Articolo
10 ago 2017

DOMANI VENERDI’ 11 AGOSTO STRADA TRAFORO DEL PINO CHIUSA AL TRAFFICO DALLE 9 ALLE 17

di Alberto Garbin

Proseguono i lavori per il rinforzo strutturale dei viadotti in strada Traforo del Pino che, dopodomani venerdì 11 agosto, sarà chiusa al traffico dalle ore 9.00 alle 17.00. Dopo il 12 agosto, nel tratto compreso tra Sassi e la prima rotonda di Pino Torinese dopo la galleria, la circolazione continuerà ad essere vietata ai mezzi pesanti superiori ai 35 q, mentre le auto potranno procedere a senso unico alternato, regolato da semaforo.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 ago 2017

Linea ferroviaria Lione-Torino, il CIPE approva l’avvio del 1° e del 2° Lotto costruttivo

di Mobilita Torino

Il Cipe ha approvato l’avvio della realizzazione del 1° e del 2° Lotto costruttivo della Linea Ferroviaria Torino Lione sezione transfrontaliera della Sezione internazionale, parte comune italo-francese, oltre a dare il via libera alla articolazione in 5 lotti costruttivi. Con l’approvazione dell’opera secondo la ripartizione in 5 lotti costruttivi in osservanza di quanto disposto dalla legge n.1/2017 di ratifica degli accordi internazionali del 2015 e 2016, dal costo complessivo di 5,5 mld di competenza italiana, e con il finanziamento dei primi due lotti sulla base delle risorse già disponibili (circa 2,9 miliardi di euro) si potrà consentire l’avvio delle gare e, quindi, l’inizio dei lavori, rispettando le tempistiche e gli impegni internazionali sanciti. Inoltre, si permetterà il rispetto degli impegni assunti dal Governo anche per attingere alle risorse Europee già assentite, per oltre 300 milioni di euro. Con l’approvazione dell’istruttoria sono infine garantiti gli impegni assunti, anche in tempi recenti, dal Governo, nei confronti degli enti locali e territoriali interessati dalla realizzazione dell’opera, portando a quasi 100 milioni di euro il valore delle misure di accompagnamento per  interventi di ristoro ambientale e sociale che saranno attuati sulla base di un programma da condividere nell’ambito dell’Osservatorio per l’asse ferroviario Torino-Lione.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
07 ago 2017

Metropolitana linea 2, un tour de force per non perdere i finanziamenti

di Mobilita Torino

La linea 2 della metropolitana di Torino diventa materiale di scontro tra PD e e i Cinque Stelle che governano la città di Torino.  Il governo di città è convinto che entro l'anno verrà presentato il progetto preliminare per non perdere i dieci milioni stanziati dal governo. Al momento la gara per affidare l’incarico di progettazione, per una serie di  intralci burocratici, è stata rinviata a settembre e i tempi per una progettazione a questo punto diventano molto stretti. "I 10 milioni di finanziamento per la progettazione della linea 2 - spieganol’onorevole Paola Bragantini e la consigliera regionale Nadia Conticelli, Presidente della Commissione Trasporti a Palazzo Lascaris. - hanno una scadenza per poter essere impegnati dall’Amministrazione comunale e trasferiti dal Ministero, il 31 dicembre di quest’anno". L'amministrazione comunale sta cercando di ottenere una proroga ma il ministro Graziano Delrio in una nota afferma che  "la situazione è disperata e si dovrebbe fare un’eccezione per Torino".  "Sono mesi – ha spiegato il sindaco Appendino – che insieme all'assessore Lapietra lavoriamo per la progettazione preliminare della metro 2. Ed è in corso un'interlocuzione con il Mit e il ministro Delrio, affinché i 10 milioni destinati alla Città possano essere utilizzati".  Inoltre, dopo le pressanti richieste del senatore Pd Stefano Esposito,  l'Appendino attiverà "entro la fine del mese di agosto un "tavolo trasversale" sulla linea 2 della metropolitana, in modo da mettere insieme "tutte le esperienze e le forze politiche che vorranno partecipare, affinché Torino possa ottenere i 10 milioni per la progettazione dell'opera. Un primo step necessario". Ti potrebbe interessare: Metropolitana di Torino, linea 2

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
04 ago 2017

Lavori ANAS – limitazione della circolazione nello svincolo 1 per RA10

di Mobilita Torino

Il giorno 5 agosto 2017 potranno verificarsi possibili disagi a causa dei lavori di sfalcio erba su entrambe le rampe dello svincolo 1 di immissione e uscita dal RA10 "Torino-Caselle" e dalla A55 " Tangenziale nord di Torino", che verranno chiuse alternativamente per un tempo massimo di 30 minuti nella fascia oraria compresa tra le ore 5 e le ore 14, con deviazione del traffico sul posto. La limitazione potrà comportare un aumento del tempo di percorrenza. Si invitano i passeggeri a programmare con adeguato anticipo il loro arrivo all'Aeroporto di Torino.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
03 ago 2017

Ciclovia VenTo, la tratta milanese prende forma

di Mobilita Torino

La ciclovia che collega Venezia e Torino lungo il fiume Po, più conosciuta come la VenTo, devia il suo percorso su Pavia e Milano seguendo il Naviglio Pavese fino alla Darsena, inserendosi così in una rete ciclabile già esistente. Milano ha già dato parere favorevole per la realizzazione del progetto con finanziamenti anche dalla Regione Lombardia che coprirà il 50% del costo di realizzazione della tratta. Il ministero per le Infrastrutture e dei Trasporti ha già assegnate  risorse per 2,75 milioni di euro per un costo stimato complessivo di 129,70 milioni di euro.  VENTO è il progetto di dorsale cicloturistica da VENezia a TOrino lungo il fiume Po. 679 km prevalentemente lungo le sommità arginali del fiume, attraversando il territorio di 4 Regioni, 12 Province e 121 Comuni. VENTO è al tempo stesso un progetto di tracciato e di infrastruttura: un file rouge attraverso il quale ricucire la bellezza di luoghi e storie oggi separati e per nulla conosciuti. La progettazione di un’infrastruttura ciclabile inizia con la scelta del tracciato: VENTO corre in parte sulla sponda destra e in parte sulla sponda sinistra del fiume Po, lungo i suoi argini, e ricalca parzialmente il tratto italiano di Eurovelo n. 8 e in il percorso Bicitalia n. 2. La scelta del tracciato di VENTO è frutto di un lungo lavoro svolto direttamente sul territorio: oltre 1.000 km di sopralluoghi e un accurato rilievo in campo hanno permesso di scegliere il tracciato e individuare le potenzialità e criticità presenti lungo questo tracciato. Le informazioni raccolte hannno costituito la base per la progettazione tecnica e la stima del costo di realizzazione. Ti potrebbe interessare: Progetto VENTO: scopriamo insieme di cosa si tratta.

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
02 ago 2017

Dal 2 ottobre nuova area di sosta a pagamento

di Mobilita Torino

Dal 2 ottobre verrà ampliata l’area per la sosta a pagamento. L’estensione avverrà nella circoscrizione 7 (circa 2.100 posti auto, a fronte di circa 3.600 residenti), nell’area, denominata sottozona E2, compresa tra lungo Dora Savona, lungo Dora Siena (ambo i lati), corso Tortona (escluso), corso Regina Margherita e corso XI Febbraio (per questi ultimi, solo i lati rivolti verso la nuova zona a pagamento). Una zona promiscua, in cui è possibile sostare sia con i permessi residenti per la sottozona E2 che con quelli per la sottozona E1, è presente nel tratto di corso Regina Margherita compreso tra corso XI Febbraio e piazzale Regina Margherita. Nell’area attorno alle strutture ospedaliere, delimitata da corso Regina Margherita, via Fontanesi e corso Tortona, per favorire la possibilità di visita ai familiari, come già accade presso gli ospedali dalle altre zone, sarà istituito un orario ridotto per il pagamento, che andrà dalle 8 alle 18.30. La tariffa per il parcheggio sarà di 1 euro all’ora (biglietto giornaliero dalle ore 8 alle ore 19.30 a 7 euro; carnet 10 voucher a 9 euro), con la possibilità, come nelle altre zone a pagamento, di usufruire di carnet orari o di abbonamenti scontati. Il settimanale che coprirà l’intera giornata (dalle 8 alle 19.30) avrà un costo di 19 euro. Saranno disponibili due tipologie di tessere plurisettimanali: 180 ore a 50 euro e 450 ore a 100 euro. Chi non risiede nella nuova zona di sosta a pagamento potrà acquistare abbonamenti mensili a 70 euro, trimestrali a 165 euro e annuali a 585 euro. Verranno confermate le consuete agevolazioni previste per i residenti ed i dimoranti. Sarà possibile effettuare la registrazione ed ottenere direttamente a casa il permesso per i residenti attraverso l’e-commerce del sito www.gtt.to.it o richiederlo tramite posta utilizzando l’apposito modulo inviato a domicilio (scaricabile anche dal sito GTT). Dal 14 settembre personale GTT sarà presente presso il centro di lungo Dora Savona 30 per fornire informazioni e dare supporto per l’acquisto online del permesso. Questi gli orari di apertura del punto informativo: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8.30 alle 12.30, martedì e giovedì dalle 14.00 alle 17.00. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Torino i nostri canali:  Sito internet: http://torino.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaTO/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/1884182511904360/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaTO

Leggi tutto    Commenti 0
Articolo
01 ago 2017

Torino, laboratorio per lo sviluppo di una piattaforma MaaS per la mobilità sostenibile

di Mobilita Torino

Torino sarà una delle città, con Berlino, Manchester e Göteborg, dove si testerà un servizio MAAS (acronimo di Mobility as a service). La Città, insieme alla società partecipata 5T, è infatti tra i partner di IMove, progetto del programma europeo Horizon 2020 che ha tra i suoi obiettivi la realizzazione di un servizio MaaS, che possa operare indistintamente nelle varie città europee attraverso la connessione roaming. MaaS è un nuovo modello di trasporto che si basa sull’ integrazione di tutti i servizi di trasporto (l'unione di trasporto pubblico, taxi, car-sharing, bike-sharing, scooter-sharing e noleggio a lungo termine) in un unico servizio in abbonamento o in una formula a consumo fruibile tramite app.L'obiettivo è gestire gli spostamenti nel modo più intelligente ed economico possibile: pertanto ai viaggiatori è offerta una combinazione di servizi diversi fra loro, ma perfettamente integrati che possono essere abbinati in maniera personalizzata e attraverso una sola operazione.Col la diffusione di questo nuovo modello diverrà sempre meno conveniente possedere un’auto perché con una spesa minore sarà possibile garantirsi tutti gli spostamenti necessari alla vita sociale e familiare.Nell’abbonamento, oltre ai servizi di trasporto, potranno essere inclusi altri servizi come la possibilità di abbonarsi a musei, cinema, teatri e servizi di acquisto online. “Vedo come laboratori ideali per questo progetto quelle aree della città dove il possesso di un’auto si scontra con la carenza di parcheggi – commenta l’assessore alla Viabilità Maria Lapietra - . È proprio per questo che il mio primo pensiero va al Borgo Vecchio del quartiere Campidoglio: qui verranno potenziati i servizi di mobilità in sharing, verranno introdotti innovativi servizi di mobilità, come le mini car elettriche. Inoltre, se attraverso le misure del “Collegato Ambientale” ci verranno assegnate le risorse che abbiamo chiesto potremo avere a disposizione dei “buoni mobilità” con i quali chi deciderà di rottamare la propria vecchia auto potrà acquistare servizi di abbonamento MaaS. Tutto ciò per garantire ai cittadini una più sostenibile alternativa all’utilizzo del mezzo privato.” A realizzare la piattaforma tecnologica del servizio MaaS sarà URBI, una startup di proprietà di TELEPASS, mentre l’integrazione con il servizio di trasporto pubblico e il BIP verrà curata dalla società in house 5T. Per rimanere sempre in contatto con Mobilita Torino i nostri canali:  Sito internet: http://torino.mobilita.org  Fanpage: https://www.facebook.com/MobilitaTO/  Gruppo Facebook: https://www.facebook.com/groups/1884182511904360/  Twitter: https://twitter.com/MobilitaTO

Leggi tutto    Commenti 0