Articolo
04 set 2017

Al via il piano di manutenzione straordinaria del verde

di Alessandro Graziano

La prossima settimana verrà deciso il piano di manutenzione straordinaria di molti spazi verdi di Torino. Secondo Alberto Unia, assessore all’Ambiente, il piano prevede una spesa di 740 mila euro, distribuiti in ogni circoscrizione. Si partirà dall’area di via Revello, dove prima si trovava il centro sociale Gabrio. Verrà riqualificata e nascerà un nuovo giardino, con il rifacimento della pavimentazione e dell’illuminazione. panchine. Importante sarà il confronto con le associazioni e i residenti del territorio». A seguire la sostituzione di scivoli e altalene per bambini nei giardini Napoleoni, in via Troya, e la realizzazione di una nuova pavimentazione in piazza d’Armi, con la riparazione dei giochi. Nei giardini di via Stradella, nella Spina Reale, è poi necessaria la sistemazione dei muretti e degli arredi». Dopo le polemiche di questa estate e primavera, l’erba in diversi punti è ancora alta. Il taglio dell’erba nella circoscrizione Cinque inizierà lunedì, e il lavoro sarà finito in tutta la città entro la fine di ottobre. Infatti in maniera assurda il bando degli sfalci è partito con un mese di ritardo. Ma la scelta delle circoscrizioni di utilizzare gli oneri di urbanizzazione per pagare le ditte appaltatrici ha causato un ulteriore ritardo nei tempi del taglio dell’erba. Vi sarà anche in programma la piantumazione di nuovi alberi. Secondo le parole dell'assessore: «Vorrei che i torinesi ci aiutassero nella cura degli spazi verdi, creando una sorta di comunità attorno a un’area. Non vogliamo delegare un nostro compito ai residenti, ma facilitarli a riappropriarsi di uno spazio vicino a casa. Per questo promuoveremo l’iscrizione a “Torino Spazio Pubblico”, oggi ha un centinaio di volontari che si offrono nel fare piccoli lavori di manutenzione. Oppure assegneremo spazi verdi secondo il regolamento dei “beni comuni”, che consente di dare un’area a una associazione o gruppo di cittadini a fronte di un progetto di riqualificazione». I volontari per gestire e curare la città.  Infatti «I cittadini avranno meno vincoli per poter intervenire per i piccoli lavori di manutenzione come il taglio dell’erba in un’area cani, o la riverniciatura di una panchina. Per la manutenzione straordinaria servirà invece il parere positivo del Comune. Stiamo anche progettando di migliorare i servizi nelle aree». Infine verranno installati nuovi chioschi in molti parchi e giardini che ne sono sprovvisti, insieme ai servizi igienici, che verranno gestiti dai titolari dell’attività.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 feb 2017

Parco del Valentino: una fontana all’asciutto!

di Alessandro Graziano

La fontana dei 12 Mesi nel parco del Valentino, opera del 1898 e raffigurazione dei 12 mesi e quattro dei fiumi torinesi, è asciutta da tempo per grandi restauri cominciati a Febbraio dell'anno scorso (2016) che sarebbero dovuti terminare a Gennaio 2017, ma adesso a rilento o del tutto fermi con le quattro frecce. Restauri costati 179 mila euro, come si evince dal cartello di inizio lavori. A Febbraio  la fontana risulta infatti  ancora in restauro, forse, con impalcature ancora montate, con le vasche vuote. Restauro che da uno sguardo attento sembra fermo, non vedendosi in giro restauratori o mezzi in movimento. A voi un giudizio e/o commento guardando il reportage fotografico.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
05 dic 2016

Mille sfumature di alberi: Torino più verde

di Alessandro Graziano

E' cominciato il 30 Novembre la piantumazione di 170 alberi all'interno progetto Mille Alberi Torino 2016  nell'area verde triangolare di Lungo Stura Lazio, compresa tra la rotonda di strada dei Biasioni/strada del Pascolo e la centrale elettrica di lungo Stura Lazio 198, nei pressi della pista ciclabile, in modo da renderla più verde e accogliente. Questo sarà il primo passo di Mille Alberi Torino 2016: 2 alberi inoltre sono stati piantati nel giardino della Scuola Materna di Via Guala 140, mentre sabato 19 novembre è stata la la volta di altre 25 piante nella Casa Circondariale Lorusso e Cutugno, un'iniziativa sostenuta dal direttore della struttura penitenziaria e che vedrà la partecipazione attiva dei detenuti che partecipano ai corsi di giardinaggio organizzati nel carcere. Nel Parco del Valentino,recentemente sono stati abbattuti diversi esemplari con problemi di stabilità, è in corso la messa a dimora, a cura del Servizio Verde Gestione, di 35 alberi. E' stata piantata nei pressi della Fontana dei 12 mesi una grande magnolia di grandi dimensioni, donata alla Città da Vannucci Piante Main Sponsor, in occasione del 53° Congresso mondiale IFLA  Federazione Internazionale Architetti del Paesaggio, tenutosi in città nell’aprile scorso, la cui organizzazione ha visto la Città condividere con AIAPP – Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio – il ruolo di Comitato Organizzatore, registrando la partecipazione di mille paesaggisti da tutto il mondo. Nel pomeriggio del 21 novembre, verso le ore 16,00, nei pressi di tale magnolia si svolgerà una festa, alla quale prenderanno parte i cittadini volontari del Congresso. Inoltre, sempre al Valentino sono stati piantati 8 melograni (Punica granatum), 1 tiglio (Tilia cordata), 2 agrifogli (Ilex aquifolium), 10 Lagerstroemie, 1 liquidambar (Liquidambar styraciflua), 1 carpino (Carpinus betulus), 1 Faggio (fagus sylvatica), 3 parrozie (Parrotia persica), 4 bagolari (Celtis australis), 3 querce piramidali (Quercus pyramidalis), La Circoscrizione 5 ha messo a dimora in questi giorni in piazza Don Pollarolo, 3 piante: 2 aceri (Acer palmatum “atropurpureum”) e 1 magnolia (Magnolia soulangeana).  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
15 set 2016

Villa Genero: il decadentismo in collina

di Alessandro Graziano

Passando oltre Villa della Regina, proseguendo sulla strada collinare sorge il Parco di Villa Genero la cui entrata è aperta al pubblico, ed il viale è percorribile anche con mezzi autorizzati: è il Viale Innocenzo Contini. Monumenti nel degrado a Villa Genero „L'area verde, che si estende lungo Strada Comunale Santa Margherita su 43.600 metri quadrati, e fu donata nel 1888 dalla vedova di Felice Genero, banchiere e deputato, alla Città di Torino. “   Siamo andati a visitarla domenica scorsa, documentando il degrado, l'abbandono e l'incuria della villa, sia del parco che dell'arredo tra cui statue e fontane danneggiate e con parti mancanti. Mentre la vicina Villa della Regina è ben curata e mantenuta questo stupendo parco è in abbandono. Alcune aree risultano interdette dalla pellicola arancio di area di cantiere, lavori che sembrano fermi da un bel po'. All'apice della collina si trova poi un tempietto completamente sfigurato, con le finestre e le porte murate e in avanzato degrado. Dal reportage a voi il giudizio.

Leggi tutto    Commenti 0