Articolo
04 feb 2020

Metro linea 2, approvato il progetto di fattibilità Tecnico-Economica

di Mobilita Torino

La Giunta Comunale ha approvato il progetto di fattibilità tecnico economica della linea 2 della metropolitana di Torino redatta dal raggruppamento d'imprese che ha come capofila la società francese Systra. Il tracciato ha uno sviluppo di circa 28 chilometri lungo il quale saranno realizzate 32 stazioni. Progettata per essere compatibile con le diverse tipologie di treni in commercio, sia su gomma che su ferro, la nuova linea avrà caratteristiche simili alla 1 (sarà di tipo ‘automatico leggero’ senza conducente), ma se ne differenzierà necessariamente (in termini di ‘sistema ferroviario’ e dimensioni dei rotabili) anche per tener conto dello sviluppo tecnologico intervenuto in questi anni.Tre le tratte lungo le quali è stato suddiviso il percorso che dal tracciato originariamente previsto nel bando per la progettazione preliminare si è poi allungato a sud-ovest e a nord-est: a quella centrale, tra le stazioni Anselmetti e Rebaudengo (circa 15700 metri e 23 stazioni) si sono aggiunte le estensioni verso Orbassano (circa 5700 metri e 5 stazioni) e San Mauro (circa 6500 metri e 4 stazioni).Fin dalla fase di analisi della domanda di mobilità è infatti emersa chiara la necessità, per la sostenibilità finanziaria dell’infrastruttura, di massimizzarne la capacità trasportistica, creando altresì un vero e proprio sistema di connessioni intermodali col trasporto pubblico e privato.Obiettivi che la progettazione ha perseguito individuando le fermate in modo che le loro aree di influenza fossero in grado di servire nel modo migliore possibile i principali poli di attrazione dell’utenza, realizzando una corrispondenza adeguata con le stazioni del sistema ferroviario metropolitano (Porta Nuova, Rebaudengo e Zappata) e assicurando un alto livello funzionale per garantire un ottimo livello del servizio.La linea 2 della metro di Torino si incrocerà con la 1 in corrispondenza di Porta Nuova, in via Nizza. Proseguendo verso sud toccherà il Politecnico e arriverà allo stabilimento FCA di Mirafiori. Dopo la stazione Anselmetti (ora all’interno dello svincolo della tangenziale sud), raggiungerà Orbassano Centro passando attraverso Beinasco Fornaci, Beinasco Centro, Orbassano Centro Ricerche (dove è ipotizzato il nodo di scambio con mezzi pubblici e privati) e Pasta di Rivalta. La fermata del centro storico di Torino sarà realizzata sotto piazza Carlo Alberto. Si raggiungeranno quindi i Giardini Reali, per toccare poi la frequentatissima zona del Campus Einaudi. Nella zona nord, i treni attraverseranno via Bologna e l’ex trincerone, arrivando nei pressi dell’ospedale San Giovanni Bosco e, quindi, giungere alla stazione ferroviaria Rebaudengo. Dal bivio Cimarosa Tabacchi avrà origine la deviazione che, attraverso piazza Sofia, Banca/Bertolla, via Aosta (dove è prevista la stazione di San Mauro Pra Granda) raggiungerà l’area industriale di Pescarito.Parcheggi di interscambio - con circa mille stalli per vetture ciascuno - saranno realizzati presso le stazioni di Orbassano, Anselmetti e San Mauro Piemonte/Pescarito.Due le ipotesi di posizionamento per il deposito della nuova linea: una a nord nella zona San Mauro-Pescarito, mentre l’area individuata a sud si trova tra il deposito GTT e il cimitero Parco, ad ovest della stazione Anselmetti.L’iter per la costruzione della linea 2 proseguirà ora con la convocazione della conferenza dei servizi e l’avvio della procedura di verifica di assoggettabilità alla valutazione d'impatto ambientale. TI POTREBBE INTERESSARE: Metropolitana di Torino, linea 2

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 ott 2018

Partono da piazza Carlo Alberto i sondaggi per la redazione del progetto preliminare della Linea metro 2

di Mobilita Torino

Procedono le attività  per la redazione del progetto preliminare della linea 2 di metropolitana affidate dalla Città di Torino al raggruppamento d’imprese con capofila Systra. Si è conclusa l’ analisi preventiva sui fabbricati situati nelle aree su cui potrebbe svilupparsi il tracciato della linea, che ha permesso l’acquisizione dei dati generali degli edifici, delle loro caratteristiche morfologiche e storiche e delle caratteristiche strutturali. Sono inoltre conclusi i sondaggi geotecnici e ambientali lungo il percorso della linea sempre funzionali alla progettazione. I campioni prelevati sono stati utilizzati per determinare le caratteristiche meccaniche dei terreni interessati, ma anche il contenuto di sostanze inquinanti e l'altezza della falda nel sottosuolo. I dati raccolti saranno utilizzati per la definizione del tracciato definitivo, delle caratteristiche della galleria e delle strutture di stazione, ma anche per i monitoraggi ambientali durante le fasi di realizzazione dell'opera. Per garantire velocità e rispetto delle tempistiche in fase di realizzazione della linea 2 della metropolitana, è stata, inoltre, attivata la verifica preventiva dell'interesse archeologico. Dopo una prima fase di ricerche bibliografiche e d'archivio si sono individuate le aree a più alto potenziale archeologico in Piazza Carlo Alberto e dinanzi alla Stazione Ferroviaria di Porta Nuova. Verranno pertanto avviati, da questa settimana, i sondaggi archeologici al fine di verificare da subito la presenza di resti archeologici e di modulare conseguentemente la progettazione delle stazioni. Gli scavi inizieranno da piazza Carlo Alberto con due aree interessate dal cantiere, che saranno quella a sud,  sul lato di via Principe Amedeo e Palazzo Carignano e l’area opposta alla piazza, angolo via Cesare Battisti. Successivamente seguiranno alla Stazione Porta Nuova dove il cantiere sarà in adiacenza al fabbricato della Stazione lato via Nizza. La durata dei lavori sarà legata ai possibili rinvenimenti. Intanto domani, venerdì 12 ottobre 2018 alle ore 11,30, nella Sala Capigruppo di Palazzo Civico, si svolgerà il Diritto di Tribuna per presentare la petizione al Consiglio comunale di iniziativa popolare, sottoscritta da 3739 torinesi, riguardante: “Iniziare i lavori della linea 2 della metropolitana dalla stazione Rebaudengo”. Ti potrebbe interessare: Metropolitana di Torino, Linea 1 Metropolitana di Torino, linea 2

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 giu 2018

Metro 2: lavori a partire da Barriera o Mirafiori?

di Alessandro Graziano

Si è molto discusso in questi giorni sull'avvio dei futuri cantiere della metro 2 da Mirafiori dove sarebbe costruito il deposito dei treni La metro 2 probabilmente partirà da Torino Sud. Così hanno di fatto annunciato i tecnici di Systra, la società che si è aggiudicata la progettazione preliminare, spiegando che il punto di partenza dei cantieri della nuova linea, verrà scelto in base al posizionamento del deposito. Attualmente si è individuata l’area Tne a Mirafiori dove si pensa di poter avviare il primo lotto di cantieri nel 2020 tra via Plava e via Anselmetti. All'inizio seocndo progetti preliminari e datati la linea doveva avere due depositi. Uno nell'ex scalo Vanchiglia oramai in disuso e in abbandono ed uno a Mirafiori Sud. Ad oggi invece secondo gli esperti Systra il deposito sarebbe solo uno a Mirafiori. Il che vorrebbe dire ovviamente cominciare i cantieri della linea da sud verso il centro. A discapito da quanto scritto da molte testate (nelle gengive) giornalistiche, la metro arriverà nel futuro fino il quartiere Barriera di Milano e poi a San Mauro. Quindi la zona nord non verrebbe abbandonata o tagliata fuori dal progetto della metro 2. Si tratta di scelte ingegneristiche che comportano anche tagli di risorse economiche, vista l'inutilità di due depositi nella stessa linea. Invece sarebbero utili investimenti pubblici e privati per riconvertire le aree urbane vuote e abbandonate in zona Nord. In realtà l'ex trincea ferroviaria di via Gottardo e company sarà utilizzata per la futura sede di M2. Quindi il deposito a Vanchiglia poteva essere un'ipotesi di riqualificazione urbana. Anche se non si riqualifica un quartiere con un deposito di treni, ma con servizi pubblici, aree verdi, asili, piste ciclabili, aree per mercati artigianali, piazze pedonali e biblioteche. Quindi cari lettrici e lettori la metro arriverà nei prossimi anni fino San Mauro partendo da Mirafiori.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
30 ago 2017

Metropolitana linea 2, affidato l’incarico per la progettazione preliminare

di Roberto Lentini

Come vi avevamo gia anticipato in quest'articolo oggi è stato aggiudicato l'incarico per l'affidamento del progetto preliminare relativo alla linea 2 della metropolitana di Torino. L'incarico è stato aggiudicato  alla società di progettazione delle ferrovie francesi Systra che già nella prima selezione del 3 luglio era risultata la prima con il punteggio di 60,893, L'impresa vincitrice si era impegnhata a ridurre i tempi per la progettazione in nove mesi invece che 12 offrendo altresì un ribasso del 50% rispetto alla base d'asta di 6,7 milioni. Da oggi ci saranno 35 giorni per la presentazione di ricorsi, al termine dei quali si potrà procedere all'eventuale assegnazione definitiva. Il prossimo step sarà il 4 settembre in cui verranno convocati i parlamentari piemontesi, i capigruppo della Città metropolitana e i capigruppo del Consiglio comunale “per illustrare il percorso e condividere i passi necessari per la realizzazione del progetto preliminare e la proposta di modifica del decreto interministeriale“. Ti potrebbero interessare: Metropolitana di Torino, linea 2 Metropolitana linea 2, un tour de force per non perdere i finanziamenti La metro che verrà: tutti i dettagli della linea 2 Metropolitana Linea 2, mercoledi verrà affidato l’incarico per la progettazione  

Leggi tutto    Commenti 0