Articolo
26 mag 2020

Il pagamento contactless arriva in Metro

di Alessandro Graziano

Novità di questi giorni la sperimentazione a partire dalla stazione Rivoli su obliteratrici con pagamento contactless Sarà possibile entrare nella metropolitana di Torino avvicinando la propria carta di credito su un lettore contactless. Un sistema di pagamento, in Italia già in uso a Milano e a Roma e all'estero in uso già da anni nella tube di Londra. Il lettore installato nella fermata Rivoli non è ancora utilizzabile dalla clientela, ma ha lo scopo di effettuare dei ceck test  che saranno utili a Gtt per  poi posizionare entro il mese di Luglio 2020 almeno un lettore per ogni stazione della linea 1. Sistema di pagamento che potrà essere previsto nella futura Linea 2 di metropolitana, in progettazione definitiva. Come funzionerà il sistema? Nelle città in cui esiste già, viene passata la carta di credito dal lettore in entrata e uscita dalle stazioni. Il sistema in base ai passaggi effettuati addebita un pagamento ottimizzato. Quindi se ad esempio passo la carta  più volte nel giro di una giornata il sistema ottimizza il mio pagamento come biglietto giornaliero. Quindi mi addebita la migliore tariffa sull'uso giornaliero del TPL. Il progetto, ancora allo studio per attuazione e costi, sarà poi di estendere questo metodo di pagamento in maniera progressiva agli altri mezzi quali bus e tram, come i nuovi tram Hitachi in arrivo nel 2021 o i bus Conecto già in uso. Ricordiamo che per i sistemi Android è disponibile una app ToMove che permette l'acquisto di biglietti elettronici dal proprio telefono in modo facile e veloce. Attualmente non è disponibile peri  sistemi Ios.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 apr 2020

METROPOLITANA LINEA 1 | Ripresi da oggi i lavori dei prolungamenti Sud ed Ovest

di Fabio Nicolosi

Riprendono oggi le attività per la realizzazione dei prolungamenti Sud (Lingotto-Bengasi) ed Ovest (Collegno-Cascine Vica) della linea 1 della Metropolitana di Torino. I lavori erano stati sospesi il 22 Marzo con Decreto della Regione Piemonte in seguito all’emergenza Covid-19. In queste settimane Infra.To ha svolto, in videoconferenza, incontri con le imprese volti da un lato ad aggiornare le procedure ed i documenti di sicurezza adattandoli ai contenuti del Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto ed il contenimento della diffusione del virus covid-19 negli ambienti di lavoro e nei cantieri edili, e dall’altro a programmare una tempestiva ed efficace ripresa delle attività produttive, in condizioni di assoluta sicurezza. In tutti i cantieri verranno adottate le misure di sicurezza previste dal “Protocollo di regolamentazione per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 nei cantieri edili”, tra cui il rilevamento della temperatura corporea, l’utilizzo di mascherine di protezione, la distribuzione massiva di disinfettanti per le mani, il rispetto, ove possibile, della distanza di sicurezza e ancora, della pulizia e della sanificazione periodica degli ambienti di lavoro.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
23 nov 2017

Nuovi treni per la linea 1 e prolungamento verso Cascine Vica, la giunta approva le convenzioni con il ministero delle infrastrutture e dei trasporti

di Alberto Garbin

Arriveranno a Torino i fondi per l’acquisto di altri 6 treni da destinare alla linea 1 della metropolitana e per la realizzazione del suo prolungamento verso Cascine Vica.La Giunta Comunale ha approvato nella sua riunione odierna le convenzioni con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per i finanziamenti statali.Il contributo destinato alla realizzazione del primo lotto funzionale “Fermi – Collegno Centro”  previsto dalla convenzione con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti approvata oggi dalla Giunta Comunale è di 123, 7 milioni.In questo primo lotto è prevista a Collegno la realizzazione di due stazioni: “Certosa”, nodo di interscambio con il servizio ferroviario, e “Centro”, ubicata su corso Francia all’altezza dell’attuale sede del mercato.Assomma, invece, a 42,6 milioni di euro l’importo del contributo riconosciuto da una seconda convenzione approvata anch’essa dalla Giunta nella sua riunione odierna.Il finanziamento sarà finalizzato alla fornitura di sei treni destinati alla linea 1 della metropolitana ed è così suddiviso: 28,6 milioni di euro per quattro treni sulla tratta Lingotto – Bengasi e 14 milioni di euro per due treni sulla linea Collegno – Cascine VicaLa fornitura dei primi due treni, dopo la firma del contratto prevista nell’autunno del prossimo anno, avverrà nell’ottobre del 2020, intanto il cronoprogramma fissa a gennaio del 2018 la consegna del progetto esecutivo per la nuova tratta, a cui seguirà l’espletamento della gara.    FONTE: Comunicati Stampa Città di Torino

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
16 giu 2017

Masha riprende il suo percorso.

di Alberto Garbin

Dopo aver completato le verifiche e i test di funzionamento, da ieri la talpa Masha ha ripreso a scavare il tunnel della metropolitana della linea 1, nel tratto che da Piazza Bengasi arriva al Lingotto. La talpa dovrà percorrere 1670 metri sotto via Nizza ad una profondità media di circa 20 metri. Raggiungerà la stazione “Italia 61-Regione Piemonte”, supererà il sottopasso Lingotto ad una profondità massima di 25 metri e ultimerà il lavoro fino al retro della stazione Lingotto dove poi verrà estratta definitivamente. Una volta a regime sarà in grado di realizzare una media di 12 metri di galleria al giorno lavorando 24 ore su 24. La tratta “Lingotto-Bengasi”, che completerà la linea 1 in direzione Sud dove si attesterà il capolinea, è lunga in totale 1880 metri. Il tratto terminale del tunnel già scavato (Bengasi-Pozzo Terminale) permetterà di collocare in questa zona lo scambio per l’inversione dei treni, ciò consentirà di disporre di entrambe le banchine della stazione e di sfruttare appieno le potenzialità del sistema Val che - nelle ore di punta - è in condizioni di offrire una frequenza dei treni ogni 69 secondi. Il tratto di galleria in oggetto consentirà anche il parcheggio di tre treni e consentirà il prolungamento, in futuro, verso i comuni di Nichelino e Moncalieri.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 apr 2017

VIDEO e FOTO | Trasportata in Piazza Bengasi la Talpa Masha: da maggio direzione Lingotto

di Alberto Garbin

Da pochi giorni la talpa "Masha", il macchinario utilizzato per scavare la galleria del prolungamento della linea 1 della metro, è stato trasportato dal Pozzo Terminale a Piazza Bengasi, dove la linea 1 avrà il capolinea. In questo momento si trova all’interno del cantiere base di piazza Bengasi e nelle prossime settimane verrà calata ed assemblata all’interno della stazione per ripartire a scavare il prolungamento sotto via Nizza fino al Lingotto. Previsto per il mese di maggio l’inizio dello scavo vero e proprio verso Lingotto. Fonte: INFRATO

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 mar 2017

Via libera al prolungamento della Linea 1 della metropolitana verso Cascine Vica

di Alberto Garbin

E’ arrivato dal Cipe l’atteso libera al progetto definitivo del prolungamento ad ovest della Metro 1 di Torino, fino al comune di Cascine Vica. L’investimento complessivo è pari a 300 milioni di euro, e a breve verrà anche ufficializzato l’avvio della progettazione esecutiva da parte di InfraTo dell’intera tratta e la predisposizione della gara d’appalto per la realizzazione del primo lotto funzionale, che prevede le prime due stazioni Certosa e Collegno Centro per un importo di 123,7 milioni.   Il prolungamento avrà una lunghezza di 3,4 chilometri. ll tracciato si svilupperà nel comune di Collegno lungo via De Amicis fino all’incrocio con corso Pastrengo, per poi passare sotto la ferrovia Torino/Modane e portarsi sotto corso Francia fino alla frazione di Cascine Vica del Comune di Rivoli, in corrispondenza dell’intersezione con la tangenziale est. Presso la stazione di Cascine Vica verrà inoltre realizzata un’area adibita a parcheggio di interscambio.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 feb 2017

3 mesi di ritardo per il prolungamento della linea 1 della metro.

di Alberto Garbin

Hanno un ritardo di circa tre mesi, "parzialmente recuperabile" anche grazie all'istituzione del terzo turno di lavoro, gli scavi per il prolungamento della linea 1 della metropolitana e la realizzazione della stazione Bengasi. È quanto comunicato oggi in Sala Rossa dall'assessora ai Trasporti Maria Lapietra che ha risposto a un'interpellanza del capogruppo di Forza Italia Osvaldo Napoli. L'assessora Lapietra ha spiegato che, fra i motivi dei ritardi, ci sono le operazioni messe in campo per garantire al massimo la sicurezza del cantiere, le abbondanti precipitazioni dell'autunno e la presenza di acqua nel terreno superiore al previsto. "Si stima un ritardo di circa 3 mesi della galleria" ha detto l'assessora escludendo ulteriori ritardi e prevedendo che "ci potrà essere un recupero parziale del ritardo accumulato. Sarà istituto il terzo turno con i lavori 24 ore su 24". Ad oggi sono stati scavati 210 metri e, per verificare lo stato dei lavori, il prossimo "Tavolo di Cantiere", previsto il 23 febbraio, si svolgerà proprio sul luogo dei lavori. Fonte: Repubblica

Leggi tutto    Commenti 0