Articolo
17 ott 2016

Foto| pedonalizzazione di Corso Siccardi

di Alessandro Graziano

Procedono speditamente i cantieri in corso Siccardi da via Cernaia sino corso Matteotti per la costruzione del parcheggio interrato e la relativa pedonalizzazione del viale centrale del corso. In particolare nel tratto da via Cernaia fino via Meucci  è già stata posata la nuova pavimentazione con la creazione del primo tratto di passeggiata pedonale. Il progetto prevede un nuovo arredo urbano, aiuole, alberature, illuminazione e percorsi per ipovedenti.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 ott 2016

Giardino Clessidra: uno spazio partecipato

di Alessandro Graziano

Qualche tempo fa, vi avevamo parlato del progetto “bilancio deliberativo” della precedente giunta Fassino e della riqualificazione di varie aree verdi della Circoscrizione 7. Quest’anno, con un budget dedicato di 500.000 euro , è stata scelta la riqualificazione dell’area verde “Clessidra”, tra corso Turati e largo Orbassano, corso De Nicola e via Tirreno. A breve partirà il percorso di progettazione condivisa che, com’era avvenuto per la Circoscrizione 7, prevede vari passaggi: incontri pubblici di studio sulle criticità e potenzialità del territorio in oggetto; quindi, i cittadini lavoreranno con i tecnici comunali per la stesura di due o più progetti che saranno votati nei primi dieci giorni di dicembre e quindi presentato al Comune. Infine, dal gennaio 2017 inizieranno i lavori che saranno sotto gli occhi attenti dei cittadini coinvolti. Buon lavoro, dunque, a tutti quei cittadini che vorranno mettere a disposizione della collettività le proprie competenze, la passione e il tempo libero dimostrando come sia possibile un nuovo modello di partecipazione nell’amministrazione pubblica e come questa preveda impegno, dialogo e responsabilità. Un qualcosa di cui abbiamo bisogno come l’aria e che ci ricorda che la partecipazione democratica della cittadinanza attiva non si potrà mai ridurre ad alcuni click su internet. Neppure per una “piccola” cosa come la riqualificazione di un’area verde.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 ott 2016

Corso Vigevano: il cantiere che avanza

di Alessandro Graziano

Continuano i lavori su piazza Baldissera e contestualmente i l cantiere si estende su corso Vigevano. Il progetto in fatti prevede l'adeguamento viario del corso che attualmente è monco nel tratto fino la piazza. Con questo cantiere si procederà a costruire il viale centrale e a connetterlo alla nuova rotonda in costruzione in piazza Baldissera. Di seguito le foto del cantiere e della viabilità.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 ott 2016

To bike pedala con le nuove bici

di Alessandro Graziano

Vi avevamo anticipato alcune rivoluzioni nell’ambito del bike sharing torinese (http://torino.mobilita.org/2016/09/01/tobike-il-bike-sharing-si-espande-in-citta/ ). Di questi giorni sono le conferme a quanto detto  in precedenza: a breve, per le vie della nostra bella città circoleranno le nuove biciclette ToBike. I nuovi modelli saranno più piccoli, maneggevoli e più resistenti, studiati per resistere alla maggior parte degli atti vandalici rinvenuti in questi anni. Avranno tre marce e la le ruote passeranno da 28 pollici a 26, con pneumatico più largo per essere più confortevole nelle vie lastricate e sui sanpietrini. Il cestino – uno dei punti deboli dei precedenti modelli – sarà integrato con il telaio. Altra importante novità è il fatto che l’abbonamento al ToBike potrà essere unito all’Abbonamento Musei: con 39 euro, oltre alla possibilità di visitare i principali musei a Torino e non solo, si potrà utilizzare ogni giorno per un massimo di 4 ore consecutive una bicicletta ToBike, a Torino ma anche in altre città collegate al progetto come Venaria Reale, Collegno, Grugliasco, Alba, Cuneo, Biella ,Chivasso, Rivarolo e altre ancora. Se invece si optasse per il solo abbonamento a ToBike, il prezzo non cambia e sarà sempre di 25 euro. Ultimo, ma non ultimo: l’installazione di nuove 80 stazioni nei prossimi due anni, arrivando a ben 213 stazioni che dovrebbero coprire meglio le periferie, in particolar modo la zona nord della città, ancora poco coperta dal servizio e permettere a chi vi abita soluzioni di mobilità alternative alla propria auto e ai mezzi pubblici.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 ott 2016

Piazzetta della Visitazione: lavori in corso

di Alessandro Graziano

Continuano i restauri e le ristrutturazioni in centro storico. Particolare nel Quadrilatero Romano in piazzetta della Visitazione sono in corso dei lavori di ristrutturazione di un palazzetto ad angolo con via delle Orfane. L'immobile in via delle Orfane 18 è sotto tutela della Sopraintendenza dei Beni Architettonici e Paesaggistici, e il cantiere ha come dicitura cambio di destinazione d'uso dell'immobile, in quanto i lavori di ristrutturazione approvati prevedono una variazione dell'uso abitativo e il recupero dei sottotetti a fini immobiliari. Di notevole interesse è il probabile rifacimento della pavimentazione della piazza interessata dal cantiere, e quindi la possibile riqualificazione di questo spazio urbano.  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 ott 2016

Reale Mutua assicurazioni: ecco il polo Reale Group

di Alessandro Graziano

La più grande compagnia di assicurazioni italiana costituita in forma di mutua rinnova così il suo radicamento sul territorio, volgendo lo sguardo al futuro. Reale Mutua Assicurazioni, dopo quasi due secoli di storia, ha inaugurato lo scorso 30 settembre la nuova sede dai contenuti tecnologici e costi di gestione contenuti. Il luogo prescelto è un isolato che fa parte della cinta quadrata romano-medievale, a ridosso delle antiche mura della città, lungo il confine sud-ovest. Nell'area che ospitava la sede Iren, all'angolo tra corso Siccardi, le vie Bertola, San Dalmazzo e Santa Maria, Reale Mutua Group ha costruito una nuova sede da 23.500 metri quadrati, in grado di accogliere 850 postazioni di lavoro, e un auditorium da 280 posti di fatto riqualificando un grande isolato del centro storico e dotando Torino di un'architettura di qualità. http://torino.mobilita.org/2016/09/06/nuova-sede-reale-mutua/ I fabbricati esistenti sono stati rasi al suolo e sostituiti, al termine di un anno e mezzo di lavori, da tre edifici di altezze diverse, collegati fra loro e affacciati su una corte interna da 350 mq. L'involucro esterno, il cui design è stato affidato allo studio Iotti + Pavarani Architetti, vincitore di un concorso internazionale di idee, dà un'impressione "materica e compatta - spiegano i progettisti -, severo nella composizione, ma luminoso nelle tonalità dei materiali". Massima attenzione è stata dedicata all'organizzazione degli spazi interni, a cura di Artecna srl: si caratterizzano per modularità e flessibilità, pensando innanzi tutto al comfort di chi li vive e li frequenta.  Il complesso è dotato di un impianto fotovoltaico da 400 mq e uno geotermico per sfruttare l'energia prodotta dal calore del suolo. L'illuminazione a led si regola secondo la luce naturale che filtra attraverso le ampie aperture, affacciate soprattutto verso il cortile interno. Tutti gli impianti sono collegati a un sistema di supervisione centralizzato. I 400 mq delle tre terrazze, ricche di verde, sono irrigati con un sistema di raccolta di acqua piovana; l'aerazione interna e l'illuminazione studiate a vantaggio della salubrità dell'ambiente e del benessere dei dipendenti. Dopo essere stata, nel 2012, la prima compagnia assicurativa a ottenere la certificazione ambientale Uni Iso 14001, Reale Mutua conferma così il suo impegno per una crescita responsabile.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 ott 2016

Foto | Piazza Risorgimento si fa smart!

di Alessandro Graziano

Ebbene si: piazza Risorgimento nel quartiere Campidoglio per tre mesi sarà la prima piazza Smart d'Italia. Perché smart? Non a causa di un'auto Mercedes, ma per l'insieme di tecnologie smart che sono state installate grazie al lavoro di una Strat Up piemontese Planet Idea. Quando parliamo di città intelligenti ovvero smart cities intendiamo un dispositivo strategico per contenere i moderni fattori di produzione urbana in un quadro comune e per sottolineare la crescente importanza delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (ICT), del capitale sociale e ambientale nel definire il profilo di competitività delle città, muovendosi verso la sostenibilità e verso misure ecologiche. Lo stesso può essere applicato ai quartieri urbani o alle piazze che ospitano tutte le tecnologie più innovative. In piazza Risorgimento c'è una palestra in grado di produrre energia attraverso lo sforzo di chi usa gli attrezzi, una panchina in grado di rilevare dati ambientali e di riprodurre musica, alcuni mattoni di vetro calpestabili che sono in realtà dei pannelli solari, un totem interattivo, una colonnina per il telesoccorso e avanti ancora. Il progetto è stato sviluppato grazie al bando "Torino Living Lab" promosso dal Comune con Fondazione Torino Smart City e Circoscrizione 4, che ha fatto di Campidoglio un laboratorio di nuove tecnologie. "Con questa Piazza Smart intendiamo dimostrare che una progettazione attenta permette di ottenere grandi benefici sul piano economico, ecologico e sociale per le comunità locali interessate", dice Gianni Savio, presidente di Planet Idea, che in Brasile ha avviato la costruzione di un'intera città totalmente smart.  

Leggi tutto    Commenti 0