Articolo
28 apr 2017

Maggio è alle porte: sarà obbligatorio bippare!

di Alessandro Graziano

Allenati a Bippare Cosi recita la campagna pubblicitaria di GTT già affissa su fermare, bus e tram da inizio anno nuovo. Da Maggio infatti ogni qualvolta che si sale su un mezzo GTT sarà obbligatorio validare con un bip il proprio abbonamento e le tessere Bip. Questa strategia decisa dall'assessore ai trasporti è legata a un controllo più radicale degli  evasori e degli utenti che utilizzano una tale linea o fermata. Perché bippare? Perché così tutti sentono che sono un abbonato.... Perché è un modo per dire che la mia linea è importante. Perché non bisogna sprecare risorse ma intervenire dove serve di più. Perché ci tengo a contribuire al trasporto pubblico nella mia città. Perché aiuto a far capire che siamo in molti su questo mezzo. Bippare... un piccolo gesto che vale molto per la Città. Tutte le informazioni utili le trovate qui: www.gtt.to.it/cms/in-evidenza/3549-bipparevale

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 apr 2017

Novità per corso Venezia: apertura entro l’estate!

di Alessandro Graziano

La rimodulazione della ex sede del passante ferroviario in corso Venezia, tra piazza Baldissera e via Breglio, potrebbe essere completata per l'estate 2017, quindi entro pochi mesi. I tecnici della Città lo hanno riferito ai consiglieri della commissione urbanistica, presieduta da Damiano Carretto, che si sono recati in questi giorni in sopralluogo al cantiere, nei pressi di piazza Baldissera. Nel progetto inoltre nuovi percorsi ciclabili, alberature, disposizione di nuovi parcheggi e collocazione di future fermate di autobus. Dagli uffici tecnici è anche stato annunciato il ripristino del collegamento tranviario tra via Cecchi e via Stradella della linea 10, con la realizzazione di una sede di binari sulla rotonda di piazza Baldissera. Soluzione, questa, che prevede un attraversamento rapido dei convogli, grazie ad un impianto semaforico che garantisce sempre via libera ai tram. Quindi in brevi tempi potremmo rivedere l'intera linea tranviaria 10 senza l'attuale segmentazione con bus dalla stazione XVIII Dicembre al capolinea nord. Vi terremo aggiornati!     foto e novità dalla pagina facebook di CittAgorà - Periodico del Consiglio comunale di Torino

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
21 apr 2017

Ecco il nuovo parcheggio a raso di Corso Galileo Ferraris

di Alessandro Graziano

Inaugurato oggi il nuovo parcheggio a raso lungo corso Galileo Ferraris all'altezza della via Meucci. Il parcheggio suddiviso in 100 posti auto sarà a pagamento, quindi zona blu, e i tagliandi non saranno quelli di GTT ma dell'azienda che sta costruendo il limitrofo parcheggio sotterraneo poco più in là, ovvero la società “parcheggio Galileo Ferraris". È prevista per il prossimo autunno, invece, l’inaugurazione del parcheggio sotterraneo del quale prosegue la costruzione insieme ai lavori per la sistemazione dell’area al di sopra dello stesso. Sono in corso di realizzazione le rampe di accesso al parcheggio interrato e la sistemazione del passaggio pedonale in corrispondenza di corso Matteotti, mentre è stata quasi completata la pista ciclabile.. La sistemazione a parcheggio fa parte della riqualificazione del corso, già terminata sul lato via Cernaia e che trasformerà questa parte del Corso sino l'incrocio su corso Matteotti in un boulevard pedonale. Dalle foto si può notare anche il lato della nuova area pedonale lungo corso Matteotti da cui vi saranno le rampe di accesso al parcheggio Ferraris, le torrette degli ascensori e le nuove aree pedonali.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 apr 2017

Inaugura domani il parcheggio Galileo Ferraris

di Alberto Garbin

Domani, giovedì 20 aprile, verrà aperto al pubblico il parcheggio di superficie denominato “Cernaia”, nella carreggiata centrale di corso Galileo Ferraris tra le vie Meucci e Bertolotti. I posti a disposizione saranno circa un centinaio e sarà prevista una tariffa di 2 euro e 50 centesimi l’ora, dal lunedì al sabato (festivi esclusi) dalle 8 alle 19,30. La gestione dell’area di sosta è della società “parcheggio Galileo Ferraris”: non sono pertanto validi gli abbonamenti Gtt per la sosta a pagamento né i permessi residenti. È prevista per il prossimo autunno, invece, l’inaugurazione del parcheggio sotterraneo del quale prosegue la costruzione insieme ai lavori per la sistemazione dell’area al di sopra dello stesso. Sono in corso di realizzazione le rampe di accesso al parcheggio interrato e la sistemazione del passaggio pedonale in corrispondenza di corso Matteotti, mentre è stata quasi completata la pista ciclabile. Nel frattempo sarà avviato il cantiere per la riqualificazione di via Meucci. L’intervento consiste nella realizzazione di un percorso pedonale alberato nella parte centrale della strada - analogo a quello esistente in via Bertolotti - e con le stesse caratteristiche tipologiche (materiali, illuminazione pubblica, ecc.) di corso Galileo Ferraris. Il progetto prevede la piantumazione di una decina di alberi e la realizzazione di aiuole verdi e piazzette di sosta. FONTE: comunicato stampa Città di Torino

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
18 apr 2017

Corso Matteotti: si lavora al prolungamento!

di Alessandro Graziano

Dopo la pausa pasquale ecco qualche scatto del cantiere di Porta Susa. In particolare le foto riguardano l'accesso sud lato corso Matteotti, dove il gruppo Ferrovie dello Stato sta realizzando il secondo accesso alla stazione e la continuazione del corso in modo di connetterlo con via Cavalli, in modo da creare un asse viario continuo di accesso al centro storico. Il cantiere è stato dato in appalto alla stessa ditta che realizzò il viale lungo corso Inghilterra, la Beta Persei e Bresciani. La larghezza della carreggiata varierà dai 14,5 ai 25 metri. Attualmente sono presenti degli escavatori che stanno scavando sotto il livello della strada, ipoteticamnte per creare la nuova rampa di accesso alla stazione ferroviaria. Il cantiere che nelle previsioni doveva essere smantellato entro giugno, sembra però piuttosto indietro e a rilento. Speriamo presto di darvi news positive a riguardo! Stay tuned!        

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
11 apr 2017

Ex Grandi Motori di corso Vigevano: che fine ha fatto il progetto?

di Alessandro Graziano

Molti di voi magari passando in bus o a piedi hanno notato l'enorme area che si estende su corso Vigevano, Vercelli, via Cuneo. Bene stiamo parlando delle ex Officine Grandi Motori! Edificate a partire dal 1899 su progetto di Pietro Fenoglio nel quartiere Aurora di Torino, ospitavano inizialmente le Officine Meccaniche Michele Ansaldi, dando lavoro a quasi 5.000 dipendenti. L'attività produttiva si è interrotta nel 1972. Il Comune di Torino, attraverso il Programma Integrato dell'"Ambito 9.33 Damiano", ha previsto la demolizione di oltre l'80% dei manufatti. A partire dal 2005 il Comitato Tutela OGM promuove un intenso dibattito sul destino di quest'area industriale che non sortisce l'esito desiderato perché la demolizione comincia il 18 ottobre 2010. Un gruppo di investitori privati avrebbe dovuto costruirvi un grosso centro commerciale, cedendone una parte al Comune per insediarvici il Mercato dei fiori ed un museo delle macchine industriali del Politecnico di Torino. In epoca recente grazie al piano strategico di Torino città metropolitana sull'area sono stati previsti vari servizi urbani compreso un centro commerciale del marchio Esselunga. Infatti la parte del terreno prospiciente corso Vigevano è stata acquistata dal gruppo della grande distribuzione milanese. Si tratta di un progetto molto ampio che prevedeva la costruzione di aree residenziali, artigianali e commerciali (55.000 mq. in totale di cui 20.000 mq. saranno a uso residenziale). Una vera e propria riqualificazione e restauro delle ex officine con investimenti privati. L’area delle ex Officine Grandi Motori, nel quartiere di Aurora, avrebbe dovuto ospitare, oltre all’Esselunga, anche il mercato dei fiori e il museo delle macchine industriali. Dopo l’avvio delle demolizioni dei fabbricati esistenti, il progetto si è fermato. In parte per problemi dovuta alla bonifica dei terreni e dell'area dove sono presenti materiali e scarti industriali, in parte per la burocrazia. Aldilà della possibile costruzione del centro commerciale il progetto sarebbe un grandissimo intervento per la riqualificazione di quella porzione del quartiere Aurora.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
10 apr 2017

Leroy Merlin: nascono gli orti condivisi

di Alessandro Graziano

Orto Fai da Noi, un orto di comunità per coltivare, imparare e condividere   Nasce l’Orto Fai da Noi,  il primo orto di comunità di Leroy Merlin nell'ultimo punto vendita inaugurato a dicembre 2016 nella città di Torino a pochi passi dalla stazione Stura e dalla sede Iveco. L’iniziativa  avviata presso il negozio di Torino-corso Giulio Cesare dove un ampio terreno incolto di pertinenza del negozio diventerà un grande orto urbano. L’area sarà suddivisa in 20 appezzamenti destinati ad altrettante famiglie, che avranno a disposizione cassoni in legno per coltivare ortaggi ed erbe e una casetta per ricoverare gli attrezzi. Aree comuni arredate con tavoli e pergole favoriranno i momenti di incontro fra gli ortolani e altri cassoni saranno dedicati ad attività di formazione sull’orticultura per scuole e famiglie. Gli ortolani saranno accompagnati dal personale del negozio e dall’associazione OrtiAlti  nella realizzazione del loro orto e nella definizione collettiva delle sue regole di gestione. Nei primi mesi di attività, inoltre, personale qualificato sarà frequentemente sul posto per insegnare agli ortolani la cura e coltivazione dell’orto. L’OrtoFai da Noi è un’occasione anche per restituire alla collettività: gli ortolani si impegneranno infatti a donare una parte della produzione degli orti a famiglie in difficoltà economica, tramite il progetto Fa bene del Comitato Promotore S-Nodi. L’iniziativa è aperta a tutti. La richiesta di assegnazione potrà essere effettuata dal 1 marzo al 16 aprile 2017 presso il negozio di Torino, corso Giulio Cesare, consegnando il modulo di adesione compilato, o inserendo i propri dati nel form  sul sito. Nel caso in cui le richieste di adesione risultino maggiori rispetto alla disponibilità di lotti, si privilegeranno i cittadini residenti più vicini alla sede di corso Giulio Cesare.  per farne richiesta clicca sul link sottostante e completa il relativo format: https://csr.leroymerlin.it/ambiente/orto-fai-da-noi/

Leggi tutto    Commenti 0