Articolo
22 feb 2018

Domenica 25 febbraio ZTL chiusa al traffico

di Alberto Garbin

Tornano le “Domeniche per la sostenibilità”, un’occasione per promuovere la cittadinanza attiva e far crescere la coscienza ambientale. Domenica 25 febbraio sarà la prima di queste giornate, una al mese da febbraio a novembre con uno stop ad agosto: ogni ultima domenica del mese e dalle ore 10 alle ore 18, il centro storico di Torino (entro i confini della Ztl centrale) sarà chiuso al traffico veicolare per diventare uno spazio aperto e vivibile, occasione per riflettere sul rapporto tra salute delle persone e salute dell’ambiente, e come questo rapporto sia indivisibile. Domenica prossima dunque centro storico chiuso al traffico entro i confini della Ztl centrale dalle ore 10 alle ore 18. Esenti veicoli funzionati a motore elettrico o a idrogeno, mezzi pubblici, taxi, noleggio e car sharing e altre categorie elencate nell’ordinanza, che indica anche i limiti della Ztl centrale. Il testo dell’ordinanza n. 09/AA è pubblicata oggi all’albo pretorio del Comune. In occasione della Domenica per la Sostenibilità, Amiat spa parteciperà allestendo in via Roma angolo via Battisti il proprio centro ambientale mobile, un punto di informazione e di sensibilizzazione rivolto alla cittadinanza, per tutta la durata della chiusura al traffico del centro. In quel tratto di strada il personale del Centro Scienza Onlus svolgerà attività di animazione e di educazione rivolta a bambini e adulti. FONTE: Comunicati Stampa Città di Torino

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
19 feb 2018

Gran Madre: prende forma via Monferrato

di Alessandro Graziano

Continua il cantiere per la pedonalizzazione di via Monferrato  Qualche aggiornamento fotografico sui lavori di riqualificazione e pedonalizzazione di via Monferrato, in Borgo Po. Attualmente è stata ripavimentata la metà della strada con pietre lastricate ai bordi e con pietrisco al centro lungo la gronda per le acqua piovane. Secondo quanto riportato nei cartelli del cantiere i lavori si dovrebbero concludere a Maggio 2018. La via sarà dotata, a lavori conclusi, di nuovo arredo urbano, tra cui panchine, fioriere, cestini getta carta e pannelli pubblicitari. I lavori di riqualificazione per un importo di 700.000 euro fanno parte del Pon Metro 2020.    

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
14 feb 2018

Gobee bike dice addio a Torino?

di Alessandro Graziano

Dopo gli abbandoni in alcune città francesi Gobee Bike, il colosso di Hong Kong  ha lasciato anche Torino, la città italiana scelta per sondare il mercato nel nostro Paese. Ufficialmente non sono state date ragioni di questo abbandono, dall'azienda promettono che presto sarà diramato un comunicato ufficiale, ma intanto la maggior parte delle bici è già stata ritirata e ne restano solo una trentina a disposizione. In Francia, la roccaforte europea di Go.bee, sta accadendo lo stesso con Lille e Reims che sono rimaste senza servizio, e anche Bruxelles in Belgio le bici verdi sono sparite, ma dovrebbe accadere lo stesso nelle altre città, da Parigi a Lione dove formalmente è ancora attivo. Le ragioni del forfait sarebbero legate ai problemi tecnici del pannello solare installato sui mezzi per alimentare il servizio di sblocco della ruota e ai troppi episodi di vandalismo. Secondo quanto riportato da Le Figaro, ad esempio a Reims 380 biciclette delle 400 messe a disposizione in città non erano più utilizzabili dopo due mesi di servizio. Ma il problema che rende difficile l'utilizzo in tutta Europa e favorisce però i furti, sarebbe proprio il piccolo pannello solare che non riuscirebbe ad accumulare abbastanza energia a causa della diversa esposizione ai raggi del sole che si ha nel Vecchio Continente rispetto all'Asia dove non si sono mai registrati inconvenienti. Si tratta del primo grande flop del bike sharing di modello asiatico in Europa. Un business su cui molti avanzano dubbi ma che oggi ha una aspettativa di ricavi da 5,8 miliardi di dollari da qui al 2020. Sono almeno 600 i servizi di questo tipo, sparsi in 50 Paesi dove ci sarebbero quasi un milione di bici. Quindi anche da Torino go.bee bike è destinata a sparire, facendo le valigie bici in spalla!  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
13 feb 2018

Lunedì 12 febbraio riapre il sottopasso Lingotto

di Alberto Garbin

Lunedì 12 Febbraio, nel pomeriggio, sarà ripristinata la viabilità nel sottopasso Lingotto. Il sottopasso era stato chiuso per permettere il passaggio in sicurezza della TBM Masha. La talpa ha superato il sottopasso (ad una profondità di circa 20 metri dal livello stradale) ed ora sta scavando in direzione della stazione Lingotto, dove l’arrivo è previsto nel mese di marzo. Nel corso di questa settimana sono stati ultimati i lavori di asfaltatura ed entro lunedì mattina verrà ultimato il ripristino della segnaletica stradale del sottopasso Lingotto per permetterne la riapertura nel pomeriggio. FONTE: Comunicati Stampa Città di Torino

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
12 feb 2018

Iron Valley: il parco Industriale di Torino

di Alessandro Graziano

Nuovo progetto di riqualificazione per il Parco Dora con un allestimento a parco culturale Nell’ambito del programma “AxTo” , programma diretto a riqualificare le periferie torinesi,  la Città di Torino ha indetto un concorso di idee, aperto a gruppi di progettazione, finalizzato ad acquisire una proposta per l’allestimento del Parco Culturale della Torino Industriale denominato Iron Valley,nell’area urbana a verde di Parco Dora. Con il concorso si intendono acquisire quindi idee progettuali per un innovativo museo a cielo aperto che attraverso allestimenti materiali e immateriali possa valorizzare le risorse storico-culturali, architettoniche e paesaggistiche passate e presenti del Parco. Il percorso museale pubblico, valorizzando le emergenze architettoniche post-industriali, dovrà mettere in luce l’identità del luogo, narrarne la sua storia, le sue memorie e il suo presente ripresentando ai fruitori in maniera dinamica e interattiva la realtà lontana e recente di uno dei contesti industriali più significativi della Città di Torino e dovrà, al contempo, stimolare le riflessione sui temi della salvaguardia dell’ambiente evidenziando i grandi passi avanti fatti ad oggi in merito al suo recupero e alla sua tutela. Il parco, uno dei più grandi di Torino, sarà quindi ancor più tematizzato e caratterizzato mettendo in valore la sua storia e i suoi ampi spazi. Una cerniera tra natura ritrovata e edifici industriali!  

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
09 feb 2018

Carnevale di Ivrea, in treno con lo sconto

di Mobilita Torino

Saranno due i treni straordinari che la Direzione Regionale Piemonte di Trenitalia, su richiesta dell’Agenzia della Mobilità Piemontese e in accordo con la Regione, effettuerà domenica 11 febbraio per il “Carnevale di Ivrea”, potenziando la consueta offerta dei giorni festivi. Il treno di andata partirà da Torino Porta Nuova alle 12:30 e arriverà a Ivrea alle 13:30 fermando nelle stazioni di Torino Porta Susa (12:39) e Chivasso (13:05). Il treno di ritorno partirà da Ivrea alle 17:50 e arriverà a Torino Porta Nuova alle 19:25 fermando a Strambino, Mercenasco, Candia Canavese, Caluso, Rodallo, Montanaro, Chivasso e Torino Porta Susa. Inoltre, grazie ad un accordo con la Fondazione dello Storico Carnevale di Ivrea, i visitatori che arriveranno ad Ivrea in treno potranno accedere alla manifestazione con il 20 per cento di sconto sul biglietto d’ingresso. Informazioni anche nelle stazioni, nelle biglietterie, negli uffici assistenza clienti.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
08 feb 2018

Aumenti per i biglietti GTT

di Alberto Garbin

Con l'anno nuovo ricominciano gli aumenti. E il settore dei trasporti non fa eccezione. Infatti a breve il biglietto singolo passerà da 1,5€ a 1,70€. E' questa una delle tante novità che GTT e Comune di Torino vogliono implementare per riformare in tempi di crisi il TPL Torinese. Il biglietto giornaliero invece 3,00€. Altra novità è il pagamento degli abbonamenti in base al proprio Isee, così come sta accadendo per gli abbonamenti per la sosta sulle strisce blu. Cambieranno anche gli abbonamenti per gli studenti, estesi fino al 26esimo anno d'età, indipendentente se effettivamente siano o meno studenti. L'obiettivo di Gtt e della Città di Torino è duplice: da una parte fidelizzare il cliente, dall'altra diminuire drasticamente il fenomeno dei "portoghesi". Quello che speriamo tutti è che l'aumento dei prezzi vada di pari passo anche con un miglioramento della qualità e frequenza dei trasporti pubblici torinesi, a partire dalla rete metropolitana.

Leggi tutto    Commenti 0