Articolo
27 lug 2017

Torino, modifiche per alcune linee di bus e tram, sospensione Ztl e pagamento parcheggi strisce blu ad agosto

di Mobilita Torino

La Giunta comunale di Torino ha varato il provvedimento che prevede, come di consueto, la sospensione ad agosto della sosta a pagamento sulle “strisce blu” e delle limitazioni previste dalla ZTL ordinaria. Previste modifiche ad alcune linee GTT. La sosta non dovrà essere pagata dal 14 al 26 agosto (compresi) mentre nulla cambierà nei parcheggi a barriera ed in struttura, nei quali si pagherà anche in quel periodo. Gli abbonamenti ai parcheggi GTT acquistati per settembre potranno essere utilizzati dal 28 agosto, e quelli validi nel mese di luglio lo saranno fino al 12 agosto. Le limitazioni al traffico previste per nella ZTL tra le 7,30 e le 10,30 non saranno in vigore tra il 14 ed il 25 agosto compresi. Metro, bus e tram Per tutto il mese di agosto la metropolitana osserverà il normale orario di servizio. Per quanto riguarda il servizio di superficie, saranno mantenute tutte le principali linee, in particolare quelle che raggiungono il centro. Come di consueto, saranno modificati gli orari dei passaggi alle fermate. Alcune modifiche riguarderanno linee secondarie e i servizi speciali per gli stabilimenti. Queste le principali modifiche. Dal 5 al 27 agosto saranno sospese le linee 6, Star 1 e Star 2. Inoltre, tra il 5 e il 19 agosto non saranno gestite le linee feriali 12, 20, 21, 40, 52, 58, 66, 77, 83, SE2. Le linee 10, 11, 27, 33 e 67 effettueranno il percorso festivo che consentirà, in molti casi, di coprire in parte o integralmente il percorso delle linee feriali non gestite. Nello stesso periodo sarà in servizio la linea 40 navetta da piazzale Caio Mario a via Martiri della Libertà (Moncalieri). I dettagli del servizio estivo su www.gtt.to.it. Servizi turistici In funzione con i normali orari la tranvia Sassi-Superga, i bus Venaria Express (anche lunedì 14 agosto con l’orario feriale) e Rivoli Express e l’ascensore della Mole Antonelliana. L'ascensore sarà eccezionalmente in servizio anche nelle giornate di martedì 8, 15 e 22 agosto (il martedì normalmente è giorno di chiusura settimanale) con il consueto orario feriale, dalle 9 alle 20. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Torino i nostri canali:  Sito internet: http://torino.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaTO/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/1884182511904360/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaTO

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 giu 2017

Nuove politiche per il rinnovo del parco auto: agevolazioni per i veicoli ecologici

di Ludovico Ragonesi

Al fine di incentivare il ricambio dei mezzi più inquinanti con quelli più ecologici, ibridi ed elettrici, verranno rilasciati, a titolo scontato o gratuito, i permessi di circolazione in ZTL.La nuova ZTL avrà infatti regole a favore dei veicoli con meno emissioni inquinanti.I possessori di veicoli dotati di alimentazione elettrica pura potranno richiedere e ottenere il permesso ZTL Blu-A a titolo gratuito anche se non rientrano nelle categorie attualmente autorizzate.I possessori di mezzi ad alimentazione ibrida elettrica e di veicoli bifuel (metano o gpl), che rientrano nelle categorie che hanno diritto al permesso Blu-A potranno ottenerlo ad un costo scontato del 50%. In questo caso è necessaria un'immatricolazione successiva al 2015, emissioni CO2 minori a 110 g/km e la residenza nella città di Torino.Infine i possessori di veicoli commerciali leggeri ad alimentazione bifuel (metano o gpl), avranno la possibilità di richiedere il rilascio di un permesso ZTL tipo BLU-A anche se non rientranti nelle categorie o quantità indicati nell'ordinanza ZTL vigente (n.81355). E' richiesta la residenza o sede legale nella Città di Torino e che il veicolo sia almeno Euro 3.Con questo provvedimento si incentiva il rinnovo del parco auto a favore di veicoli con meno emissioni. Anche chi svolge attività professionale in centro, potrà farlo in deroga alle vigenti regole decidendo di utilizzare un veicolo meno inquinante.Nella seduta di questa mattina è stata inoltre deliberata l'implementazione di nuove azioni per i progetti Europei di cui la Città è partner attiva, ovvero NOVELOG - SETA e SOLEZ. La decisione di prorogare il rilascio di speciali permessi ZTL per veicoli merci ecologici e dotati di un particolare sistema di geolocalizzazione si inserisce in un quadro di gestione smart ed ecologica della logistica merci all'interno della ZTL. Ad oggi con il progetto NOVELOG le ditte che hanno partecipato sono 10, sostituendo 50 veicoli altamente inquinanti con veicoli di nuova produzione, di cui 2 a trazione elettrica, 4 a metano e i rimanenti con Euro5.Tramite il sistema di monitoraggio costante, grazie a una piattaforma informatizzata per la geolocalizzazione, sarà quindi possibile continuare a gestire in modo efficiente la logistica merci e in un contesto di regolazione: “Con riguardo per l'ambiente in quanto saranno rinnovati i tagliandi per gli accessi ai soli mezzi merci con motorizzazione Euro 5 – conclude Maria Lapietra -. Saranno inoltre rilasciati nuovi tagliandi a mezzi merci con massa uguale o minore ai 35 quintali, esclusivamente con trazione a metano, elettrica o ibrida”. Per maggiori dettagli, si rimanda al sito ufficiale della Città di Torino: http://www.comune.torino.it/ucstampa/comunicati/article_527.shtml

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 apr 2017

Ecco il nuovo parcheggio a raso di Corso Galileo Ferraris

di Alessandro Graziano

Inaugurato oggi il nuovo parcheggio a raso lungo corso Galileo Ferraris all'altezza della via Meucci. Il parcheggio suddiviso in 100 posti auto sarà a pagamento, quindi zona blu, e i tagliandi non saranno quelli di GTT ma dell'azienda che sta costruendo il limitrofo parcheggio sotterraneo poco più in là, ovvero la società “parcheggio Galileo Ferraris". È prevista per il prossimo autunno, invece, l’inaugurazione del parcheggio sotterraneo del quale prosegue la costruzione insieme ai lavori per la sistemazione dell’area al di sopra dello stesso. Sono in corso di realizzazione le rampe di accesso al parcheggio interrato e la sistemazione del passaggio pedonale in corrispondenza di corso Matteotti, mentre è stata quasi completata la pista ciclabile.. La sistemazione a parcheggio fa parte della riqualificazione del corso, già terminata sul lato via Cernaia e che trasformerà questa parte del Corso sino l'incrocio su corso Matteotti in un boulevard pedonale. Dalle foto si può notare anche il lato della nuova area pedonale lungo corso Matteotti da cui vi saranno le rampe di accesso al parcheggio Ferraris, le torrette degli ascensori e le nuove aree pedonali.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 apr 2017

Inaugura domani il parcheggio Galileo Ferraris

di Alberto Garbin

Domani, giovedì 20 aprile, verrà aperto al pubblico il parcheggio di superficie denominato “Cernaia”, nella carreggiata centrale di corso Galileo Ferraris tra le vie Meucci e Bertolotti. I posti a disposizione saranno circa un centinaio e sarà prevista una tariffa di 2 euro e 50 centesimi l’ora, dal lunedì al sabato (festivi esclusi) dalle 8 alle 19,30. La gestione dell’area di sosta è della società “parcheggio Galileo Ferraris”: non sono pertanto validi gli abbonamenti Gtt per la sosta a pagamento né i permessi residenti. È prevista per il prossimo autunno, invece, l’inaugurazione del parcheggio sotterraneo del quale prosegue la costruzione insieme ai lavori per la sistemazione dell’area al di sopra dello stesso. Sono in corso di realizzazione le rampe di accesso al parcheggio interrato e la sistemazione del passaggio pedonale in corrispondenza di corso Matteotti, mentre è stata quasi completata la pista ciclabile. Nel frattempo sarà avviato il cantiere per la riqualificazione di via Meucci. L’intervento consiste nella realizzazione di un percorso pedonale alberato nella parte centrale della strada - analogo a quello esistente in via Bertolotti - e con le stesse caratteristiche tipologiche (materiali, illuminazione pubblica, ecc.) di corso Galileo Ferraris. Il progetto prevede la piantumazione di una decina di alberi e la realizzazione di aiuole verdi e piazzette di sosta. FONTE: comunicato stampa Città di Torino

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 apr 2017

Ztl libera per i disabili: nasce la ‘white list’

di Ludovico Ragonesi

I disabili potranno accedere liberamente alla Zona a Traffico Limitato. In Sala Rossa è stata infatti approvata la mozione presentata da Enzo Lavolta che impegna la sindaca e la Giunta a prevedere la creazione di una così detta "white list metropolitana". Una banca dati unica cioè, su scala metropolitana, che contenga i dati dei veicoli collegati ai permessi personali delle persone con disabilità, residenti nei comuni dell'area medesima, per consentirne la circolazione, senza gli attuali ostacoli burocratici. Al momento infatti gli interessati devono sottoporsi a una complessa procedura che obbliga a numerosi passaggi sul sito della Città ed alla produzione di svariati documenti. L’atto impegna inoltre la sindaca a semplificare il portale web del Comune nelle parti che attualmente guidano le persone interessate nella procedura di autorizzazione ai transiti. “Pur concordando con il principio alla base della mozione - ha detto la consigliera Deborah Montalbano - eccepiamo sulla richiesta, al punto due della mozione, di estendere l’iniziativa attraverso l’Anci agli altri Comuni, in quanto troppo oneroso per il Comune farsene carico e a maggior ragione in considerazione del fatto che l’Anci è già impegnata in tal senso". Enzo Lavolta, prima del voto, ha illustrato il senso del punto due della mozione che chiedeva infatti un impegno dell’assessora Lapietra ad intervenire presso Anci e Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, affinché fosse creata una banca dati per estendere l’iniziativa a livello nazionale e consentire l’accesso alle Ztl di tutti i Comuni a chiunque ne abbia titolo. "Oltre alle barriere architettoniche - ha detto - occorre abbattere le barriere burocratiche".

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
20 mar 2017

Rivoluzione zone blu: aumenti e nuovi pass

di Alessandro Graziano

Per la sosta sotto casa nelle aree in cui il parcheggio è a pagamento si passerà dal canone fisso di 45 euro fino a un massimo di 180 euro. Sarà un  vera rivoluzione quella prospettata dalla Giunta comunale su ZTL e zone blu. Il costo dei permessi per la sosta dei residenti su tutta l'area blu, ovvero di sosta a pagamento, di Torino sarà infatti diviso in  Tre  fasce: il prezzo del talloncino, che finora costava 45 euro per tutti: da zero a 20mila euro di reddito Isee la cifrà rimarrà invariata, e calerà a 35 euro per coloro che dispongono di una vettura con una potenza inferiore ai 100 kilowatt e un reddito sotto i 12mila euro. Oltre i 20mila euro, invece, sono dolori: il permesso per posteggiare sotto casa costerà 90 euro per la fascia intermedia (fino a 50mila euro) e infine 180 euro per i redditi oltre i 50mila euro annui. L'aumento, che riguarderà 51mila residenti, verrà stabilito però in base al reddito Isee: chi lo ha inferiore a 20mila euro continuerà a pagare come adesso, per gli altri sono invece stabiliti due scaglioni di 90 euro (fino a 50mila euro di reddito) e di 180 (oltre quella soglia). Chi ha una vettura con potenza sotto i 100 kilowatt e un Isee sotto i 12mila euro se la caverà invece soltanto con 10 euro.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 mar 2017

ZTL: si studiano altre città per un futuro migliore

di Alessandro Graziano

Le ultime due tappe sono Firenze e Pisa per studiare i sistemi e le Ztl che vengono usate nelle due città toscane. Tra fine marzo e inizio aprile il progetto di massima della nuova Ztl di Torino, da condividere poi con le circoscrizioni, i cittadini e le associazioni di categoria, sarà pronto. I capisaldi: orario lungo, fino alle 18 o 19, un numero minimo di ingressi a pagamento al mese, prezzi che variano a seconda dell’Isee o del tipo di motore secondo il principio che più inquini più paghi. L’assessore ai Trasporti e Viabilità della giunta Appendino, Maria Lapietra, ha già visitato Bologna e conosce il sistema dell’Area C adottato a Milano. «Quella di Torino non sarà un’Area C», sottolinea Lapietra. L’assessora non vuole che passi l’idea che basta pagare per poter entrare nella Ztl di Torino. E vuole estendere l’orario. Oggi il divieto di accesso in centro è in vigore dalle 7.30 alle 10.30. «Troppo poco, non ha senso. Per tenere una Ztl così meglio non averla», ha più volte ribadito l’assessora alla Viabilià. Un concetto che è in linea con la petizione promossa da Legambiente e dalle associazioni ecologiste, dove si chiede l’ampliamento orario e geografico della Ztl, oltre all’inserimento di un ticket per finanziare interventi di mobilità dolce e per il trasporto pubblico. Secondo il presidente di Legambiente, Federico Vozza, si potrebbe arrivare a incassare tra i dieci e i venti milioni. Un dato troppo alto partendo dal presupposto che Torino non è Milano e che l’area delimitata dalle telecamere è differente. Il Comune, per ora, lascerà immutati i confini. Cambiarli vorrebbe dire acquistare nuove telecamere o spostare le esistenti. Si allungheranno gli orari, dalle 7 fino alle 19 o alle 18. «Il sistema dei permessi verrà rivisto — dice l’assessora — ma si manterrà il sistema di diritto di accesso per categorie e necessità». Non solo chi ha il permesso potrà entrare. Oggi chi non ha uno dei talloncini da esporre e la targa registrata nella lista, può entrare, lasciare la macchina in uno dei parcheggi in struttura e ottenere un’esenzione a posteriori. Esenzioni che rimarranno anche nella nuova formula, dove l’assessore pensa di adottare correttivi per fornire un numero di accessi al centro in auto a tutti i torinesi. Un ingresso che non si baserà sul solo pagamentodel ticket. «A Bologna c’è un numero massimo di ticket che si possono acquistare al mese per ciascun veicolo», sottolinea Lapietra. Diverso rispetto ad un ingresso basato solo sul pagamento del biglietto come per l’Area C. Dopo tutte le visite l’assessore tirerà una riga e, mettendo insieme i pezzi e gli obiettivi, studierà il modello torinese. «Stavamo pensando di calibrare il costo degli ingressi basandoci sull’Isee o sulla motorizzazione dell’auto — spiega Lapietra — secondo il concetto che più si inquina e più si paga. Stiamo però valutando i pro e i contro, non abbiamo ancora deciso». Tra fine marzo e inizio aprile il progetto organico della nuova Ztl. Il debutto potrebbe scattare già in estate.

Leggi tutto    Commenti 0