Articolo
12 dic 2017

Attenzione allo Sciopero GTT di domani 13 Dicembre

di Alessandro Graziano

Nella giornata di mercoledì 13 dicembre 2017 è previsto uno sciopero, della durata di 24 ore, proclamato rispettivamente dalle OO.SS. Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e dalle OO.SS. Faisa-Cisal e Fast- Confsal. IL SERVIZIO SARÀ COMUNQUE GARANTITO NELLE SEGUENTI FASCE ORARIE: Servizio urbano e suburbano della Città di Torino: dalle ore 6.00 alle ore 9.00 e dalle ore 12.00 alle ore 15.00 Metropolitana: dalle ore 6.00 alle ore 9.00 e dalle ore 12.00 alle ore 15.00 Autolinee extraurbane: da inizio servizio alle ore 8.00 e dalle ore 14.30 alle ore 17.30 sfm1 Pont-Rivarolo-Chieri (ferrovia Canavesana) e sfmA Torino-Aeroporto-Ceres: da inizio servizio alle ore 8.00 e dalle ore 14.30 alle ore 17.30 Sarà assicurato il completamento delle corse in partenza entro il termine delle fasce di servizio garantito. Lo sciopero potrà avere ripercussioni anche sull'operatività dei Centri di Servizi al Cliente e sui diversi servizi gestiti da GTT, con conseguenti possibili disagi per la clientela.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
31 ott 2017

2018: l’anno del bonus trasporti pubblici?

di Alessandro Graziano

Le spese per tram, bus, metro e treni regionali potrebbero diventare detraibili fino a 250 euro. Bonus trasporti pubblici 2018, nella nuova Legge di Bilancio 2018, il cui testo è ancora in fase di limature e presto verrà presentato al Senato, vi è un’importante novità: l’inserimento di una nuova detrazione fiscale per chi acquista abbonamenti di autobus e treni del TPL, trasporto pubblico locale, regionale ed interregionale. Dopo anni di annunci, arriva finalmente la detrazione che consente la detraibilità dalle tasse, del 19% delle spese sostenute nel corso dell’anno per l’abbonamento trasporti per un importo massimo di spesa pari a 250 euro all'anno. Tra le principali novità per i cittadini c'è il ritorno delle "agevolazioni fiscali sugli abbonamenti al trasporto pubblico", custodite nel quarto articolo. In particolare, si modifica il testo unico sulle imposte inserendo la possibilità di detrarre dall'imposta lorda il 19 per cento del costo degli abbonamenti trasporti pubblici locali, regionali e interregionali fino a un massimo di 250 euro. La detrazione si estende al datore di lavoro, che potrà farla valere nel caso sostenga le spese per i mezzi pubblici per conto dei dipendenti o dei loro familiari, oppure preveda forme di rimborso nei loro confronti.Alla luce di questa novità prevista dalla legge di stabilità 2018, che ricordiamo non è stata ancora approvata, andiamo a vedere cos’è e come funziona il bonus trasporti 2018 chiamato anche bonus autobus 2018 o bonus treni 2018.  chi spetta la detrazione trasporto pubblico 2018? Spetta a chi acquista un abbonamento per il treno: treni Tpl, trasporto pubblico locale, regionali ed interregionali; a chi acquista una tessera autobus: autobus Tpl, trasporto pubblico locale, regionali ed interregionali.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 ott 2017

Venerdì 27 Ottobre: sciopero generale in vista!

di Alessandro Graziano

Venerdì 27 ottobre è previsto uno sciopero di 4 ore indetto dalle organizzazioni territoriali Filt-Cigl, Fit-Cisl e Uiltrasporti. Lo sciopero si svolgerà con le seguenti modalità: ·        Servizio urbano e suburbano: dalle 15.00 alle 19.00 ·        Metropolitana: dalle 16.00 alle 20.00 ·        Autolinee extraurbane: dalle 10.30 alle 14.30 ·        sfm1 Pont-Rivarolo-Chieri (ferrovia Canavesana) e sfmA Torino-Aeroporto-Ceres: dalle 18.00 a fine servizio Sarà assicurato il completamento delle corse in partenza entro l’orario di inizio dello sciopero. Lo sciopero potrà avere ripercussioni anche sull’operatività dei Centri di Servizi al Cliente e sui diversi servizi gestiti da GTT, con conseguenti possibili disagi per la clientela. Invece circoleranno regolarmente le Frecce di Trenitalia in occasione dello sciopero del personale del Gruppo FS Italiane proclamato da alcuni sindacati autonomi - dalle ore 21.00 di giovedì 26 alle 21.00 di venerdì 27 ottobre - in adesione a uno sciopero generale. Per gli altri treni nazionali si prevedono ripercussioni limitate. Si ricorda comunque che saranno assicurati tutti i convogli elencati nell'apposita tabella dei treni previsti in caso di sciopero, consultabile sull'Orario ufficiale di Trenitalia e sul sito web trenitalia.com. Sarà inoltre assicurato il collegamento fra Roma Termini e l’aeroporto internazionale Leonardo da Vinci di Fiumicino. Per i treni regionali, il cui programma potrà essere oggetto di alcune modifiche, si ricorda che sono garantiti i servizi essenziali assicurati per legge nei giorni feriali, nelle fasce orarie più frequentate dai viaggiatori pendolari (6.00-9.00 e 18.00-21.00).

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 set 2017

Le novità di GTT per l’anno in corso

di Mobilita Torino

Ospiti di una seduta congiunta delle commissioni “Viabilità e trasporti” e “Servizi pubblici locali”, alla presenza dell'assessora al Piano dei trasporti Maria Lapietra, i dirigenti del Gruppo Torinese Trasporti hanno annunciato, questa mattina, alcune novità riguardanti linee, percorsi e mezzi. La novità principale riguarda il collegamento fra le stazioni ferroviarie di Porta Susa e Dora: in concomitanza con la riapertura dell'anno scolastico, l'11 settembre prossimo, verrà inaugurato il servizio “Dora express” con fermate intermedie in piazza Statuto e in piazza XVIII dicembre. Servizio garantito dai nuovi autobus elettrici in dotazione a Gtt. La linea Dora Express consentirà a pendolari e turisti che utilizzano la linea ferroviaria SFMA, e che quindi giungono dall’Aeroporto, di arrivare in centro città in modo semplice e veloce. Proprio per garantire percorrenze rapide il “Dora Express” farà solo due fermate (piazza Statuto e piazza XVIII Dicembre), passando per corso Principe Oddone, oltre ai capilinea a stazione Dora e davanti alla stazione di Porta Susa. La nuova linea sarà in servizio dal lunedì al sabato con orari coordinati all’arrivo e alla partenza dei treni. Il tempo di percorrenza sarà di 15 minuti. La prima corsa sarà alle 6,20 dalla stazione di Porta Susa e alle 7,13 dalla stazione Dora.  L’ultima corsa partirà da Porta Susa alle 19,20 e da Dora alle 20,13. Si potrà viaggiare sulla linea con i normali biglietti e abbonamenti. Inoltre, per il collegamento con l’aeroporto di Caselle, si può utilizzare il biglietto integrato B che consente di usare i mezzi pubblici urbani e la ferrovia (€ 3). Per favorire la visibilità della linea a pendolari e turisti è stato effettuato un intervento di restyling presso la stazione Dora. Dal 2 ottobre, invece, sarà potenziata la linea 13 e verrà prolungato il percorso della linea 19. Modifiche di tracciato e di orario anche per la linea 6 che abbandona i jumbotram, sostituiti dai nuovi autobus elettrici, e adotterà un percorso in grado di sostenere quello della linea 68 per rispondere alle esigenze degli studenti diretti o in arrivo dal Campus Einaudi. L'entrata in servizio dei nuovi autobus elettrici interessa anche alcuni collegamenti extraurbani. Quest'anno sulle tratte verso Settimo e Collegno, nel 2018 anche sui percorsi verso Venaria, Moncalieri e per la linea 1N verso Nichelino. La linea 6, attualmente servita con tram di grandi dimensioni,  non ha mai conquistato l’utenza alla quale intendeva rivolgersi nel momento del suo lancio, avvenuto due anni fa, risultando poco appetibile per gli studenti del campus Luigi Einaudi che hanno continuato a preferirle i bus della linea 68, che in alcune ore del giorno viaggiano al limite della capienza. “Poiché il tratto tra piazza Statuto e corso Regina Margherita è quello con minor domanda ed è servito da numerose altre linee e, al tempo stesso, la linea 68, che collega Porta Nuova con il campus Einaudi, soffre di una domanda superiore all'offerta, si è pensato a una modifica del percorso”, spiegano i tecnici dell’assessorato comunale alla Mobilità dove, d’intesa con Gtt, si sta lavorando con l’obiettivo di un miglioramento del servizio di trasporto pubblico. Il nuovo tragitto, che sarà effettuato con i nuovi autobus elettrici, si svilupperà da piazza Hermada verso corso Regina Margherita, corso Tortona (ospedale Gradenigo e capolinea linea 3), lungodora Firenze (ritorno lungodora Siena – sede Campus Einaudi), ponte Rossini, via Rossini, via Accademia Albertina, corso Vittorio Emanuele fino a Porta Nuova e ritorno e permetterà di migliorare la frequenza dei passaggi del 20 per cento. “Una soluzione - sottolinea l’assessora Maria Lapietra – che porterà una serie di vantaggi, migliorando la connessione tra Porta Nuova e il centro città con il campus Einaudi e favorendo quella con altri poli universitari come Palazzo Nuovo e Palazzo Campana, le residenze universitarie e i collegi. Il nuovo tragitto della linea 6 poi – prosegue l’assessora – non farà venire meno il collegamento tra piazza Hermada e l’ospedale Gradenigo, direttamente, e con il centro città, attraverso comodi interscambi con le linee 3, 55, 15, 16; inoltre consentirà una riorganizzazione dell'utilizzo dei tram che permetterà, come risultato finale, di poter inserire più mezzi accessibili alle persone diversamente abili sulla linea 13”. L’operazione sulla linea 6, libererà risorse per aumentare la frequenza della linea 13 (che percorre il tratto abbandonato dalla 6) e per il servizio DoraExpress. Tra le novità, quella relativa all’uso di autobus elettrici anche sulla linea 19, a partire dal mese di ottobre, e del suo potenziamento in termini di frequenza e del prolungamento fino a piazza Solferino. Con queste modifiche la linea 19 collegherà meglio la zona già servita al centro città e agevolerà gli interscambi con le altre linee. Soddisfatto il presidente della commissione Viabilità e trasporti Damiano Carretto che, al termine dell'audizione, ha dichiarato: “Con questi interventi si migliora la qualità del servizio e si diminuisce la spesa. Ringrazio Gtt e l'assessora Lapietra per l'ottimo lavoro svolto”. 

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 ago 2017

Domani linee deviate per lavori alla sede dei binari

di Mobilita Torino

Ancora deviazioni per lavori alla sede dei binari di via San Francesco d'Assisi, venerdì 4 agosto, dalle 8 alle 18. Ecco nel dettaglio tutte le deviazioni: Linea Star 2. Solo in direzione corso Cairoli: da corso Bolzano deviata in via Cernaia, via Santa Teresa, percorso normale. Linea 6 bus. Solo in direzione piazza Statuto: da corso Regina Margherita angolo via Milano prosegue per corso Regina Margherita, corso Principe Eugenio, corso Beccaria, piazza Statuto, percorso normale. Linea 11. Solo in direzione Torino: da corso Giulio Cesare deviata in corso Regina Margherita, corso Principe Eugenio, corso Beccaria, corso San Martino, piazza VXIII Dicembre, via Cernaia, piazza Solferino, corso Matteotti, via Arsenale, percorso normale. Linea 27. Solo in direzione via XX Settembre: da corso Regio Parco angolo corso Regina Margherita deviata in corso San Maurizio, viale Partigiani, viale I° Maggio (Giardini Reali), piazza Castello, via Pietro Micca, via San Tommaso, percorso normale. Linea 51. Solo in direzione corso Bolzano: a corso Giulio Cesare deviata in corso Regina Margherita, corso Principe Eugenio, corso Beccaria, corso San Martino, piazza VXIII Dicembre, corso Bolzano (capolinea). Linea 57. Solo in direzione Torino: da corso Regina Margherita angolo via Milano prosegue per corso Regina Margherita, corso Principe Eugenio, corso Beccaria, corso San Martino, piazza VXIII Dicembre, corso Bolzano (capolinea). Linea 92. Solo in direzione Fiat Mirafiori: da corso Giulio Cesare deviata in corso Regina Margherita, corso San Maurizio, viale Partigiani, viale I° Maggio (Giardini Reali), piazza Castello, via Pietro Micca, via San Tommaso, percorso normale. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Torino i nostri canali:  Sito internet: http://torino.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaTO/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/1884182511904360/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaTO

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
28 lug 2017

Deviazioni linee tram e bus per lavori del manto stradale dal 31 luglio all’11 agosto

di Mobilita Torino

Da lunedì 31 luglio al venerdì 11 agosto saranno effettuati alcuni lavori di ripristino del manto stradale nell’area interessata dai binari e di revisione dell’impianto tranviario in via XX Settembre, nel tratto compreso tra via Micca e corso Regina Margherita, e in via San Francesco d’Assisi, tra via Garibaldi e via Pietro Micca (esclusa). Nei tratti di strada interessati dai lavori saranno istituiti divieti di transito con esclusione dei residenti e dei mezzi che riforniscono le attività commerciali. Un cantiere per la revisione dell’impianto tranviario sarà presente anche in via Pietro Micca all’incrocio con via Bertola, in questo caso senza creare impedimento al flusso dei veicoli privati. I tram della linea 4 saranno deviati da via XX Settembre  (via San Tommaso nell’altra direzione) in via Pietro Micca, piazza Castello, viale I° Maggio (Giardini Reali), corso Regina Margherita dove riprenderanno il normale percorso. La linea Star 2 (che ricordiamo non sarà gestita dal 5 al 27 agosto), verrà deviata, solo in direzione corso Bolzano, da via XX Settembre in via Pietro Micca, via Cernaia dove riprenderà il consueto percorso. La linea 6 bus, nella sola direzione piazza Hermada, da via XX Settembre sarà deviata in via Pietro Micca, piazza Castello, viale I° Maggio, viale Partigiani, via Denina, corso Regina Margherita quindi riprenderà il percorso abituale. La linea 11, solo in direzione Venaria, da via XX Settembre sarà deviata in via Pietro Micca, via Cernaia, corso Siccardi, via della Consolata, corso Regina Margherita, corso Giulio Cesare, percorso normale. La linea 27, soltanto nelle direzioni via Anglesio e via Torre Pellice (nelle giornate festive) devierà il percorso da via XX Settembre in via Pietro Micca, piazza Castello, viale I° Maggio, viale Partigiani, corso San Maurizio, corso Regio Parco e riprenderà il normale percorso. La linea 51, solamente in direzione piazzale Stura, da via Cernaia angolo corso Galileo Ferraris sarà deviata in corso Siccardi, via della Consolata, corso Regina Margherita, corso Giulio Cesare, percorso normale. La linea 57, solo in direzione San Mauro, da corso Matteotti sarà deviata in corso Galileo Ferraris, corso Siccardi, via della Consolata, corso Regina Margherita, corso XI Febbraio, percorso normale. La linea 92, solo in direzione piazza Donatore del Sangue, sarà deviata da via XX Settembre in via Pietro Micca, piazza Castello, viale I° Maggio, viale Partigiani, corso San Maurizio, corso Regina Margherita, percorso normale. Infine, sarà deviata anche la linea N4 rossa della rete Notturna Night Buster, esclusivamente in direzione Volpiano, da via Po in piazza Castello, viale I° Maggio, viale Partigiani, corso San Maurizio, corso Regina Margherita prima di riprendere l’abituale percorso. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Torino i nostri canali:  Sito internet: http://torino.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaTO/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/1884182511904360/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaTO

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
24 lug 2017

C’era una volta la filovia Torino-Rivoli

di Alessandro Graziano

La filovia attiva dal 1955 al1979 collegava il centro di Torino a Rivoli passando per l'asse di corso Francia  Nel 1950 il consorzio che gestiva la tranvia Torino-Rivoli decise, a causa dell'obsolescenza della stessa, di sostituirla con una più comoda e moderna filovia, che permettesse frequenze maggiori e decongestionasse il traffico su Corso Francia. Il progetto fu approvato dalla Giunta comunale di Torino nel giugno 1952. La nuova linea venne attivata il 13 novembre 1955, e rispetto al vecchio impianto era più estesa, comprendendo anche due brevi diramazioni per Collegno e per Grugliasco, aperte nel 1956. Anche il servizio risultò molto migliorato nei tempi di percorrenza e nelle frequenze: il tragitto da Torino a Rivoli era percorso in 20 minuti, contro i 35 del tram, ed erano possibili fino a 140 corse al giorno (una ogni quattro minuti). La linea rimase in esercizio fino al 1979 dal Consorzio Torino Rivoli Esercizi Autofiloviari (CTREA): in tale anno passò all'ATM che a novembre soppresse l'esercizio sostituendolo con autobus, progettando nell'anno 1980 la sostituzione con una linea tranviaria mai attuata. La parte urbana del tracciato è oggi servita dalla metropolitana Val di Torino, attivata nel 2006 e gestita da GTT che ricopre i l tracciato fino la stazione Fermi di Collegno. Negli anni quindi si è passati dal tram, al filobus, al bus alla metro, in uno degli assi principali di Torino! Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Torino i nostri canali:  Sito internet: http://torino.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaTO/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/1884182511904360/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaTO

Leggi tutto    Commenti 0