare i lavori. Si prevede di completare l’opera da via Breglio all’innesto con la Superstrada per Caselle per la sola corsia di uscita da Torino. Corso Principe ODDONE È stato presentato presso il Ministero di competenza il progetto per realizzare una linea tranviaria che unirebbe  Corso Vittorio Emanuele, e seguendo per Corso Inghilterra, Piazza Statuto, Corso Principe Oddone, giungerebbe in Corso Venezia. Il progetto è in fase embrionale, passeranno anni prima di vedere la luce.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
27 feb 2018

Viabilità | Sottopasso Lanza chiude questa notte dalle 23 alle 5

di Mobilita Torino

Per consentire la rimozione di alcuni pannelli di messaggistica variabile in condizioni di sicurezza sono previste le chiusure notturne di tre sottopassi: - dalle ore 23.00 di oggi, 27 febbraio, e fino alle ore 5.00 di domani, 28 febbraio non sarà possibile transitare all’interno del sottopasso Lanza; - tra domani, 28 febbraio, e dopodomani, 1 marzo, con la stesse modalità, dalle ore 23.00 alle 5.00 del giorno successivo, verranno chiusi, dapprima, il sottopasso Repubblica, e a seguire, il sottopasso Rivoli.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 feb 2018

Lunedì 12 febbraio riapre il sottopasso Lingotto

di Alberto Garbin

Lunedì 12 Febbraio, nel pomeriggio, sarà ripristinata la viabilità nel sottopasso Lingotto. Il sottopasso era stato chiuso per permettere il passaggio in sicurezza della TBM Masha. La talpa ha superato il sottopasso (ad una profondità di circa 20 metri dal livello stradale) ed ora sta scavando in direzione della stazione Lingotto, dove l’arrivo è previsto nel mese di marzo. Nel corso di questa settimana sono stati ultimati i lavori di asfaltatura ed entro lunedì mattina verrà ultimato il ripristino della segnaletica stradale del sottopasso Lingotto per permetterne la riapertura nel pomeriggio. FONTE: Comunicati Stampa Città di Torino

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 feb 2018

Torino-Lione: parere positivo della regione Piemonte sulla variante della nuova linea

di Mobilita Torino

La Giunta regionale ha approvato, su proposta degli assessori ai Trasporti e all’Ambiente, la delibera con cui esprime ai Ministeri dell’Ambiente e alle Infrastrutture il proprio positivo parere sulla compatibilità ambientale e sull’intesa per la localizzazione della variante alla cantierizzazione della nuova linea ferroviaria Torino-Lione. La variante, che non modifica il tracciato dell’opera ma solo la disposizione della cantieristica e consente di ridurre l’impatto sul territorio rispetto al programma originario, è stata richiesta da Telt nel luglio scorso per conformarsi ad una delle numerosi prescrizione con cui il Cipe approvò nel 2015 il progetto definitivo della tratta italiana della parte internazionale. Le opere previste sono: la realizzazione nel Comune di Chiomonte di una nuova galleria di accesso accanto al cunicolo esplorativo realizzato fino al raccordo con le gallerie del tunnel di base e il collegamento al sito di sicurezza sotterraneo di Clarea, che in fase di esercizio sarà utilizzata come galleria di ventilazione con la conseguente eliminazione della centrale di ventilazione in località Clarea in Comune di Giaglione e il trasferimento delle stesse funzioni in località La Maddalena nel Comune di Chiomonte; lo spostamento di circa 4 km del sito sotterraneo di sicurezza di Clarea con passaggio da territorio francese a quello italiano; l’eliminazione del cavidotto interrato da 132 kV parzialmente nel Comune di Venaus ed integralmente nei Comuni di Mompantero e Susa; l’inserimento del Comune di Salbertrand delle attività di carattere temporaneo connesse alla realizzazione della linea. I competenti uffici regionali, nei sette mesi dedicati all’istruttoria ed alla disamina dei progetti presentati, hanno richiesto molte integrazioni e modifiche finalizzate al miglioramento dell’inserimento ambientale e territoriale delle opere previste. Va ricordato, comunque, che esse rivestono un carattere provvisorio in quanto riguardano la cantierizzazione, che verrà smantellata al termine dei lavori di costruzione del tunnel di base. Il parere verrà ora trasmesso al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, cui compete l’espressione finale per l’approvazione della variante. La Regione Piemonte, presente nella Conferenza di servizi nazionale, chiederà al Ministero di far proprie tutte le prescrizioni e le richieste inserite nella delibera.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 feb 2018

Linea 1 metro: la talpa Masha ha superato il sottopasso Lingotto

di Alberto Garbin

La TBM “Masha”, ha ripreso il suo scavo per la realizzazione del tunnel della metropolitana ed ha superato il sottopasso Lingotto. Adesso si trova in prossimità del pozzo di ventilazione (v.Nizza/c.so Caduti sul Lavoro) elegatiall’ospedale Molinette. si sta dirigendo verso il Lingotto. I lavori di scavo in questo tratto sono proceduti con molta cautela a causa della particolare conformazione del terreno e della presenza del sottopasso Lingotto, della fognatura e dei sottoservizi, alcuni di essi Nel corso dei lavori di scavo, a seguito di un locale cedimento del terreno in prossimità della rampa di accesso del sottopasso e dai dati rilevati dal sistema di monitoraggio continuo del terreno e delle strutture, si è riscontrata la necessità di rinforzare e mettere in sicurezza la fognatura SMAT, consolidare ulteriormente il terreno in corrispondenza del sottopasso Lingotto e puntellare lo stesso sottopasso, al fine di garantire la funzionalità dello stesso in superficie (traffico veicolare, sottoservizi). Nei prossimi giorni, i puntelli verranno rimossi e si procederà con l’asfaltatura di alcune zone della carreggiata interessate dagli ulteriori consolidamenti. Verranno quindi eseguite le opportune verifiche della struttura del sottopasso per permetterne la riapertura al traffico in sicurezza entro 20 giorni. FONTE: Comunicati Stampa Città Di Torino

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
29 gen 2018

Porta Susa: ecco il cantiere dell’ingresso Sud

di Alessandro Graziano

Seppur con un anno di ritardo, il cantiere dell'ingresso Sud di Porta Susa avanza Sono di questa domenica le foto allegate nell'articolo che documentano la costruzione dei marciapiedi e del ponte di collegamento tra via Cavalli e corso Matteotti. Da questo ingresso della stazione sarà previsto uno scivolo pedonale, su modello di quello su piazza XVIII Dicembre e quindi verrà abbattuto l'antico muro in mattoni rossi che attualmente delimita parzialmente l'area. Inoltre sembra verrà creata una nuova rotonda su corso Matteotti per permettere la fluidificazione del traffico e più direzioni viarie.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
26 gen 2018

L’Aeroporto di Torino registra nel 2017 il record di passeggeri, migliore anno di sempre

di Mobilita Torino

L'Aeroporto di Torino ha battuto nel 2017 il record storico di passeggeri, superando la barriera dei 4 milioni e il precedente record annuale del 2016, trasportando nel corso dello scorso anno 4.176.556 passeggeri, con una crescita dell'aviazione commerciale di linea e charter del 5,8% rispetto all'anno precedente. Il traffico di linea nazionale è cresciuto del 6,1%, mentre quello di linea internazionale è cresciuto del 3,8%. In aumento anche i movimenti di aviazione commerciale, che nel 2017 sono stati 39.725, con una crescita del 4,7%. Continua così il percorso di sviluppo intrapreso dall'Aeroporto di Torino negli ultimi quattro anni: nel 2017 i passeggeri trasportati su voli di linea e charter sono stati il 32,2% in più rispetto al 2013. L'Aeroporto di Torino ha continuato a migliorare l'offerta voli mantenendo l'equilibrio tra compagnie aeree low cost e full carrier e lo sviluppo di destinazioni nazionali e internazionali. Negli ultimi quattro anni il traffico di linea internazionale è passato dal 40% al 47% del totale e la percentuale di traffico di linea low cost è aumentata dal 25% al 58%. Anche nell'anno passato Roma è stata la prima destinazione servita con oltre 546mila passeggeri trasportati, seguita da Catania con 341mila passeggeri e Londra (collegata con i voli per gli aeroporti di Gatwick, Heathrow, Luton e Stansted) con 319mila passeggeri. La classifica delle prime destinazioni servite prosegue con Napoli, Palermo, Bari, Francoforte, Monaco, Barcellona, Parigi, Lamezia Terme e Amsterdam. Nel 2017 si è rafforzato ulteriormente il traffico verso la Spagna: complessivamente +9,9% di traffico rispetto al 2016 e un totale di circa 400mila passeggeri trasportati sui voli di linea per Barcellona, Madrid, Valencia, Siviglia, Malaga, Ibiza e Palma di Maiorca, mentre il traffico verso il Regno Unito ha segnato un aumento del 10,4%. Sul fronte nazionale si segnala l'aumento del 26,3% del traffico verso gli aeroporti sardi. Nel corso del 2017 sono state introdotte numerose nuove rotte che hanno permesso di raggiungere i positivi risultati in termini di traffico: sul fronte dei collegamenti internazionali sono stati avviati i voli con Copenaghen, Lisbona, Malaga, Siviglia con Blue Air; sono stati inoltre rafforzati i collegamenti con la Romania grazie ai nuovi voli per Iasi di Blue Air e Suceava di Tarom, mentre per il Marocco è stato inaugurato a novembre il nuovo collegamento con Marrakech di TUI fly. Nel periodo estivo è stato inoltre avviato il nuovo volo con Pantelleria di Volotea. Nel 2017 l'Aeroporto di Torino è stato collegato da voli di linea con 58 destinazioni di cui 43 internazionali, rispetto alle 36 destinazioni offerte nel 2013 di cui 22 internazionali: i collegamenti di linea internazionali sono quindi raddoppiati negli ultimi 4 anni. La stagione invernale dei voli dedicati agli sciatori si è arricchita con i nuovi collegamenti di linea per Londra Heathrow con British Airways, Birmingham con Jet2.com e San Pietroburgo con S7 Airlines: un'offerta ancora più ricca che prevede di trasportare in questo inverno 2017/2018, insieme con i voli charter dal Nord ed Est Europa e dalla Russia, +13% di passeggeri neve rispetto alla stagione passata. Il network di destinazioni dirette in tutta Italia e all'estero, insieme con i frequenti collegamenti con gli hub per raggiungere tramite scalo intermedio qualsiasi destinazione nel mondo partendo da Torino, verrà ulteriormente arricchito nel 2018 con nuovi collegamenti recentemente annunciati: Stoccolma e Parigi con Blue Air (rispettivamente dal 20 gennaio e 25 marzo) e Atene con Aegean Airlines da giugno. Accanto allo sviluppo del traffico e delle destinazioni offerte, l'Aeroporto di Torino ha ulteriormente migliorato anche l'offerta commerciale dello scalo: nel corso del 2017 hanno aperto la tecnologica boutique di Marina Militare, il negozio di accessori You B'Jou e il punto vendita di WHSmith, il più importante operatore britannico del retail presente in tutto il mondo, mentre l'offerta food è stata completata con la nuova birreria-hamburgheria di Baladin. La galleria commerciale copre oggi uno spazio di 5700 m², rinnovato negli ultimi quattro anni per il 70% della superficie e che ha visto l'ingresso di numerosi nuovi operatori (+52%).

Leggi tutto    Commenti 0